Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

16 luglio 2008

Tassa sull'aria



L'Italiano è sicuramente il più tartassato attualmente dell'intero mondo occidentale. C'è letteralmente da uscirne pazzi. Pensateci su: Chi di voi non gli è mai uscita dalla bocca la frase: "Chissà quando quelli là non si inventeranno una tassa sull'aria (inquinata) che respiriamo?"
Detto fatto! Ora però il copyright andrà a questa località siciliana:

«Soffermandosi per più di quindici minuti in questo locale si prega di contribuire con euro 0,50 (per aria condizionata)». Pochi giorni fa, sempre a Marina di Modica, la polemica di una mamma indignata quando si è vista chiedere cinquanta centesimi dal titolare di un bar per riscaldare il biberon del suo bambino. Passando da un esercente all’altro, ecco arrivare l’imposta sull’aria.
Così provate ad entrare in questo supermercato. L’aria è fresca. La gente tanta. Alla cassa si formano file interminabili. I vacanzieri di ritorno dal mare affollano i corridoi per fare la spesa. E quasi tutti allo stesso orario.
Troppa folla, troppa ressa. Il contatore dell'energia elettrica gira e segna i kilowatt consumati. I clienti aspettano. Alcuni con pazienza, qualcuno sbuffa.
Tutti, respirano.
L'attesa, prima di mettere mano al portafoglio, davanti alla cassa è estenuante. Il conto, salato. Il respiro sembra accelerarsi e l’aria restringersi.
«No, basta. Qui bisogna risparmiare» si sono detti i proprietari del supermercato che hanno deciso di educare i clienti a un sano principio di rispetto della natura e delle sue risorse più nobili.
E allora chi staziona in fila davanti alla cassa, o in generale, all’interno del supermercato, per più di un quarto d'ora, deve pagare cinquanta centesimi.
Senza sconto e solo se respira.

Fonte

1 commento:

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good