Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

31 luglio 2008

Energia Assassina

Penso seriamente che il mondo, penso all'occidente ma non dimentico anche la parte più povera del pianeta, la stragrande fetta della popolazione mondiale, sta davvero andando finalmente e totalmente a rotoli, in modo definitivo.
In Italia la situazione è disperata, in qualche altra nazione i politici avrebbero alzato le mani e portato i libri contabili in tribunale e avviato la pratica di fallimento. In Italia invece ora i problemi (tanti, troppi), vengono affrontati con ottimismo e efficienza dalla maggioranza e, serenamente pagatamente contrari, dall'opposizione.
Dunque niente panico gente, l'italia ce la farà (nessuno ha spiegato a che cosa..)
In campo energetico la svolta: all'improvviso siamo diventati moderni e efficenti e nel giro di pochi anni finalmente saremo liberi di usufruire di tutta l'energia che vogliamo, naturalmente pagandola.
Si perchè come si sa, e come dev'essere, nel mondo globalizzato ogni cosa ha un suo prezzo e la libera concorrenza economica deve sempre farla da padrone.
Dall'oggi al domani abbiamo il problema dei rifiuti, ed ecco che finalmente costruiamo i ben noti termovalorizzatori, che altrove non costruiscono più, ma almeno li chiamano come devono essere chiamati: inceneritori... Quei paesi infatti si sono accorti che si producono tanta energia ...ma danno un problema: sono altamente dannosi per la salute.
Da noi si punta tutto sugli inceneritori ed ecco che magia, si lascia in secondo terzo piano la raccolta differenziata dei rifiuti, che risolverebbe con poca spesa l'emergenza rifiuti dovunque.
Il petrolio è alle stelle (ma nessuno dice che in poco tempo è calato di quasi 30 dollari, al contrario alla pompa rimane altissimo), l'energia giustamente costa, ed ecco che ci inventiamo la soluzione del nucleare. Mi chiedo per esempio se in Francia, dopo i continui incidenti e le fuoriuscite di materiale radioattivo, c'è almeno qualcuno che si sta cagando addosso dalla paura, oppure grazie alle rassicurazioni in tv e nei giornali dormono tutti sogni tranquilli (visto l'andazzo... opto per la seconda ipotesi).
Per anni ci hanno spiegato che l'utilizzo del carbone era altamente tossico per la salute, ed ecco che magicamente ora si tornano a costruire le centrali a carbone, con la scusa che le nuove tecnologie hanno fatto il miracolo, hanno pulito il carbone, insomma è lui anche se non è più lui...
In questa italietta le soluzioni devono essere costosissime, perchè più l'innovazione costa, più persone possono partecipare alla fetta della torta...
Oh, naturalmente la torta la paghiamo solamente noi .... e non importa se per queste rivoluzioni energetiche ci scappa il morto prima, durante o dopo...
Qualcuno ogni tanto si azzarda a dire che le fonti rinnovabili sono costosissime e non ci farebbero risolvere il problema energetico, e poi si scopre che col costo totale di future centrali elettriche, a carbone e nucleari riempiremo un paio di Italie (se ci fossero) di pale eoliche e di pannelli solari.
Che tristezza...

http://www.dazebao.org/news/images/stories/archivio2/no-al-carbone.jpg

«I pochi che ancora non hanno capito, capiranno. Dopo tanti sacrifici, anni di lavoro e qualche vita umana, si è costruita questa modernissima centrale dove tutto è controllato e tutto è sicuro». Il ministro Scajola all'inaugurazione della centrale a carbone di Torrevaldaliga Nord (Ansa)


http://www.corriere.it/Media/Foto/2008/07/31/SCA--180x140.JPG


Centrale a Carbone di Torre Valdaliga Nord. Il comitato cittadini liberi denuncia l’Enel

Nel mese di maggio si è svolta sull'Aurelia, nel comune di Tarquinia, la grande manifestazione contro il carbone, che ha visto la partecipazione di oltre 4000 persone e 250 trattori. Nei giorni precedenti, dopo che il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola ha dato la sua adesione alla manifestazione, l’Enel ha annunciato ufficialmente l’interruzione dei rapporti con il Comune etrusco. “L’Enel – riferiva la s.p.a. elettrica in un comunicato diffuso, – prende atto della decisione del sindaco di Tarquinia di partecipare alla manifestazione. Tale decisione è incompatibile con le modalità istituzionali di dialogo, pertanto, l’Enel interrompe il confronto con il Comune di Tarquinia, mentre prosegue il rapporto collaborativo con il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo e gli altri comuni del territorio, con l’obiettivo di onorare gli impegni relativi ai “Tavoli della salute e dello sviluppo” stabiliti con il Governo e con la Regione”.
Come anche riportato a seguito dei Tavoli, su alcuni organi di informazione, per il Comune di Tarquinia si parlava di una compensazione di 15 milioni di euro. Appare chiaro che la concessione di una somma così ingente o di qualsiasi altra cifra è un tentativo di condizionare le scelte amministrative, ancora più evidente allorché l’esborso di denaro fosse subordinato alla mancata partecipazione del Sindaco di Tarquinia ad una manifestazione di liberi cittadini contrari alla conversione a carbone, e quindi tendente a far assumere al Sindaco di Tarquinia provvedimenti a favore dell’Enel s.p.a. in contrapposizione con i diritti primari dei cittadini, quali il rispetto della salute ed altro. Per questo il Comitato dei Cittadini Liberi si è rivolto al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Civitavecchia e al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma chiedendo di verificare se nei fatti riportati ricorrano ipotesi di reato nei confronti del Presidente dell’Enel s.p.a. o di chiunque altro, anche in concorso, quali la corruzione e/o l'istigazione alla corruzione e/o violenza o minaccia ad un pubblico ufficiale (art. 336 cod. pen.) considerato che oggetto giuridico tutelato è il buon funzionamento ed il prestigio della pubblica amministrazione in relazione alla libertà dei funzionari nel compimento degli atti del proprio ufficio.

Giovedì 03 Luglio 2008 13:34 Fonte: Dazebao - L'informazione online

Il Dott. Montanari a Tarquinia
11 Aprile 2007




Il dott. Montanari, scopritore delle Nanoparticelle/Nanopatologie, collabora con le maggiori università mondiali e viene spesso coinvolto in indagini di ricerca dai maggiori governi occidentali. In italia le sue scoperte vengono invece totalmente ignorate e perciò risulta anonimo ai più.
Capite che c'è qualcosa che non torna????

26 luglio 2008

Stop ad Internet libero e gratuito?

Pubblico un articolo apparso sul sito EFFEDIEFFE.COM, in alcuni passi molto interessante, che tratta un argomento che molto spesso mi sono trovato a commentare in questo ed altri blog.
Ovvero la prossima regolamentazione di internet decisa a tavolino dalla politica e dal sistema economico mondiale, in barba a quello che ne pensano i suoi utenti.

Ricordiamocelo che Internet è la scoperta più importante della storia dell'uomo nell'era moderna. Gran parte dei suoi immensi contenuti sono totalmente gratis e facilmente raggiungibili da ciascuna persona, e tutto questo da legittimamente, in alcuni casi, fastidio a molte multinazionali.
Inoltre grazie alla sua sempre maggiore diffusione tra la gente, piano piano sta silenziosamente cambiando il mondo di vivere dei suoi utenti.
Con internet si posson fare tantissime cose utili, come ad esempio andare a trovarsi personalmente le notizie della giornata, senza dover per forza sedersi davanti alla televisione o leggere un giornale (mamma mia...).
In internet ogni persona è libera di scegliersi il genere di notizie di cui vuole essere informato e dare in tempo reale un parere su di esso. Oppure può liberamente decidere di aprire un Blog, commentando sul web i fatti che maggiormente lo hanno colpito e interessato, aprendo un dibattito con chi legge i suoi pareri.

Personalmente sono favorevole ad un rispetto maggiore del copyright, (ricordiamoci di segnalare sempre la fonte da dove prendiamo una notizia), ma provo orrore nel pensare che prossimamente la politica metta dei paletti, facendo circolare solamente in internet quello che il governo di turno gli agrada: ci farebbe assomigliare maggiormente a nazioni come Cina e Russia, dove la democrazia è un optional....



Imminente la morte di Internet libero e gratuito


Negli ultimi 15 anni o giù di lì, grazie ad Internet, la nostra società ha avuto accesso a più informazione che in tutto il resto della precedente storia moderna. C'è approssimativamente un miliardo di utilizzatori di Internet in tutto il mondo, ed ognuno di essi può teoricamente comunicare in tempo reale con chiunque altro sul pianeta. Internet è stato, fino ad oggi, la più grande conquista tecnologica del XX° Secolo, e come tale è riconosciuto dalla comunità globale.

Il libero trasferimento di illimitate informazioni non censurate e non manipolate, tuttora sembra essere un sogno, se ci pensate bene. Di qualunque cosa si parli, istruzione, commercio, governo, notizie, svago, politica, ed un'infinità di altre aree, tutto è stato radicalmente influenzato dall'introduzione di Internet. E, per la maggior parte, si tratta di un'ottima notizia, salvo quando si danno giudizi scadenti e si prende in giro la gente; in tal caso è bene verificare e controllare, specialmente se ci sono coinvolti bambini.

Purtroppo però, quando ci sono possibilità di profitto aperte alle grandi imprese, le esigenze della società non contano. Prendete il recente caso in Canada dei colossi Telus e Rogers che, senza alcun preavviso al pubblico, hanno applicato un costo ad ogni spedizione di messaggi di testo. E' stata una mossa arrogante e rischiosa per questi giganti delle telecomunicazioni, perché gli è esplosa in faccia. La gente, in effetti, ha utilizzato la tecnologia di Internet per trasmettere un messaggio forte e chiaro a queste aziende, cioè di buttare nella spazzatura quell'extra costo; la gente ha utilizzato la potenza di Internet contro i ragazzi grandi, e così i piccoli hanno vinto.

Comunque, il caso dei messaggi di testo è soltanto un piccolo segnale sugli schermi radar di Telus e di un'altra compagnia, la Bell Canada, i due maggiori Internet Service Providers (ISP's) di tutto il Canada. Il nostro paese viene usato come cavia per cambiare, radicalmente e per sempre, la fornitura dell'accesso a Internet; e il cambiamento sarà così radicale da avere il potenziale per rimandarci indietro ai tempi del cavallo e della condivisione dell'accesso all'informazione (circa 35 anni fa, prima dei mini-elaboratori e delle reti di computers, n.d.t.).

Nelle settimane a venire tenete d'occhio un articolo di Time Magazine che tenterà di smussare gli angoli molto vivi di un diabolico complotto, portato avanti dalla Bell Canada e dalla Telus, volto a cominciare ad applicare canoni d'accesso alla maggior parte dei siti Internet. Il piano è quello di trasformare Internet in un sistema tipo TV via cavo, dove i clienti si iscrivono a determinati siti Web e devono poi pagare per visitare siti ulteriori.

Grazie al mio attuale navigare (su questo Internet ancora gratuito) ho scoperto che la "dismissione" dell'accesso gratuito ad Internet è prevista, in Canada, per il 2010, e due anni più tardi nel resto del mondo. Il Canada è considerato una buona scelta per rendere effettivo un cambiamento così vergognoso e sinistro, perché i Canadesi vengono visti come accomodanti, politicamente disinformati e perciò facili bersagli. Gli sciacalli aziendali faranno prima in modo di lisciare l'eventuale pelo arruffato dei canadesi, e poi diffonderanno la nuova versione castrata di Internet nel resto del mondo, probabilmente senza molta fanfara, se si eccettuano alcuni foschi avvertimenti circa i pericoli di Internet (gratuito) e lo sproloquiare degli amministratori delegati a proposito della "sicurezza". Normalmente queste fumosità funzionano bene.

A cosa somiglierà Internet in Canada nel 2010? Sospetto che gli ISP forniranno un programma "pacchetto", come fa attualmente la Cogeco (società televisiva via cavo, n.d.t.); i clienti dovranno pagare per una serie di siti Web, esattamente come fanno adesso per i canali televisivi. Le stazioni televisive saranno disponibili on-line come parte di questi "pacchetti", cosa che renderà felici i networks televisivi, dato che hanno perso gran parte del mercato dei giovani che invece, di sera, naviga e chiacchiera sul proprio computer. In questo modo comunque, come nel caso della televisione via cavo, se scegliete qualcosa che non fa parte del pacchetto, sapete quello che accade: pagate un extra.

Ed è qui che l'Internet (gratuito) che conosciamo sarà quasi immediatamente strangolato economicamente; migliaia e migliaia di siti Internet non faranno parte dei pacchetti, e così quindi gli utenti dovranno pagare costi addizionali per visitare quei siti. In appena un'ora o due è possibile visitare 20, 30 o più siti, cercando informazioni. Immaginate quanto alti saranno i costi

Attualmente il mondo condanna la Cina perché impedisce l'accesso a certi siti Web: "Sono anti-democratici, tolgono la libertà al popolo, non rispettano i diritti dell'individuo, censurano l'informazione." Questi sono alcuni dei commenti che sentiamo. Ma quello che la Bell Canada e la Telus hanno programmato per noi Canadesi è di gran lunga peggio di questo: stanno pianificando la morte dell'Internet (gratuito/libero) così come noi lo conosciamo, ed io temo che difficilmente i Canadesi si lamenteranno. Fa tutto parte del piano aziendale per il Nuovo Ordine Mondiale e, virtualmente, è un colpo da maestro che porterà alla creazione di miliardi e miliardi di dollari di profitti aziendali a spese delle classi medie e lavoratrici.

Ci sono così tante altre implicazioni come risultato di questi cambiamenti, fin troppi per poterne discutere qui. Siate coscienti del fatto che perderemo tutta la nostra privacy perché di tutti i siti web ci sarà traccia nel processo di fatturazione, e saremo letteralmente tagliati fuori dal 90% delle informazioni a cui abbiamo accesso oggi. I piccoli della Rete cadranno come mosche; i bloggers e gli operatori dei piccoli siti faranno una rapida morte perché la gente non pagherà per visitare i loro siti e leggere le loro pagine.

Per ironia della sorte l'unico mezzo che può salvarci è proprio quelle che stiamo cercando di salvare: Internet libero/gratuito. Questo articolo verrà postato sul mio blog www.realitycheck.typepad.com e vorrei incoraggiare singoli e gruppi a documentarsi maggiormente su questo argomento. I Canadesi possono mantenere libero e gratuito Internet proprio come hanno mantenuto gratuiti i messaggi di testo. Non state ad aspettare i politici federali: non faranno niente per aiutarci.

Vedrei con piacere una lettera di un portavoce ufficiale della Bell Canada o della Telus all'editore dello Standard Freeholder in cui si affermasse che tutto quello che ho scritto è completamente erroeno, che non è previsto alcun cambiamento di tal genere nell'accesso ad Internet e che l'accesso a tutti i siti rimarrà LIBERO E GRATUITO negli anni a venire. Contemporaneamente vorrei invitare tutti voi a scrivere ai media, a fare domande, a telefonare alle stazioni radio, agli amici, o a pensare qualunque altra cosa che possa contribuire ad evitare ciò che a me sembra inevitabile.

Mantenere libero e gratuito l'accesso a Internet è l'unica occasione che abbiamo di contrastare la scalata globale, l'Unione Nord-Americana ed una lunga lista di altre fatali appropriazioni che le elites della società hanno programmato a nostro danno. Ieri era già troppo tardi per tentare di proteggere i nostri diritti e le nostre libertà; dobbiamo raddoppiare gli sforzi per far sì che i nostri figli ed i nostri nipoti abbiano un'occasione di combattere per il proprio futuro.

(N.d.t.: l'aggettivo inglese "free" indica sia libero che gratuito; in questo caso il gioco di parole è traducibile solo nel contesto della frase ed a questo è dovuto il doppio aggettivo in italiano.)

Kevin Parkinson per Global Research

Tradotto per EFFEDIEFFE.com da Arrigo de Angeli

Global Research | 23/7/2008

COMUNQUE SIA BLOGGER,
STIAMO IN CAMPANA ...
;)


25 luglio 2008

Morto Randy Pausch, Professore di Vita


The Last Lecture - Randy Pausch (sub ita)



E' morto oggi all'alba Randy Pausch. Randy Pausch aveva 47 anni, insegnava scienze informatiche alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh ed era padre di 3 bambini. La sua morte è sopraggiunta per un tumore al pancreas devastante. Era diventato famosissimo grazie alla sua «Ultima lezione», in cui Randy dichiarava di non voler essere compatito per la sua fine imminente, e di non voler parlare assolutamente della morte, ma della vita.
Grazie ai suoi studenti, la sua «Ultima lezione» è stata registrata e messa in Rete e ha avuto un successo strepitoso tra gli utenti di internet di tutto il mondo. Pausch nella sua ultima conferenza parla dei sogni di quando era bambino, dell'importanza di sognare e della possibilità di realizzare i propri desideri.


http://lucachittaro.nova100.ilsole24ore.com/images/2008/07/25/randy_pausch.jpg
Randy Pausch (foto www.cmu.edu)

Da il sito de L'espresso ecco la traduzione integrale, interruzioni comprese, a cura di Anna Bissanti, dell'ultima conferenza di Randy Pausch "Come realizzare i sogni della vostra infanzia" . Un documento davvero toccante che vi invito a leggere come ho fatto anche io.

Buonasera a tutti. É magnifico essere qui. Questa serie di conferenze un tempo si chiamava “L’ultima conferenza: se aveste un’ultima conferenza da fare, di che cosa parlereste?” E io ho pensato: “Accidenti, finalmente avevo centrato l’argomento e loro le cambiano nome!” [Risate].

Bene, eccoci qui. Nel caso in cui ci fosse qualcuno che è capitato qui per caso e non conosce la mia storia, mio padre mi ha insegnato che quando c’è un grosso problema bisogna affrontarlo. Nelle mie Tac compaiono una decina circa di tumori al fegato e il dottore mi ha detto che mi restano dai tre ai sei mesi di buona salute. Considerato che me l’ha detto un mese fa, i conti sono presto fatti. Ho i medici migliori al mondo. Cosa c’è? Non funziona il microfono? Allora parlerò più forte…[aggiusta il microfono]. Va bene così? Ok. Allora, stavo dicendo che le cose stanno così. Non possiamo cambiarle. Possiamo soltanto decidere in che modo reagiremo alla situazione. Non possiamo cambiare le carte che ci sono date, possiamo soltanto decidere come giocare la prossima mano. Se non vi sembro depresso o cupo come pensate che dovrei essere, mi dispiace deludervi. [Risate].

Vi assicuro che non provo un atteggiamento di rifiuto. Non è che io non sia pienamente consapevole di quanto mi sta accadendo.

La mia famiglia, i miei tre figli, mia moglie…abbiamo traslocato. Abbiamo comperato una splendida casa in Virginia e stiamo facendo tutto ciò perché questo è un posto bellissimo per viverci. La nostra casa è più giù lungo questa stessa strada. L’altra cosa che vorrei dirvi è che in questo momento sono in ottima forma, in forma smagliante e fenomenale. Ciò che intendo dire è che il fatto che io sia in ottima forma davvero è l’esempio di dissonanza cognitiva più plateale che vi possa capitare di vedere. Di fatto, credo di essere in forma migliore della maggior parte di voi qui presenti. [Randy si sdraia per terra e inizia a fare flessioni] [Applausi] Pertanto se qui c’è qualcuno che intende piangere o compatirmi, può scendere e fare un paio di flessioni, e soltanto dopo potrà compatirmi. [Risate].

Va bene… allora, di una cosa non parleremo oggi. Non parleremo di cancro, perché ho già parlato a lungo di questo e davvero non mi interessa parlarvene. Se avete qualche integratore a base di erbe o qualche altro rimedio, vi prego di starmi alla larga. [Risate].

Non parleremo anche di altre cose che sono più importanti dell’esaudire i sogni della vostra infanzia. Non parleremo di mia moglie e non parleremo dei miei figli, per esempio, perché sono bravo, sì, ma non così bravo da poterne parlare senza scoppiare a piangere. Pertanto, molto semplicemente, accantoneremo questo argomento, che è molto più importante.

Altre cose di cui non parleremo sono la spiritualità e la religione, anche se vi devo confessare di aver appena avuto una conversione in extremis, in punto di morte….[pausa drammatica di silenzio]. Mi sono appena comperato un Macintosh. [Risate e applausi]. Ecco, adesso so che almeno un nove per cento del pubblico è con me…

D’accordo, ma allora di che cosa parliamo oggi? Parliamo dei miei sogni d’infanzia e di come li ho realizzati. Da questo punto di vista sono stato molto fortunato. Parleremo di come credo di aver reso possibili i sogni altrui e, in una certa qual misura, degli insegnamenti che se ne possono ricavare. Sono un professore, pertanto dovrebbe essere possibile ricavare qualcosa che consenta ai vostri sogni di realizzarsi. A mano a mano che si diventa grandi, si può scoprire che “permettere ai sogni altrui di realizzarsi” è ancora più gratificante...

clicca qua per continuare a leggere l'ultima conferenza di Randy Pausch

Sicuramente un esempio estremo di come si possano affrontare le difficoltà della vita.
Un vero inno alla vita.

24 luglio 2008

Nel 2050 l'Europa sarà illuminata grazie al deserto del Sahara

Leggendo ieri la versione online del Corriere sono venuto a conoscenza di una notizia che alla sua attuazione, nel 2050, cambierà radicalmente le politiche energetiche del Vecchio Continente.
Il petrolio oramai è alle stelle e l'energia nucleare è molto pericolosa come dimostrano gli ultimi 4 incidenti, in poche settimane, accorsi in Francia.

Sottolineo che in Italia il Governo Berlusconi ha già da tempo annunciato che la nostra nazione vuole puntare gran parte delle sue risorse proprio sul nucleare, energia come abbiamo visto, pericolosissima e costosissima. Anche la mia Regione la Sardegna dovrebbe essere toccata da questa rivoluzione energetica italiana.

Il Ministro dello Sviluppo Economico, Claudio Scajola, ha subito rilasciato alla stampa una dichiarazione che, risulta ai più, l'ennesima censura ad una notizia (4!) e contraffazione della realtà: «Si è visto che questi episodi sono tutti sotto il livello minimo di pericolosità. Mi domando se questa enfatizzazione non sia eccessiva» «Comunque ricordo che il piano nucleare del governo significa grande attenzione alla sicurezza, con un'apposita agenzia, e che useremo centrali di nuova generazione, che sono ancora più efficienti». Il ministro ha poi sottolineato che «la storia delle 340 centrali nucleari del mondo ben evidenzia come sia il sistema di produzione di energia meno pericoloso di tutti».
Ora mi chiedo se in Francia la situazione dovesse degenerare cosa avrà da dire in futuro il nostro Ministro?

Ma veniamo alla notizia che vi avevo segnalato all'inizio del post: Durante il Euroscience Open Forum di Barcellona è stato presentato un progetto che preve entro il 2050 la costruzione della più grande centrale fotovoltaica del mondo. Ovvero un’immensa distesa di pannelli solari nel deserto del Sahara e che produrrà al giorno abbastanza energia da illuminare tutta l’Europa.
Questa nuova centrale dovrebbe sorgere in un’area poco più piccola del Galles(!) e mettere a tacere quelli che sostengono che l’energia solare non è affidabile, a causa del meteo imprevedibile.

Secondo Arnulf Jaeger-Walden dell’Istituto per l’Energia della Commissione Europea «Basterà catturare lo 0,3% dell’energia solare che scalda il deserto del Sahara per sopperire ai nostri bisogni energetici» I ricercatori infatti sostengono che i pannelli solari nel Sahara saranno molto più efficaci, perché in quella zona la luce solare è più intensa e, quindi, sarà possibile produrre tre volte più energia che in una centrale simile costruita nel nord Europa.
Questo progetto ha già ottenuto l’approvazione convinta del presidente francese Nicolas Sarkozy e del premier britannico Gordon Brown. Jaeger-Walden è anche convinto che, oltre al vantaggio ecologico, ci sarà un risparmio per i cittadini. «I consumatori pagheranno meno di quanto facciano ora» ha detto al quotidiano britannico Guardian.

L’impegno più oneroso sarà costruire una nuova rete di trasmissione con i Paesi del Mediterraneo perché quella attuale non sarebbe in grado di sostenere la quantità di energia in arrivo dell’Africa del nord. I primi risultati si dovrebbero vedere nel 2050 quando la mega centrale dovrebbe già essere in grado di rendere autonomo un Paese come la Gran Bretagna.

Per far capire meglio la potenzialità del Fotovoltaico ecco un bellissimo video intitolato: Energia solare for dummies: guadagnare con il fotovoltaico. Dal sito di byoblu.com


22 luglio 2008

L'emergenza rifiuti finita? (Video)

Questo pomeriggio parlerò di nuovo di rifiuti e termovalorizzatori. Anche perchè sto osservando che da quando Berlusconi ha affermato che l'emergenza rifiuti è terminata, in televisione e nei giornali quasi non si parla più delle tonnellate di rifiuti sparsi nelle strade, e dei mucchi di immondizia dati alle fiamme. Insomma pare davvero tutto risolto.
Già mi immagino la gente che per mesi a vissuto davvero nell'immondizia, e ora finalmente saranno felici e soddisfatti. Finalmente saranno contenti dell'operato dello Stato, che meglio tardi che mai ha finalmente ha operato per il bene dei cittadini.
Ma attenzione perchè già da diverso tempo circolano in internet i filmati e le foto che dimostrano che tutto questo non è decisamente tutto vero.
Questo video ad esempio ci dimostra l'esatto contrario di ciò che parlano i media, e anzi ancora di più, ci fa vedere quali sono i modi chi turba la cappa di buonismo che sta imperando ora in Campania. Quello che vedrete a mio avviso è più pericolosa di montagne di spazzatura.


GLI ABITANTI DI CHIAIANO,
NON LASCIAMOLI SOLI!

Il figlio di Bossi e la verità sul dito medio

Senza troppe parole, il motivo dell'ultimo incazzo del Senatur...

«dopo il federalismo bisogna passare anche alla riforma della scuola. Non possiamo più lasciare martoriare i nostri figli da gente che non viene dal nord. Il problema della scuola è molto sentito perchè tocca tutte le famiglie» «La Padania ormai è nel cuore di tutti. Noi ai bambini la insegnamo fin da quando nascono, insegnamo loro che non siamo schiavi e non lo siamo mai stati», e poi «tutto quello che dico è la verità. Un nostro ragazzo (suo figlio Renzo) è stato “bastonato” agli esami perchè aveva portato una tesina su Carlo Cattaneo».


http://www.corriere.it/Media/Foto/2008/07/11/BOSSI--140x180.JPG
Renzo Bossi (foto Cavicchi)

MA VA A LAVURER...TERUN!!!!!
solleviamo anche noi il dito medio

21 luglio 2008

I Nomadi a Seneghe

Domenica 20 Luglio 2008 la Band storica della musica italiana I NOMADI è finalmente approdata nel mio paese natìo, grazie all'enorme e splendido lavoro svolto dal Comitato di Santa Maria, con in testa il suo bravissimo Presidente Mario Mastinu, concludendo alla grande la festa principale del mio paesino per l'anno 2008.

Davanti all'entusiasmo delle varie migliaia di persone accorse in massa per seguire l'evento, Beppe Carletti, Danilo Sacco, Cico Falzone, Daniele Campani, Massimo Vecchi e Sergio Reggioli, hanno dato vita ad un concerto semplicemente grandioso che ha soddisfatto tutti: gli Artisti sul palco, il Comitato e gli spettatori presenti.

Per il sottoscritto è stata una serata magnifica, posso dire di essermi letteralmente scatenato: ho cantato e saltato come un matto per oltre 2 ore, rimanendo letteralmente senza voce e, visto che ero vicinissimo ad una cassa, sono rimasto leggermente sordo ad un orecchio per parecchie ore. Il chitarrista Cico Falzone a fine concerto mi ha personalmente regalato il pletro usato per il concerto.

A fine serata, dopo l'evento, a parte il cantante Danilo Sacco comunque bravissimo, I Nomadi si sono gentilmente concessi ai loro fans per le consuete foto di rito e per firmare numerosissimi autografi. Il sottoscritto come potete vedere da qua sotto ne ha subito approfittato...



http://img294.imageshack.us/img294/1684/1000860aj5.jpg
il leader storico dei Nomadi, Beppe Carletti

http://img329.imageshack.us/img329/4950/1000859yq1.jpg
il simpaticissimo chitarrista Cico Falzone

Dal mio Album Fotografico Online le altre foto della serata, grazie alla collaborazione del mio amico Antonio.
Nel sito SenegheOnline.it è presente un bellissimo video del concerto, girato dall'amico Stefano.

Ps. Un ringraziamento a tutte le persone del Comitato che mi hanno aiutato ieri: GRAZIE!!!!

20 luglio 2008

Tibet Libero!

http://www.tibetlibero.org/immagini/BANDIERA_TIBET.png

TIBET LIBERO!

L'8 Agosto 2008 incominceranno le Olimpiadi di Pechino e il Theatre du Soleil, la storica compagnia teatrale francese, ha creato e presentato per l'occasione, 3 video choc per sostenere il Tibet, e protestare contro l'assegnazione dei giochi Olimpici andata al Regime cinese. Nel mirino di questi video ci sono la coppia presidenziale francese, i dirigenti e gli atleti.

In uno di questi video si vede di spalle una coppia (che inequivolmente sono Nicolas Sarkozy e Carla Bruni) che assiste ad una gara di atletica alle Olimpiadi. All'improvviso appare un manifestante che gli urla: «Tibet libero!», con una bandiera in mano. Interviene la sicurezza e il malcapitato viene ucciso con un colpo di pistola. Uno schizzo di sangue macchia il braccio della donna (la Première Dame). Solo a questo punto, su sfondo nero, appaiono le parole che fanno capire come tutto questo sia solo un film. Parole che sembrano rivolte proprio alla coppia presidenziale francese: «Tranquilli, non vedrete mai questa scena. Sarà già avvenuta prima della vostra partenza».

I filmati sono frutto di uno sforzo collettivo: a idearli, insieme ad Ariane Mnouchkine (fondatrice e anima del Théâtre du Soleil), sono stati tra gli altri dissidenti cinesi, rifugiati tibetani e Reporters sans Frontières. «Non è mai troppo tardi per reagire — ha spiegato al quotidiano francese Libération la 69enne Mnouchkine —. Questi Giochi restano un palcoscenico per poter difendere i diritti umani in Cina». Dopo la forte mobilitazione al passaggio della fiaccola, infatti, «c’è stato un momento di stasi, dovuto al terremoto in Cina. È stato normale, lo imponeva la decenza. Ma ora è giunto il momento di rilanciare il movimento».
«A Sarkozy chiediamo, almeno, di non presenziare alla cerimonia d’apertura. Ha detto che ci andrà perché non si possono boicottare 1,2 miliardi di cinesi. Ma questa è disonestà intellettuale: il boicottaggio non sarebbe stato al popolo, ma ai dirigenti cinesi. Che sui diritti umani hanno fatto mille promesse, senza mai rispettarne alcuna».

Un altro video, invece, è diretto agli atleti. «Certo — prosegue Mnouchkine —, perché prima di esser campioni, sono cittadini. Hanno una coscienza. In passato ci sono stati sportivi che si sono esposti, e con forza (basti pensare a Carlos e Smith sul podio del Black Power, ai Giochi di Messico ’68, ndr). Perché non lo si può fare oggi? Nessuno può andare innocentemente a questi Giochi. Che sia atleta, capo di stato, o semplice turista».

Qui sotto ecco i tre video. Inoltre vi invito a boicottare anche voi l'Olimpiade, diffondendoli nei vostri Blog (se ne avete uno) e non guardare l'Olimpiade in televisione, etc..

Primo video: Un monaco in pista



Secondo Video: Sulla piscina



Terzo Video: La coppia spettatrice




17 luglio 2008

Doping: Antipasto Olimpico

http://www.giuseppetetro.it/images/Coppi_Bartali.jpg

Il ciclismo è morto da tempo e l'ultimo episodio aumenta la tristezza e lo sdegno degli appassionati. Il ciclismo mi piace molto, in passato non mi vergogno che parecchie volte mi sono emozionato al punto di piangere, vedendo le gesta dei miei campioni preferiti, Chiappucci e Pantani su tutti.

Dopo le vicende di Pantani e di tutto il marcio di questi anni, dico con orgoglio che non mi guardo più una gara da molti anni. Mi chiedo quando la pianterà il sistema ciclistico di far finta di niente, i soldi tanti che circolano nell'ambiente valgono l'assunzione di vere schiffezze. Le squadre e gli atleti assoldano a peso d'oro i migliori alchimisti del doping, spacciandoli per medici.
E' davvero arrivato il momento di far sentire la voce degli appassionati, visto che da questo orecchio i "giornalai" manco si sognano naturalmente di fotografare la realtà.

Galera, e tanta, per atleti, dirigenti e dottori beccati, controlli maggiori e trasparenti come in Francia per tutti gli atleti, rimensionare urgentemente i budget economici delle squadra professioniste, manifestare il proprio sdegno ai corridori durante le maggiori gare nel nostro territorio nazionale, cambiare canale davanti un evento di ciclismo alla tv, pretendere che la RAI non compri più e trasmetta gare di ciclismo a tempo indeterminato, varie ed eventuali.

Mi aspetto i vostri suggerimenti o almeno un dibattito franco e sincero di tutti gli appassionati di ciclismo.

Sia chiaro questo è un post che parla di ciclismo ma non mi tappo gli occhi e le orecchie: il problema è di tutto lo sport in generale.


http://www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2008/07_Luglio/17/RIC/07.JPG


la XXIII GMG di Sydney in diretta streaming

http://www.cgfmanet.org/Immagini/SpazioGiovani/Grandi/_6_2_1_51_.jpg

Cristo ieri come oggi affascina, non c'è niente da fare. Siamo nel 2008, la globalizzazione è radicata nella nostra società. Scienza, ragione e tecnologia, imperano in ogni momento della nostra vita, e sembra impossibile che nel mezzo della freneticità della vita di tutti giorni, milioni, anzi miliardi, di persone, di tutte le etnie e cetto sociale, si fermino ancora a riflettere e a cercare il senso di questa nostra vita, trovandola nella religione, in Dio.
Oggi saranno circa 300.000 i ragazzi/e di tutto il mondo, che hanno affrontato un viaggio costosissimo e faticoso, che saranno presenti all'incontro con il Papa Benedetto XVI presso l’ampio parco di Bangaroo, (nome è di un personaggio mitologico della cultura aborigena) che si affaccia sulla mitica e affascinante baia di Sydney.

Grazie alla diretta streaming gratuita, attraverso internet, gli interessati potranno seguire passo dopo passo tutta la manifestazione. Il sito web ufficiale della Gmg è www.gmg2008.it, e racconterà le fasi salienti della manifestazione come le catechesi, la veglia e la Santa Messa di domenica 20 Luglio. Tutti gli appuntamenti della Giornata mondiale della gioventù verranno trasmessi dal canale tv religioso Sat 2000 in italiano sia sul satellite, che sul digitale terrestre e anche sul proprio portale web.

Vediamo infine il palinsesto di questa XXIII Giornata mondiale della gioventù in diretta su Sat 2000 (gli orari indicati sono quelli in Italia GMT+1):

17 Luglio 2008

* 01.30: Catechesi
* 06.25: Arrivo del Papa e accoglienza in diretta da Harbour
* 11.00: Catechesi e speciale mosaicio GMG 2008
* 16.00 Accoglienza del Papa in diretta da Harbour

18 Luglio 2008

* 01.30: Catechesi
* 06.56: Via Crucis in occasione della GMG 2008
* 11.00: Catechesi e speciale mosaicio GMG 2008

19 Luglio 2008

* 00.30 Santa Messa e dedicazione dell’altare
* 08.30 Santa Messa in occasione della GMG 2008
* 09.55: Veglia di preghiera in occasione della GMG 2008
* 21.00: Veglia con giovani in occasione della GMG 2008

20 Luglio 2008

* 01.10: Santa Messa a conclusione della GMG 2008
* 13.00: Speciale mosaicio a conclusione della GMG 2008
* 17.00: Speciale mosaicio a conclusione della GMG 2008
* 21.00: Speciale mosaicio a conclusione della GMG 2008

L'inno ufficiale della GMG Sydney 2008


16 luglio 2008

La strada che riporta all'immunità parlamentare 2

Non mi ero sbagliato il 27 Giugno 2008

16:05. BERLUSCONI, GIUSTIZIA, RIFORMA IMMUNITA' PARLAMENTARE AL PRIMO PUNTO(Apcom) Il primo punto della riforma della giustizia sarà l'immunità parlamentare. È quanto ha riferito Silvio Berlusconi agli eurodeputati di Forza Italia, secondo quanto si apprende, durante un incontro avuto oggi in un hotel romano.


http://ansard.files.wordpress.com/2008/07/veltroni-pdl.jpg?w=303&h=228
Lapsus al TG3

Leggendo questo non si finisce mai d'imparare come vanno le cose...

Non so se siete d'accordo con me, ma da qualche anno a questa parte, sono veramente prevedibili i nostri politici.

Sono sicuro che questo post avrà altre puntate...

Tassa sull'aria



L'Italiano è sicuramente il più tartassato attualmente dell'intero mondo occidentale. C'è letteralmente da uscirne pazzi. Pensateci su: Chi di voi non gli è mai uscita dalla bocca la frase: "Chissà quando quelli là non si inventeranno una tassa sull'aria (inquinata) che respiriamo?"
Detto fatto! Ora però il copyright andrà a questa località siciliana:

«Soffermandosi per più di quindici minuti in questo locale si prega di contribuire con euro 0,50 (per aria condizionata)». Pochi giorni fa, sempre a Marina di Modica, la polemica di una mamma indignata quando si è vista chiedere cinquanta centesimi dal titolare di un bar per riscaldare il biberon del suo bambino. Passando da un esercente all’altro, ecco arrivare l’imposta sull’aria.
Così provate ad entrare in questo supermercato. L’aria è fresca. La gente tanta. Alla cassa si formano file interminabili. I vacanzieri di ritorno dal mare affollano i corridoi per fare la spesa. E quasi tutti allo stesso orario.
Troppa folla, troppa ressa. Il contatore dell'energia elettrica gira e segna i kilowatt consumati. I clienti aspettano. Alcuni con pazienza, qualcuno sbuffa.
Tutti, respirano.
L'attesa, prima di mettere mano al portafoglio, davanti alla cassa è estenuante. Il conto, salato. Il respiro sembra accelerarsi e l’aria restringersi.
«No, basta. Qui bisogna risparmiare» si sono detti i proprietari del supermercato che hanno deciso di educare i clienti a un sano principio di rispetto della natura e delle sue risorse più nobili.
E allora chi staziona in fila davanti alla cassa, o in generale, all’interno del supermercato, per più di un quarto d'ora, deve pagare cinquanta centesimi.
Senza sconto e solo se respira.

Fonte

12 luglio 2008

In streaming film in italiano

http://www.webgif.org/gif_animate/cinema/ciack/immagini/03.gif

Tra le tante cose che mi piacciono e che mi rilassano di più, vedermi un bel film in tutta tranquillità, è quello che preferisco.
Lascio da subito perdere la televisione, dove veramente non si trova niente di interessante da anni, e mi rifugio in un bel DVD.
Ma oggi grazie ad internet, è possibile guardarsi un bel film in tutta tranquillità in molti modi: per tutti gli esperti d'informatica ci sono i famosissimi programmi di condivisione files che permettono di scaricare moltissimi tra i nostri film preferiti, oltre a molto altro (fino a quando lo permetteranno). Per tutte le persone che non hanno una dimestichezza molto elevata con l'informatica, c'è la possibilità di vedersi un bel film in streaming.
Ecco un modo che vi permetterà di passare una tranquilla serata, senza dover installare niente o iscriversi al sito:

http://n3d0.files.wordpress.com/2008/06/cattura1.jpg?w=300&h=165
un esempio di cosa troverete

Buona Visione e Sereno Fine Settimana a Tutti


11 luglio 2008

Scambio Banner

Post aggiornato Lunedì 4 Agosto 2008

http://img110.imageshack.us/img110/4851/minibannerbisur5.jpg

Questo pomeriggio ho creato un nuovo banner (lo vedete in alto) apposito per Niente Barriere. Più grande e con la scritta più leggibile rispetto al precedente. Invito tutte le persone che già dispongono del vecchio banner di aggiornarlo; invece invito tutti quelli che ancora non hanno pensato d'inserito, di gemellarsi anche voi con Niente Barriere.

Codice Banner Niente Barriere:


In basso a questo post troverete anche il vecchio banner. Sarebbe molto interessante per il sottoscritto sapere la vostra opinione:
Vi piace di più il vecchio o il nuovo banner? Fatemelo sapere, naturalmente accetto anche le critiche al riguardo (della serie i gusti sono gusti)

Grazie di Cuore a tutti, state diventando tantissimi.

(Qui in basso dopo la linea il vecchio post)

-------------------------------------------------------------


Oggi ho parecchie cose da dire.

La prima cosa è che ieri sera l'Amico Gianluca mi ha proposto di collaborare con il suo Blog, e il sottoscritto ha accettato, in quanto approvo moltissime delle molte battaglie che il Blog di Gianluca propone attraverso il suo spazio, senza contare quello che fà non virtualmente, nella vita normale di tutti i giorni.

Dopo prove e controprove che ho fatto in questi giorni, in cui ho di nuovo postato, stamattina ho ultimato, credo, i tentativi per rendere esteticamente accettabile, secondo i miei gusti, questo spazio, che sarà la mia nuova casa dove scrivere un Blog.
Ho creato l'immagine testata (grazie al fondamentale aiuto nel trovarmi l'immagine che vedete della mia Amica Anna del Blog Regalami un sorriso!) e alla fine ho creato anche un piccolo bannerino, che permetterà di raggiungere questo spazio, in tanti siti dei miei amici blogger's.

Ecco il mio Banner Niente Barriere:
http://img501.imageshack.us/img501/8652/bannerqa3.jpg


Un Grazie particolare ad Anna di Disabili "Point" e Croceristi Blog che mi hanno omaggiato in questi giorni del premio:

http://img262.imageshack.us/img262/3078/awardbrillantemq4br5.jpg

E un premio che giro molto volentieri a tutti gli Amici che sono presenti nel mio spazio Scambio Link


Basta Maghi e Cartomanti in TV

Via i Maghi e Cartomanti via dalla TV; è la delibera che il Consiglio Nazionale degli Utenti, l’organismo che cura gli interessi e difende i telespettatori, presso l’Autority delle telecomunicazioni, ha appena lanciato nei giorni scorsi.

Via i Cartomanti e i Maghi dalla TV perché abusano della credulità popolare, che attraverso l’invasività del mezzo televisivo, entra nelle nostre case a tutte le ore del giorno e della notte, e che condiziona la vita di chi si affida a questi ciarlatani, questi ultimi che sempre più spesso, vedono la loro vita completamente rovinata.

In Italia sono circa 12 milioni di persone che si rivolgono ai Maghi e Cartomanti. Il giro di affari per questi signori raggiunge la sbalorditiva cifra di 6 miliardi di euro.

La cosa più incredibile è che l'evasione fiscale quantificata nel solo anno 2007 e di circa il 98% dell'intero ricavato. Insomma leggendo questi dati si nota subito che più di qualcosa in questa storia non quadra.

A cercare di dare un perché a tutto questo, ecco l'intervento del Presidente del Telefono Antiplagio, Giovanni Panunzio: "Il grande problema di tutta questa storia è che i più grandi editori italiani pubblicizzano i maghi. Da Berlusconi a Rizzoli, dalle Pagine Gialle alle Pagine Utili, da Media Video a.... Astra. Come vedete ci sono proprio tutti, gli editori maggiori. Inoltre la norma che dice che in tv devono andare solo la notte non viene per niente rispettata, cosi come non viene rispettata la norma che dice che è vietato fare il mestiere di ciarlatano. Insomma la verità è che il business è più forte della legge....".


http://www.lastampa.it/redazione/cmssezioni/societa/200712images/magia01g.jpg


10 luglio 2008

E' tornato Veltrusconi

Veltroni: «La manifestazione è stata il più bel regalo che Berlusconi si potesse aspettare. Una sinistra riformista non va in una piazza nella quale si ascoltano follie come gli attacchi al Quirinale, gli attacchi al Papa... Spesso portati da persone che dovrebbero mostrare il proprio curriculum di impegno civile prima di dare lezioni». E aggiunge: «Sembrava che la sceneggiatura l'avesse scritta Berlusconi». Poi lancia l'ultimatum a Di Pietro: «Decida se stare con noi, in un'area riformista e prenda l'impegno conseguente o se stare con Grillo e Travaglio».

Signori finalmente a quanto pare serenamente e pacatamente avremo un quinquennio all'insegna non solo del Cavaliere... (sarà una legislatura a macchia di leopardo?)
Ok la vita continua, noi cercheremo di sopravvivere, se c'e lo permetteranno, ma solo una cosa: La prossima volta, entrambi: cercate di avvisarci e di dichiararvi al popolo come in tutte le normali democrazie... grazie!


http://images5.fotoalbum.alice.it/v/www1-5//138/138508/273781/veltrusconi-vi.jpg




L'intervento di Marco Travaglio sul palco del No Cav. Day 8 Luglio 2008


09 luglio 2008

8 luglio: Piazza al Vetriolo

Mi piacerebbe sapere il vostro parere sulla manifestazione di ieri.
Questo intanto è il mio parere.

Questa volta nel titolo del post mi sono adeguato ai titoli e ai commenti e tutto il resto che ho letto e visto nei i media italiani.
Ho seguito quasi tutto il No Cav. Day e devo dire che in buona parte mi posso ritenere soddisfatto. Ho visto tanta gente e poche bandiere, le uniche che svolazzavano erano quella dell'IdV e qualcuna dei reduci della sinistra radicale sparita, giustamente, dal panorama politico Italiano. Ho apprezzato gli interventi di Travaglio, che la cura teatro gli sta giovando in un maniera incredibile, di Beppe Grillo e belle anche le poesie di Camilleri, specie le ultime due.
Nota stonata e determinante per il risultato finale è stata la Guzzanti; peccato davvero, ha davvero nociuto alla manifestazione, quel suo intervento. L'ho sempre ritenuta una validissima persona, forse l'attesa di salire sul palco le ha fatto male. Non solo è andata fuori tema, ma è caduta in una caduta di stile gravissima, risultando a mio parere veramente volgare contro il Papa. La prossima volta che chiedesse la parola in una manifestazione politica, stia attenta a quello che dirà: ho subito avuto la sensazione che non fosse al 100% in se, forse una bevutina o una fumatina di troppo...stentava a parlare...
Vincitore della manifestazione Di Pietro, che ha lanciato, senza nominarla mai, la sfida per raccogliere i voti futuri che adesso sono stati a favore del PD ed è stato molto abile a spargere acqua sul fuoco sulle polemiche che hanno scatenato gli interventi incriminati. Secondo me ha ottenuto davvero quel che voleva al 100% alla faccia del perdente Walter.
Proprio il PD risulta il vero sconfitto da questa manifestazione, (i media oramai sono fuori concorso) lo dimostrano ampiamente i commenti dei protagonisti PieDini dopo la manifestazione: un continuo al fuoco al fuoco, senza per altro riuscire a capire dove fossero le fiamme, ma di questo non ne avevo il minimo dubbio.
Prevedo che se continua così, il Pd continuerà si ad avere il favore di Banche e della Finanza Italiana, ma perderà definitivamente la fiducia della gente, che non lo voterà piu.
Si è svolto il No Cav Day ed è stato proprio il Cav che a mio parere, a causa di quanto ho detto sopra, un altro vincitore di questa manifestazione.
Diavolo di un Silvio!

Ecco alcuni passi della manifestazione:

Beppe Grillo su Veltroni: «Topo Gigio in tre mesi ha fatto cadere il governo Prodi, ha perso Roma e ha disintegrato i partiti della sinistra. È il più grande alleato dello psiconano». Duro attacco al leader del Pd, Walter Veltroni, da parte di Beppe Grillo in videocollegamento con la manifestazione "No Cav Day" di piazza Navona. «Lo psiconano - dice Grillo - è il garante di un comitato d’affari. Ci sono ancora diciotto condannati in Parlamento e se per loro Mangano era un eroe, questi diciotto condannati sono supereroi che hanno il superpotere del silenzio perchè non parlano mai contro il padrone». Poi l'attacco velato al presidente della Repubblica: «Io Napolitano non lo offendo, ma Pertini o Ciampi o Scalfaro non avrebbero mai firmato una legge che lo autoassolve».

Marco Travaglio su Silvio Berlusconi: «vince sempre le elezioni per abbandono degli avversari, non lo lasciamo in pace, anche stavolta aveva un piede nella fossa ma la sinistra italiana si è data questa missione: resuscitarlo. Fa sempre così Berlusconi, come la mantide religiosa - ha continuato Travaglio -: con chi dell’opposizione lo cerca per il dialogo ci fa una ’scopatinà e poi lo uccide... ha fatto di tutto per perdere le elezioni ma ogni volta che arretra gli altri arretrano più di lui, è un sorpasso in retromarcia quello che lo ha portato a vincere». E, ancora, dopo aver letto l’elenco dei ministri del governo Berlusconi: «Ha fatto di tutto per s*******i e quelli sempre lì a dialogare...». «Lui ha altro da fare, se ne vuole andare, aiutiamolo a sparire sennò per inerzia scivola al Quirinale» ha concluso Travaglio.

http://www.ilfoglio.it/media/img/vincino/20080709_1.gif
Vignetta Il Foglio

Per chi volesse riguardare i passi più importanti della manifestazione di ieri, cliccando qua sarete rimandati al Canale di Youtube di RaiNews24

07 luglio 2008

Blog Stampa Clandestina!?!

Già in passato il sottoscritto si era già occupato della censura e del controllo che la Politica Italiana vorrebbe fare per tutte le persone che usano internet o che hanno un Blog, cliccate qua per leggerete cosa avevo scritto a suo tempo al riguardo.
Molti di voi comunque sapranno che i nostri politici (bipartisan), visto che d'informatica e di internet non ne capiscono una cippa, stanno studiando un metodo che in futuro potrebbe consentirgli di controllare i contenuti della rete, evitando così che possano uscire delle notizie che potrebbe nuocere magari... alla loro serenità.
Pare che l'abbiano trovato... leggete qua sotto...


http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/admin/immagine.asp?ID_blog=2&ID_file=101

L'uomo che vedete nella foto è Carlo Ruta. Carlo ha 55 anni, di professione fa il giornalista, ma è anche saggista ed è anche un grande appassionato della storia della sua terra, la Sicilia.
Come vedete è una persona normale, e come molte persone normali attualmente in Italia, gestisce e cura un suo piccolo spazio in Internet: quindi anche lui è un Blogger.
Carlo Ruta è il protagonista di una faccenda che ha davvero l'aggettivo di grottesco.
Il suo blog (http://www.accadeinsicilia.net/) 4 anni fa è stato chiuso a causa di una denuncia per diffamazione. Carlo non si è dato per vinto e ha trasferito tutti i contenuti del sito su un server americano e ha fondato un nuovo sito (http://www.leinchieste.com/prima_pagina.html), sempre su server "Made in USA", dove continua le sue battaglie contro il malaffare della sua terra natìa: la Sicilia.
Tutto questo non deve esser piaciuto alle persone a cui ha pestato i calli e incredibilmente lo scorso 8 maggio, il Tribunale di Modica, lo ha condannato per il reato di «stampa clandestina», ovvero per non aver registrato in Tribunale e in Italia il suo Blog!
«E’ la prima volta in Europa che un blogger viene condannato per stampa clandestina, un reato penale, retaggio del fascismo, che punisce con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a euro 250 “chiunque intraprenda la pubblicazione di un giornale o altro periodico senza che sia stata eseguita la registrazione prescritta dall’art.5”. Ricevo solidarietà perchè tutti i blog sono a rischio» commenta Ruta, che è da anni, lui e tutta la sua famiglia sono oggetto di minacce mafiose.
«Gulag Sicilia», il titolo del suo libro sull’omicidio di Giovanni Falcone edito da Rubbettino, ha ricevuto 25 denunce per diffamazione ma come lui stesso dichiara: «ho vinto quasi sempre perchè ero ben documentato, sebbene le procure di Modica, Ragusa, Messina e Catania in questi anni abbiano fatto di tutto per screditarmi».
La condanna di Carlo Ruta ripropone dunque con prepotenza, la questione della libertà di espressione e dell'obbligatorietà della registrazione in tribunale dei blog, in quanto considerati stampa di informazione.
Naturalmente la Rete e molti Blogger si sono mobilitati portando il caso all’attenzione di quante persone possibili, lanciando immediatamente una petizione che invito anche voi a firmare, in quanto questa sentenza richiama alla memoria metodi censori propri di regimi politici non compatibili con una piena libertà democratica, inoltre questa sentenza potrebbe ripercuotersi contro chiunque svolga coraggiosamente funzioni di informazione civica e civile.

Firma anche tu la PETIZIONE per difendere il nostro diritto garantito dall'art.21 della Costituzione per un informazione libera e per esprimere la vostra solidarietà a Carlo Ruta.


Per approfondire:
Articolo de La Stampa di Torino
Articolo su ZeusNews

04 luglio 2008

Ma(tri)x-i Ritirata Volontaria

http://risodegliangeli.corriere.it/20080704_matrix_annullato.gif
Vignetta Corriere


E chi lo avrebbe mai pensato che il nostro Premier potesse battere in ritirata per una questione cosi: lui il leader indiscusso dell'informazione, che cade su una cosa così frivola e stupida.
Vi invito a non farvi illusioni: lo psiconano secondo me si è immolato volontariamente e a colpo sicuro, e il documento che troverete sotto queste parole, spiega esaurientemente il perché il Cav. ha deciso di sbandierare pubblicamente, e marginalmente, le sue faccende personali (di letto).
Le intercettazioni famose essendo irrilevanti per quello che si sta indagando, verranno sicuramente distrutte il 9 luglio (come ho spiegato ieri), mentre quelle relative al processo di Milano, si è venuto a sapere che sono state già eliminate.
Insomma il Cav. ha scatenato un gran can-can mediatico su un qualcosa che non avrà riscontro, forse per fare la sua parte a favore della Casta, che non vede l'ora di poter telefonare in santa pace, senza che nessuno metta naso e orecchie su tutto quello che si parla per telefono.
Ma il motivo vero secondo me di tutto questo squallore è stato per nascondere all'opinione pubblica, la vera faccenda scomoda che potrebbe recargli futuri e veritieri guai, una vera notizia, non una marketta gossippara!

Giudicate voi.

Da L'Espresso: il caso Mills: il file segreto


03 luglio 2008

9 Luglio: Segnatevi la data!!

Il 9 Luglio il Gup di Napoli deciderà se rinviare a giudizio la coppia Saccà-Berlusconi, come vuole il Pm Pisciatelli, oppure archiviare tutto e mandare al macero le quasi 9 mila intercettazioni perché penalmente non rilevanti.

Nella foto il nostro Presidente del Consiglio circondato dalle sue ministre. Sicuramente saprete che da qualche giorno circola la voce sempre più insistente, che in quelle 9 mila intercettazioni ci sia qualche telefonata che potrebbe far passare molti guai al Silvio nazionale, presenti e futuri. Alcuni addirittura hanno affermato che quest'ultimo sia costretto addirittura alle dimissioni da Premier (poveri illusi..).

© Foto U.Pizzi

Quello che noto è che sono arrivato ulteriormente al culmine della sopportazione di questa classe politica, che non prova nessuna vergogna a farsi vedere agli occhi di tutti, che si occupa di tutto tranne che delle sorti di un Paese, che forse non si risolleverà mai.
Un osservazione: la Casta tutta in questi anni si è cibata di gossip a piene mani, e ora è pronta ad avere ulteriori privilegi, ammazzando almeno l'illusione di avere una giustizia anche verso di loro.
Non mi stupirei che un rappresentante della Casta come il Cavaliere, si metta al servizio della medesima, offrendosi strumentalmente ai suoi bisogni, contro le intercettazioni...

Ora e SEMPRE, RESET E VERGOGNA!!!

Per approfondire vi invito a dare un occhiata sul sito di Dagospia (c'è una cosa che se andasse così, riderei tutta la vita, e smentirebbe quello che ho scritto sopra)

8 Luglio 2008: Niente Bandiere

Pubblico un interessante lettera di Sabina Guzzanti che l'attrice ha scritto stamane al Corriere della Sera, che mi trova perfettamente d'accordo.

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/3/35/Sabina_Guzzanti-Venezia.jpg/200px-Sabina_Guzzanti-Venezia.jpg

Foto Wikipedia

Caro direttore, sull'aereo al ritorno da un viaggio di un mese per un lavoro sulla satira nel mondo, ho preso l'Espresso per aggiornarmi un po'. Meno male che avevo la cintura di sicurezza perché rischiavo di cadere dalla sedia! La notizia è scioccante. L'articolo di apertura dice che Berlusconi ha mostrato il suo vero volto: non un grande statista ma un uomo che pensa solo a fare leggi per sé! Ha ingannato l'opposizione con straordinaria abilità! La sua performance è stata talmente geniale e inaspettata (sorrideva! Lui che non ha mai sorriso!), che ha ingannato perfino Veltroni ! Appena atterrata vengo a sapere della manifestazione dell' 8 luglio. I commenti che sento e che leggo in proposito sono sempre gli stessi. La gente non arriva alla quarta settimana questi sono i problemi, non le intercettazioni, non la giustizia, non la difesa della vecchia obsoleta Costituzione, non la difesa dei giornalisti che sono una casta e che se non scendono in piazza loro non si capisce perché dovremmo scendere in piazza noi, non la difesa dei magistrati che sono un'altra casta. Shenderovich, satirista russo, lavorava ad un programma con il 50% di share, è stata una delle prime vittime di Putin.

Sono anni che può esprimersi solo in una radio dissidente e la gente che ha votato Putin continua a fermarlo per chiedergli: come mai non ti si vede più in tv? Shenderovich osserva acutamente che la sua gente non associa la libertà al benessere. Guardano l'Occidente e vorrebbero quello stile di vita. Non capiscono che questo stile di vita è stato raggiunto grazie alla libertà. E votano Putin in massa. Tutti proviamo fastidio a risentire la parola girotondi, proviamo fastidio al nome di Di Pietro, al nome Veltroni, Fava e ormai anche Vendola. Sarebbe meglio che ci fossero dei politici che ci convincono di più ma non ci sono. Nell'attesa dell'arrivo del messia una manifestazione è stata convocata l'8 luglio e bisogna andarci. Il leader plebiscitario Veltroni dice che si tratta dei soliti quattro gatti. Su Veltroni non c'è altro da aggiungere al commento di Altan: - Si manifesta in autunno. - A che ora? La ragione per cui non si arriva alla quarta settimana è che tutti i settori della nostra società, compresi tutti quelli che dovrebbero svolgere attività di controllo, sono corrotti. La ragione per cui stiamo male e staremo peggio è che siamo governati da ladri. È grazie alle intercettazioni che sono state fermate le scalate alle banche da parte di Berlusconi, della Lega e del Pd, grazie alle intercettazioni e soprattutto grazie al fatto che siano state rese pubbliche a mezzo stampa Fazio è stato costretto a dimettersi e ora ci troviamo con Draghi che è onesto e capace. La violazione della privacy è già punita dalla legge, Anna Falchi ha avuto giustizia. Gli italiani continuano ad essere truffati dalle banche, dai partiti, dall'ultimo arrivato come Fiorani che con in tasca decine di milioni di euro rubati alle vecchiette che poi votano Berlusconi, ci saluta dai canali Mediaset, sempre educativi, ballando a torso nudo a casa di Lele Mora.

Sabina Guzzanti

Pubblico sotto il video di Antonio Di Pietro in cui annuncia la manifestazione che si svolgerà a Roma l'8 Luglio dalle ore 18:00, in Piazza Navona

Unica Opposizione: 8 luglio 2008 Niente Bandiere



Accorrete numerosi e diffondete la notizia

Ciao un saluto a tutti