Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

12 maggio 2015

Accessibilità è anche rendere fruibile un servizio

Quando la disabilità – e soprattutto le competenze culturali, professionali e umane – ispira un modello di formazione e consulenza utile a tutti, senza distinzioni: è questa la filosofia del Progetto “Yeah!”, presentato nei giorni scorsi, che punta a mettere in contatto la domanda di formazione, istruzione e tutoraggio e l’offerta di corsi che divulgano saperi e conoscenze. Perché l’accessibilità non si misura solo abbattendo barriere, ma anche rendendo fruibile un servizio Urko Carmona Barandiaran Un allenamento dello spagnolo Urko Carmona Barandiaran, campione del mondo di paraclimbing, intervenuto alla presentazione del Progetto “Yeah!”. Il fortissimo scalatore su roccia ha ottenuto risultati straordinari, battendo anche numerosi atleti senza disabilità, nonostante l’amputazione della gamba destra Qualche tempo fa due giornalisti di rango come Massimo Fini e Maurizio Molinari [se ne legga su queste stesse pagine, N.d.R.] sono andati in conflitto, l’uno perché a causa della prossima cecità riteneva di non poter più lavorare, l’altro, più giovane, non vedente e costretto a trovare lavoro all’estero a causa della propria disabilità, perché non ha retto il nesso di causalità tra cecità e impossibilità di lavorare, sottolineato da Fini. «Con la sua scelta – aveva scritto Molinari – il signor Fini legittima quelli che hanno rifiutato di farmi lavorare. Non nasconda dietro l’handicap una sua libera scelta». La condizione di disabilità, come altre condizioni della vita, mette le persone alla prova e, come detto, due sono le possibili risposte: rinunciare a sperimentare ogni percorso che indichi la via dell’autonomia; o darsi da fare, e molto seriamente. Fabio Lotti e Marco Andreoli – economista non vedente l’uno, filologo ipovedente l’altro – hanno scelto questa seconda strada, mettendo a disposizione del pubblico le proprie competenze culturali, professionali e umane. In poche parole hanno lasciato che la propria disabilità ispirasse un modello di formazione e consulenza utile a tutti, senza distinzioni. Si tratta del Progetto Yeah!, nato all’interno della Cooperativa Sociale veronese Quid e specializzato sulla disabilità e sull’accessibilità dei servizi. Qualche giorno fa è stato presentato sul palco del Gardaland Theatre, nell’omonimo parco divertimenti sul Lago di Garda, durante l’evento denominato Lanciati oltre i limiti e a supporto del messaggio sono intervenute alcune persone con disabilità che hanno raggiunto grandi risultati nello sport, nel lavoro e nell’impegno civile, raccontando la propria esperienza e testimoniando che i limiti per chiunque, con o senza disabilità, sono soprattutto mentali. In particolare sono intervenuti Simone Salvagnin, atleta plurimedagliato di paraclimbing, non vedente e Urko Carmona Barandiaran, trentatreenne spagnolo campione del mondo nella stessa specialità e fortissimo scalatore su roccia, che nonostante l’amputazione di una gamba ha raggiunto risultati straordinari battendo atleti senza disabilità. Si sono esibiti inoltre anche Elena Travaini e Anthony Carollo, lei che non ci vede e lui che in scena si benda, fondatori del Progetto Blindy Dancing – Danzare a occhi chiusi, maestri e non solo ballerini. Nel logo del progetto, la lettera iniziale della parola Yeah!, la ipsilon, è stata trasformata graficamente in una fionda, proprio per indicare che quando qualcuno si lancia nella marea della “possibilità” forse rischia, ma sicuramente cresce. Lanciati oltre i limiti, come detto, è stato infatti il titolo della presentazione, perché chi ha una disabilità non è diverso, ma per guadagnare fette sempre più larghe di autonomia, deve sperimentare modalità spesso note solo a chi ha già vissuto l’esperienza (un’altra persona con la stessa disabilità, ad esempio). Il fine che persegue il progetto, allora, è proprio quello di mettere in contatto la domanda di formazione, istruzione e tutoraggio e l’offerta di corsi (anche a domicilio o via Skype o in formula mista) che divulgano saperi e conoscenze. Momentaneamente Yeah! Si rivolge alle persone con disabilità visiva, perché i fondatori hanno appunto questa disabilità. Ma nulla vieta che il modello di formazione possa essere replicato per altre forme di disabilità. Il concetto di formazione, inoltre, è rivolto anche a persone senza disabilità che vogliano imparare a mettersi correttamente in relazione con persone con bisogni speciali, tra cui le persone con disabilità . Perché l’accessibilità non si misura solo abbattendo le barriere architettoniche (o percettivo-sensoriali), ma anche rendendo fruibile un servizio.

Letto su http://www.ileanaargentin.it/

Articolo interamente tratto da http://www.superando.it

11 maggio 2015

Integrazione, la testimonianza: "Io, disabile, su Facebook grazie agli studenti"

Gli ospiti della coop L’Ovile imparano l’informatica grazie ai giovani del liceo Moro di Alessandra Codeluppi. Un clic per sentirsi meno soli. Spesso, infatti, le barriere che i disabili devono affrontare non sono fatte soltanto di muri, ma anche di cultura e mancate opportunità. Ad abbatterle ci stanno pensando alcuni studenti del liceo Moro: sono loro, infatti, gli speciali insegnanti di 18 disabili adulti, seguiti dal centro socio-occupazionale ‘Nessuno escluso’ che fa parte della cooperativa sociale L’Ovile. Da gennaio, ogni giovedì pomeriggio, alcuni ragazzi delle classi terze e quarte della scuola, iscritti all’indirizzo scienze applicate, trascorrono un paio d’ore con i disabili davanti al computer nelle aule del Moro.
«È la prima volta - spiega Gianluca Romersa, referente di Officina educativa del Comune - che il progetto ‘Giovani protagonisti’ coinvolge i disabili in un’iniziativa». L’input è venuto proprio da loro: «Ci hanno chiesto di poter imparare un po’ di informatica: c’era chi aveva già qualche conoscenza, ma altri partivano da zero», spiega Giulia Martinelli, referente del progetto ‘Nessun escluso 2.0’ che coinvolge anche altri operatori sociali come Gabriella Riccò, Monia Spallanzani, Marco Ferretti, Francesco Bedogni - un ragazzo che fa il servizio civile - e il coordinatore Tommaso Menozzi. «Hanno imparato a inviare una mail, usare il programma word, scrivere un curriculum, aprire un profilo facebook ma anche a cercare foto e informazioni. Soprattutto - spiega Martinelli - volevano sentirsi più autonomi attraverso l’uso del computer».
L’entusiasmo trapela dalle voci dei disabili. «Finalmente mi sono iscritto a facebook - dice Paolo, 45 anni -. Ho già chiesto e ottenuto diverse amicizie. In più ho fatto alcune ricerche sulla trasmissione tv ‘Ti lascio una canzone’». Federico Bocchi, lo studente che lo segue, all’inizio era scettico: «Non sapevo se sarei stato all’altezza di insegnare, poi ho visto ogni giorno qualche miglioramento. Ogni giovedì esco felice dall’aula». Dante, 40 anni, non era un neofita: «Avevo imparato qualcosa quando andavo alla scuola professionale. Qui ho usato power point e fatto ricerche sull’arte». La sua tutor, Gaia Fontana, è stupita: «Dante riesce a riconoscere una chiesa a partire dalla foto di guglia. È simpatico e molto divertente». Annamaria Morlini, insegnante di informatica, è la referente per la scuola: «I ragazzi si sono impegnati tanto, ma non solo: si sono creati legami d’amicizia con i disabili».
Ecco i nomi dei ragazzi del Moro: Gaia Fontana, Luca Contalbo, Isabel Badodi, Maicol Balduino, Tommaso Becchi, Francesco Caroso, Francesca Bernuzzi, Manel Rahmouni, Federico Bocchi, Debora Di Lorenzo, Fabio Leanti, Luca Rinaldi, Alessandro Vacondio, Sara Zouhri, Cristian Pomponio, Cesare Oliveri.
di Alessandra Codeluppi
 
Articolo interamente tratto da http://www.ilrestodelcarlino.it/

08 maggio 2015

8 Maggio Giornata Mondiale della Talassemia

Credit Photo www.skuola.net
Cari amici oggi 8 Maggio 2015 è la giornata mondiale della talassemia (una malattia ereditaria che comporta anemia, cioè una diminuzione della presenza di emoglobina utile al trasporto dell'ossigeno nel sangue. fonte Wikipedia).
Per far fronte a questa malattia molto diffusa in Sardegna servono delle urgenti trasfusioni di sangue. Sangue che purtroppo, soprattutto nella mia Regione manca da molto tempo. Per cui vi invito, chi può, per favore a donare il sangue. Un piccolo, grande gesto che salva per davvero una vita umana.
A tal riguardo pubblico un appello pubblicato su Facebook da Ivano Argiolas presidente dell’associazione “Thalassa Azione”, da lui fondata nel 2011, di cui questo Blog si è già occupato in passato (vedi http://nientebarriere.blogspot.it/2013/04/talassemia-una-cura-rivoluzionaria-new.html).

07 maggio 2015

Festival delle Abilità Differenti, 17a Edizione

Dal 16 al 26 maggio si svolgerà la 17a edizione del Festival delle abilità differenti, organizzato dalla Cooperativa Nazareno, il titolo di quest'anno è "Invincibili fragilità".
Come ogni anno le città che ospiteranno questo evento sono Bologna, Carpi, Correggio e Sorbara.
Il Festival delle abilità differenti ha come scopo quello di far comprendere che ogni persona, al di là dei propri limiti, può esprimere, attraverso l'arte, le proprie potenzialità .
Dalle fragilità può nascere la speranza attraverso il talento, che è espressione dell'anima, e trasformarsi in bellezza invincibile.
Nelle città su citate si svolgeranno vari appuntamenti:

Un percorso per disabili nell’area archeologica di Tamuli

Mercoledì 19 maggio sarà inaugurato il percorso per disabili visivi realizzato nel complesso archeologico di Tamuli dalla Fondazione Promotea alla quale il comune di Macomer ha affidato la gestione dei siti archeologici e museali. Il percorso è stato realizzato nell’ambito del progetto “Tamuli in ogni senso”, un progetto sostenuto dall’assessorato regionale alla Cultura e dalla Soprintendenza ai beni archeologici, finanziato dalla Fondazione Banco di Sardegna e cofinanziato dall’Unione dei Comuni del Marghine.

06 maggio 2015

La pizza sospesa di Ciro Oliva. Cento pizze per la solidarietà

La pizza sospesa di Ciro Oliva. Cento pizze per la solidarietà nell'iniziativa (replicabile) in stile partenopeo.
Il giovane pizzaiolo del rione Sanità segue le orme dei suoi predecessori e dedica uno spazio alla pratica della pizza sospesa: offerta libera pensando agli avventori in condizioni precarie. La prima distribuzione si è svolta lo scorso 1 maggio, ma con il supporto della Comunità di Sant'Egidio c'è l'intenzione di replicare.


Da Concettina ai Tre Santi

La Caritas si mobilita per il Nepal

Il dramma in Nepal, con migliaia di vittime e di dispersi, ha trovato subito la solidarietà internazionale. La Caritas ha avviato immediatamente una raccolta di fondi per aiutare la popolazione.
Il direttore di Caritas Nepal, padre Pius Perumana, ha dichiarato: «Si tratta del peggior terremoto di cui ho mai avuto esperienza; le scosse di assestamento sono state ancora molto forti e da quello che possiamo constatare al momento potrebbe trattarsi di una una situazione di grave emergenza. Grazie al cielo il terremoto si è verificato di giorno e durante una festività, cogliendo quindi molte delle persone all'aperto».

02 maggio 2015

Speleologia e Disabilità

La Federazione Speleologica Toscana sta preparando per il 9 maggio 2015, presso la sala congressi del Museo di Storia Naturale di Livorno, l’evento “Speleologia e Disabilità”. 
L’interesse e le esperienze realizzate ci fanno promotori in un ambito nuovo per la speleologia; questo progetto sarà realizzato grazie alla collaborazione attiva dei Gruppi Grotte e dei singoli speleologi che hanno sperimentato l’esperienza di accompagnare persone diversamente abili in una grotta, lasciando anche a loro spazio per raccontare le emozioni vissute.
Una giornata dedicata alla conoscenza reciproca con l’obiettivo di vivere la grotta con modalità nuove. Gli speleologi metteranno in campo le loro risorse per rendere accessibile il mondo sotterraneo a tutte le persone, indipendentemente dalle proprie difficoltà. Un percorso che necessita di un linguaggio di espressione e di comunicazione con la persona disabile. Metteremo a confronto realtà, esperienze ed emozioni per capire quanto e cosa è possibile proporre, lavorando insieme ad un progetto divulgativo di una speleologia senza barriere.

29 aprile 2015

"L'Autismo secondo me" di Giovanni Tommasini

Cari amici, sono lieto di ritornar ad ospitare in questo spazio un nuovo articolo del nostro Giovanni Tommasini. Per chi non lo conoscesse, Giovanni lavora da oltre 25 anni a contatto con dei ragazzi colpiti da Autismo (Disabili Intellettivi e Relazionali). Malattia questa che porta spesso solitudine e disperazione non solo nelle persone colpite da questa disabilità ma anche e soprattutto alle loro famiglie, le quali purtroppo, con l'andar del tempo, non riescono più a seguire i loro cari.
Figure professionali e strutture dove lavora Giovanni sono dunque fondamentali per chi è costretto a vivere il "sistema" autismo. La grande esperienza professionale del nostro amico, l'ha portato in questo ultimo periodo a condividere alcuni momenti della sua vita professionale, grazie alla stesura di alcuni libri che lo stesso Giovanni scrive e commercializza come editore di se stesso.
"Sono Cesare ...Tutto Bene" e "Nata Scalza - Io, mamma figlia dell'Autismo" sono diventati in breve tempo dei veri e propri saggi e guide per quanti vogliono avvicinarsi nel modo giusto al mondo dell'AUTISMO. Una patologia poco conosciuta, fattore però di forte discriminazione della nostra società verso quanti vivono sulla propria pelle il "sistema" Autismo. 
Vi ricordo infine che, per quanti volessero acquistare una copia dei libri di Giovanni Tommasini, possono mandargli un email (giovannitommasini8@gmail.com) o telefonarlo al numero 348/1124999.

Raimondo

L'AUTISMO SECONDO ME
Questo mio contributo alla conoscenza
Condizione umana ESTREMA, vissuto spaziotemporale che va facilmente in frantumi, i pezzi della realtà ricomponendosi in un mosaicismo labirintico in cui il soggetto autistico e i familiari coinvolti vengono rapiti.
Vite in ostaggio dell'autismo.
Regaliamo accoglienza, attenzione, ascolto, presa in carico di questa drammatica esperienza per creare sortie di secours, uscite di sicurezza per i membri del sistema famiglia coinvolti in questa drammatica quotidianità.

24 aprile 2015

Aiutiamo Deborah a non morire. Le servono cure costose all’estero

Mamma 40enne di Sangiano soffre di una malattia rara che la uccide lentamente. L’unica chance è un viaggio della speranza a Londra o Dallas: appello dei familiari.

Deborah non può più abbracciare i suoi figli, non può alimentarsi, non può uscire, non può indossare gli abiti che portava prima, perché rischia di morire.
Affrontare una malattia grave è difficile, quando si tratta di una malattia rara la vita può presentarsi molto più che drammatica, sfiorare la tragicità. Se non parte subito per la costosa terapia all’estero, difficilmente qui, a Varese come in Italia, senza le adeguate cure, potrà sopravvivere a lungo.

Un nemico subdolo

23 aprile 2015

Giovanni Lo Porto ucciso per errore dagli USA

Di Giovanni ci siamo occupati molte volte, tra i pochi online. Speravamo in una soluzione positiva della sua vicenda. Invece Giovanni non ce la fatta. Oggi è arrivata la notizia che non avremo mai voluto leggere, ascoltare o peggio scrivere quello che ora stiamo facendo. Non ci rimane che tristemente dare le nostre condoglianze alla famiglia e pregare per la sua anima ma soprattutto tenere vivo il ricordo di un ragazzo partito con grandi sogni. Il suo sogno era quello di far star meglio le persone. Ciao Giovanni, Riposa in Pace.

La notizia:
Giovanni Lo Porto, il cooperante siciliano da tre anni ostaggio in Pakistan, è stato ucciso da un drone della Cia a gennaio: l’obiettivo dell’aereo militare senza pilota della missione americana era un compound di Al Qaeda. Lo Porto era nel compound colpito con altri ostaggi americani. La notizia è stata data dall’agenzia americana Dow Jones che cita alti funzionari dell’amministrazione Obama. Assieme a Lo Porto vittima del drone Usa è l’esperto di sviluppo Warren Weinstein. (fonte Sole24Ore)

22 aprile 2015

Turismo accessibile, V4A lancia il corso dedicato alle Agenzie di Viaggio


Arriva il corso dedicato alle agenzie di viaggio che vogliono specializzarsi nel turismo accessibile, che da solo riguarda 140 milioni di persone in Europa e 12 milioni in Italia e che si stima possa incrementare i fatturati turistici fino al 20%. L’idea è di V4A, presente sul mercato fin dal 2008 con il primo Marchio di Qualità Internazionale Ospitalità Accessibile, che ha realizzato il primo programma di servizi dedicato alle agenzie di viaggio che vogliono rispondere alle richieste di questo settore.

Village4All Marchio Qualità Ospitalità Accessibile http://www.villageforall.net/
Altre Info su www.sweethive.com/wiredexp/corso-ospitalita-agenzie
Per leggere altre notizie sul Turismo Accessibile CLICCA QUI

21 aprile 2015

La doppia fatica di essere immigrati e disabili

Accettare la disabilità è una questione di cultura che dipende dal Paese di origine, aggravata dalla mancanza di punti di riferimento e dal fatto che può essere la fine del "progetto migratorio". Anche l'integrazione scolastica dei bambini disabili stranieri è difficile

ROMA - Le persone straniere fanno molta più fatica ad accettare la disabilità. È una questione di cultura, che dipende dal Paese di origine, e di mancanza di punti di riferimento o di reti familiari in Italia. Se gli incidenti sul lavoro "possono aprire una catastrofe non solo fisica, ma anche esistenziale, con pesanti ricadute economiche sul progetto migratorio immaginato dai cittadini stranieri quando hanno deciso di abbandonare la propria terra - niente più rimesse -, per quanto riguarda le psico-patologie le persone immigrate finiscono nelle strutture di ricovero molto di più dei cittadini italiani". A tracciare un quadro complessivo della situazione su immigrazione e disabilità è lo psichiatra Roberto Maisto, che per quattro anni ha lavorato al Centro di psichiatria multietnica "Georges Devereux" di Bologna, una struttura che fa capo al Dipartimento di salute mentale dell'Ausl.

17 aprile 2015

Turismo accessibile: grande opportunità per Napoli e la Campania

Turismo accessibile, un’opportunità straordinaria per la nostra regione. Se ne è discusso ieri presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli, nel convegno: “Nuove frontiere per lo sviluppo sostenibile e accessibile del sistema turistico: Garanzia Napoli“. L’evento è stato fortemente voluto dall’Ordine dei Commercialisti e dalla Fondazione Turismo Accessibile, che hanno costituito un comitato scientifico per promuovere iniziative e progetti concreti in un settore che ha una duplice importantissima valenza: sociale e di business. La valenza sociale è evidente: parliamo di tutte le persone diversamente abili, che, potrebbero avere finalmente l’opportunità di visitare i nostri bellissimi siti se questi fossero dotati delle strutture e dei servizi idonei ad accoglierli. Il business potenziale è altrettanto lampante: le statistiche ufficiali parlano di circa 680 milioni di persone nel mondo con difficoltà motorie interessate a viaggiare per turismo, quasi sempre con familiari ed amici in accompagnamento. Intercettarne anche una piccolissima parte sarebbe per Napoli e la Campania un’occasione straordinaria. Tra l’altro, dal punto di vista turistico, i diversamente abili non sono solo le persone che hanno difficoltà congenite o acquisite, ma tutti coloro che hanno appunto difficoltà a muoversi, quindi anche donne incinte, anziani, famiglie con bambini piccolissimi.

16 aprile 2015

Infoday a Catania su turismo accessibile e progetto MUST

Adeguare la propria struttura ricettiva in termini di accessibilità non è soltanto una questione di carattere sociale ma un’opportunità concreta di crescita. Punta a far comprendere agli operatori turistici questo concetto e a coinvolgerli nel progetto MUST (Mobility Unesco Sustainable Tourism) la giornata informativa in programma martedì 21 aprile a Catania, realizzata in collaborazione con la Fondazione Patrimonio Unesco Sicilia.

Startup vince premio per progetto su turismo accessibile

Ha vinto un progetto sul turismo accessibile la terza edizione di startup weekend Palermo, la prima dedicata esclusivamente al turismo. Il primo premio è stato conquistato da Bookingbility, la piattaforma di prenotazione on line di strutture adatte a utenti disabili di Annalisa Riggio. Al secondo posto si è posizionato Travel Tweet, portale dedicato a chi vuole pianificare un weekend con la facilità di un tweet, mentre al terzo posto si è classificato Undiscovered Italy.

15 aprile 2015

"Il Turismo Accessibile aumenta fatturato del 20%"

Il fatturato di un'impresa turistico-culturale può aumentare tra il 18,3% e il19.7% se si punta sul mercato del Turismo e della Cultura accessibili. È quanto dimostrano diversi studi effettuati dalla Commissione Europea.
Di conseguenza, rendere accogliente a tutti la ricettività del Turismo e della Cultura è sì una responsabilità sociale, ma anche un valido strumento per promuovere la competitività dei servizi turistici (alberghi, B&B, ristoranti, pub, discoteche ecc.) e dei luoghi d'interesse artistico, storico e culturale (chiese, musei, pinacoteche, parchi archeologici, parchi ambientali ecc.).

14 aprile 2015

Ecco come far lavorare 400 disabili in più al giorno

Nel Regno Unito un anno e mezzo fa venne lanciato un patto tra governo e aziende per innalzare la quota di lavoratori disabili nel settore privato. Risultato: il tasso di disoccupazione è crollato di quasi l'11 ,e 141mila persone in più hanno trovato un posto. Di queste, 86mila sono donne
Ogni giorno nel Regno Unito ci sono 400 persone disabili che si svegliano e vanno al lavoro. Per la prima volta. Sono infatti aumentati di 141mila unità in un solo anno i disabili britannici che hanno trovato lavoro, pari a circa 400 neoassunti ogni giorno.

10 aprile 2015

Conosci il significato del saluto pace e bene?

Il Pace e Bene Francescano

Francesco nasce ad Assisi tra il 1181 e il 1182 e fino al suo venticinquesimo anno di età è promotore di feste e scorribande. Era un uomo che cercava di eccellere sugli altri con grande ambizione e prepotenza; viveva nel peccato, soddisfaceva tutte le tendenze giovanili senza freni e sprovvisto di autocontrollo, era agitato dal veleno dell'antico serpente. Visse una giovinezza cruenta e violenta, al punto tale che partecipò anche alla quinta crociata.
Tra il 1198 e il 1200, dopo la morte dell'imperatore Enrico VI (1197) i popolani delle arti distrussero la rocca imperiale di Assisi e assalirono le case fortificate dei nobili. Francesco decise allora di partecipare alle guerra tra Assisi e Perugia e armò nuovamente la sua mano con una spada che questa volta si sporcò di sangue. Tra i l202 e il 1203 le milizia assisane furono sconfitte a Collestrada, durante questa battaglia Francesco venne imprigionato e solo un anno dopo potè ritornare ad Assisi.

09 aprile 2015

“Tutti al mare… per chi ci sta e con la SLA!

“Tutti al mare… per chi ci sta e con la SLA!” è un progetto di Gaetano Fuso, un ragazzo salentino di 38 anni che da circa un anno è affetto dalla SLA. L'obiettivo di Gaetano è quello di realizzare una terrazza accessibile (su una spiaggia o su una scogliera), sulla costa del Salento,  che permetta anche agli ammalati di SLA e le loro famiglie (ma anche a altre persone colpite ad esempio da altre malattie neuro-degenerative), di godere anche loro di un certo di periodo di vacanza. Il progetto "Tutti al mare ... per chi ci sta e con la SLA!" sarà già attivo già da questa estate e, grazie anche ad alcuni fondi raccolti, si cercherà di renderlo disponibile per almeno altri cinque anni. 
Questa è solo una delle iniziative della comunità IO POSSO. La comunità Io Posso si propone di migliorare la qualità della vita dei portatori di handicap e dei non autosufficienti in particolare, cercando di realizzare nell'ambito del possibile alcuni sogni, fino a questo momento irrelealizzati. Bella Iniziativa!!!

I Giornali ti vogliono Handicappata

La storia di Elena Porceddu merita una riflessione.
Il 31 ottobre 2014, i giornali mostrano una foto di un’anziana che va a fare la spesa. Tra questi l’Unione sarda che titola “L’INPS smaschera una falsa cieca mentre va in banca e a fare la spesa” (clicca qui per vedere la notiziaLink clicca qui per vedere la notizia). Finire sull’Unione Sarda ed essere svergognato, credo sia stato, per generazioni, l’incubo di qualunque cagliaritano. Non vedevo la signora Elena dalla bellezza di 35 anni. E conoscevo la sua storia. Da bambina guardò il sole e si bruciò gli occhi. È a causa sua che non ho mai guardato un’eclissi solare.

08 aprile 2015

La fuffa della solidarietà


 Se decidiamo di guardare cosa sta succedendo ai diritti delle persone con disabilità ci si mette le mani nei capelli. Sempre se si hanno le mani. E se si hanno i capelli. In caso contrario si spalanca la bocca in segno di sbalordimento. Perché, visto dal di fuori, quello della disabilità sembra un mondo protetto e tutelato. Sembra.
Categorie protette, accessi prioritari ai servizi e alle cure, residenze protette, collocamento obbligatorio, leggi sull’accessibilità: questi sono solo alcuni degli esempi. A ben guardare, negli ultimi 30 anni, è stata emanata tutta una serie di provvedimenti volti a restituire dignità di vita alle persone con disabilità. Dopo la legge Basaglia in tutto lo stivale sono proliferati impegni in questo senso.

07 aprile 2015

A Bauladu (OR) un Master sull'Autismo

Bauladu, studiare l’autismo Master al centro San Lorenzo.
Sono aperte le iscrizioni al Master Aba di primo livello, in analisi del comportamento e applicazioni al disturbo autistico, che si svolgerà nel centro servizi San Lorenzo a partire dal prossimo giugno. La posizione baricentrica, quindi facilmente raggiungibile da tutta la Sardegna, ancora una volta premia il piccolo centro del Campidano di Oristano, che, anche grazie alle ottime strutture di cui dispone, lo rendono sede ideale per lo svolgimento di attività culturali e di convegni.
Al master potranno partecipare i possessori di un diploma di laurea triennale in psicologia, pedagogia, scienze dell’educazione, logopedia, fisioterapia, terapia della riabilitazione o titoli analoghi. Il programma prevede 18 lezioni in aula per un totale di 180 ore. L’inizio delle lezioni è previsto per sabato 13 giugno. Chi fosse interessato avrà tempo per le iscrizioni fino al 24 aprile, mentre le selezioni sono previste sabato 26 maggio. L’iscrizione al master è subordinata a una selezione che si svolge tramite la valutazione dei curricula e a un colloquio individuale. Tutte le informazioni dettagliate sul master sono disponibili nella sezione dedicata del sito: masteraba.it (pi.maro.)
 
Fonte La Nuova Sardegna

06 aprile 2015

Soros prepara la regina delle speculazioni: quella sul cibo

Sono certo che la terra da coltivare sia il miglior investimento della nostra epoca. I prezzi dei prodotti alimentari aumenteranno, grazie alle richieste sempre maggiori dei mercati, e il fabbisogno sarà soddisfatto attraverso la coltivazione di nuove terre, o della tecnologia o, forse, di entrambe”.George Soros aveva le idee chiare già nel 2009 e l’anno successivo ha iniziato la sua scalata all’approvvigionamento di terre, aziende agricole e società impegnate nell’agrochimica e nella biotecnologia. Secondo alcuni analisti l’obiettivo del miliardario e speculatore americano sarebbe quello di creare una bolla economica sui principali prodotti alimentari di largo consumo: una speculazione dalla portata enorme, capace di mettere in ginocchio vaste aree del globo.

Spina bifida, individuati nuovi geni responsabili

Studio dell’Istituto Gaslini di Genova, in collaborazione con il Canada, permette di identificare 42 mutazioni non ereditate
 
Uno studio congiunto tra Unità operativa complessa di Neurochirurgia dell’Istituto Gaslini di Genova e CHU Sainte-Justine Research Center di Montreal ha individuato nuovi geni responsabili della spina bifida. I risultati della ricerca sono stati pubblicati dalla rivista scientifica internazionale Journal of Medical Genetics. I ricercatori dei due centri hanno esaminato il Dna di bambini affetti e quello dei genitori sani di 43 famiglie mediante tecnologie di sequenziamento di nuova generazione, allo scopo di determinare l’impatto di mutazioni de novo, cioè non ereditate, che determinano una perdita di funzione della proteina. Il risultato è stato l’individuazione di 42 mutazioni de novo, di cui 5 a carico di geni che erano già noti come responsabili di queste patologie in modelli animali.
La patologia

03 aprile 2015

Appello, Aiutiamo Giulia e la sua Famiglia

Riceviamo e pubblichiamo molto volentieri questo appello che abbiamo verificato e che riteniamo sicuro:
Care amiche e cari amici, scorrendo la home di Facebook, sono venuta a conoscenza di un caso che mi ha profondamente colpito e voglio raccontarlo anche a voi con la speranza che si possa tutti insieme trovare una soluzione. Questa meravigliosa bimba di 5 anni, vive a Corigliano in provincia di Cosenza, si chiama Giulia e ha una malattia molto grave (paralisi celebrale due malattie rare pachigiria encefalopatia crisi epilettiche tetraparesi spastica distress respiratorio portatrice peg e tracheo, attualmente Ricoverata x una grave insufficenza respiratoria !!!!). Come ho riportato sopra in questi giorni ha avuto un peggioramento, per cui è stato necessario il ricovero in un ospedale di Palermo… Il problema è che i suoi genitori non sono in grado di sostenere per molto tempo ancora, le spese dell’alloggio situato nei pressi dell’ospedale, quindi, tra non molto dovranno ritornare a Corigliano e dovranno lasciare Giulia da sola in ospedale, questa situazione per i suoi genitori è davvero straziante. Ci tengo a precisare che non conosco personalmente questa famiglia, tutto ciò che so, l’ho appreso da Facebook e da una breve conversazione avuta tramite chat con la mamma di Giulia. Dunque, io faccio a voi tutti, un appello personale: cosa possiamo fare per questa famiglia? Chi ha suggerimenti o soluzioni in merito, per favore si faccia avanti, Giulia non può e non deve restare da sola, ha bisogno della vicinanza dei suoi genitori. Domenica è Pasqua, un giorno in cui tutti ci scambieremo auguri di pace, gioia e serenità… facciamo in modo che Giulia e la sua famiglia restino uniti e siano sereni e felici anche loro… Cerchiamo di non restare indifferenti difronte a chi soffre e ha bisogno d’aiuto… Per favore, dopo aver letto questo post non fate
finta di nulla… Grazie a tutti.
Potete donare tramite Posta Pay intestato a Maria Lauricella numero 4023600645759046 codice fiscale LRCMRA68H65G273A
un saluto da Maria Ronzino
Volontaria Uildm di Ottaviano
https://www.facebook.com/ronzino1

02 aprile 2015

Turismo religioso, una carrozza ferroviaria per pellegrini disabili

Una nuova carrozza ferroviaria innovativa, a due piani, dedicata ai pellegrini diretti in luoghi di culto come Lourdes. Il progetto denominato Caritas è promosso da tre aziende piemontesi e una di Udine in collaborazione con il Politecnico di Torino. Caritas è uno dei vincitori del bando 'Mobilità sostenibile', promosso dal ministero dello Sviluppo Economico nel 2009. Il prototipo della carrozza ferroviaria sarà assemblato nello stabilimento della Falveley a Piossasco (Torino) entro il 30 aprile e sarà presentata intorno al 15 maggio. Capofila del progetto del valore di oltre 10 milioni di euro è la Blue Engineering che ha lavorato con la Logosystem Plus, la Falveley, la Fisa di Udine e il Politecnico di Torino. “Il mercato potenziale - spiega Pierangelo Farina, project manager della Blue Engineering - è molto ampio: comprende turismo religioso con i pellegrini, disabili, ammalati o anziani che visitano i luoghi di culto (in Europa 50 milioni di visitatori l'anno), il turismo sociale e l'area 'leisure' rivolta agli anziani che dispongono di tempo libero e risorse finanziarie”.

Foto: Disabili a Lourdes
Fonte http://www.travelnostop.com/

01 aprile 2015

Turismo Accessibile, Stati Uniti al primo posto (Italia settima)

Gli Stati Uniti sono il Paese più accessibile al mondo per strutture ricettive. E' questo il risultato della speciale classifica sul Turismo Accessibile del sito asiatico Agoda.com. L'Italia, sempre secondo Agoda, torna a crescere in civiltà e, dopo molti anni, si piazza tra i primi 10 paesi al mondo.
La classifica come dicevamo vede al primo posto gli Stati Uniti con il 77 per cento degli alberghi adeguatamente attrezzati per rispondere alle esigenze dei turisti affetti da disabilità. Al secondo e al terzo posto Emirati Arabi Uniti e Irlanda con il 55 per cento. L'Italia è settima, dopo le Mauritius, con il 52 per cento delle strutture accessibili, incredibilmente davanti a Norvegia, Porto Rico e Israele.
Sinceramente un piccolo dubbio ci assale. Pesce d'Aprile? 

fonte http://www.ttgitalia.com

26 marzo 2015

DisMappa, Accessibile è Meglio

 Barbara Carniti, figlia di Alda Merini, testimone di accessibilità per la campagna di sensibilizzazione "Accessibile è meglio" promossa da dismappa

Il progetto disMappa vuole valorizzare lo splendido centro storico di Verona con una mappatura di tutti i luoghi pienamente o parzialmente accessibili alle persone che si spostano su sedie a rotelle, proponendo itinerari turistici e servizi utili o dedicati. Si segnaleranno monumenti, edifici pubblici, piazze, negozi, ristoranti, bar etc. privi di barriere architettoniche o con ausili per superarle in autonomia o quasi, e si darà testimonianza diretta della vita cittadina segnalando le proposte culturali e artistiche, incontri e manifestazioni, con particolare rilievo a quelle gratuite.

24 marzo 2015

Carenza di vitamina D: i sintomi da non trascurare

E anche se i sintomi non si manifestano troppo poca vitamina D può causare problemi di salute. Se evitate il sole, soffrite di allergia al latte o seguite una dieta vegana troppo rigorosa potreste essere a rischio di carenza di vitamina D.
Questa sostanza, nota anche come la “vitamina della luce del sole”, è prodotta dal nostro organismo quando la pelle viene esposta al sole ed è essenziale per avere ossa forti dato che aiuta il corpo a sfruttare il calcio. La carenza di vitamina D è stata tradizionalmente associata al rachitismo, una malattia provocata da un difetto di ossificazione della matrice osteoide di nuova formazione.

Disabilità e sistema fiscale

Uno dei corto circuiti che riguarda il sistema fiscale italiano in relazione ai disabili è posto in essere dal decreto legge 112 del 2008.
In sintesi, quando ministro per la Pubblica Amministrazione era Renato Brunetta, fu stabilito che anche i disabili lavoratori devono versare una trattenuta sui giorni di malattia.
Poi, quando il decreto fu trasformato in legge, si ritenne opportuno tenere fuori dalla decurtazione per malattia una serie di categorie più esposte al rischio malattia, come i Vigili del Fuoco. Ma non i disabili.

19 marzo 2015

Lo Stato italiano riconosca la Fibromialgia come malattia invalidante

In Europa 14 milioni di persone soffrono di Fibromialgia, una patologia caratterizzata da dolori muscolari cronici e diffusi. Il Parlamento europeo, nel 2008, l’ha riconosciuta come malattia estremamente invalidante. Il governo italiano, invece, si ostina a non farlo, nonostante a soffrirne, in Italia, siano almeno in 2 milioni. La conseguenza è la negazione del diritto delle persone fibriomialgiche a una buona qualità di vita.

18 marzo 2015

Dolce morte: anche l’Olanda fa i conti con i medici obiettori

Gaby Olthuis aveva 47 anni e soffriva di iperacusia, un'alterazione celebrale nell'elaborazione dei suoni per cui ogni rumore diventava un suono terribile da sopportare. Il suo nome sicuramente non dirà nulla ai più ma in Olanda questa mamma ha fatto parlare di sé un'intera nazione.
Gaby ha infatti scelto di porre fine alla sua vita con l'eutanasia, che nei Paesi Bassi è ammessa in caso di cancro o di altre malattie fisiche ma anche in pazienti psichiatrici, con demenza o “stanchi di vivere” perchè destinati a convivere con una pessima qualità di vita, non causata principalmente da una malattia ma tale da far desiderare la morte.

17 marzo 2015

Programmazione turismo accessibile per Criand

Grazie alla collaborazione con Luigi Passetto, esperto e profondo conoscitore del settore accessibile nel panorama turistico mondiale, Criand presenta ufficialmente la programmazione Turismo Accessibile. "Il nostro messaggio alle agenzie partner sarà: 'Voglia di far Viaggiare? I più bei luoghi "accessibili" del Mondo aspettano i vostri clienti con disabilità'. Un messaggio semplice, ma che deve far capire l’importanza e soprattutto l’esperienza maturata dopo anni di lavoro e specializzazione. Ad oggi le destinazioni testate e che hanno possibilità in alcuni hotel di avere le caratteristiche tecniche per ospitare il turismo accessibile saranno: Cuba, Messico, Brasile, Turchia, Cipro,  Sud Africa e Mauritius. Passo dopo passo sicuramente ci sarà la possibilità di poter aumentare tali destinazioni per dare sempre più un servizio completo e vantaggioso", comunica una nota del Tour Operator.

16 marzo 2015

A Vicenza parte un corso sul Turismo Accessibile

A Vicenza parte un corso di formazione per operatori turistici e non sul turismo accessibile. In questo corso grande attenzione ai disabili. Il corso è stato realizzato all´interno del progetto regionale per lo sviluppo del turismo accessibile. E' suddiviso in tre parti ed è organizzato dall´Ulss 3. Nella prima parte l´obiettivo sarà quello di far conoscere le basi principali della comunicazione interpersonale con le varie categorie di disabili e, inoltre, si parlerà della gestione dei gruppi. Nel secondo, si parlerà, con l'impiego di alcuni esperti, delle diverse tipologie di disabili e, nello specifico, si cercherà di far apprendere ai corsisti le necessità che ogni categoria di disabili può avere. Infine, nella terza parte si andrà ad approfondire il tema dell´accoglienza del turista disabile.

15 marzo 2015

Se vuoi il mio posto prendi il mio handicap


DisAbili è commedia di Angelo Cretella che affronta il tema della disabilità capovolgendo i ruoli.
Sarà infatti il "disabile" Gianni a salvare Marco da una figuraccia dopo che questi con indifferenza ha parcheggiato la sua luccicante bmw giallo oro sul posto riservato ai portatori di handicap.
Gianni gli eviterà la brutta figura ma troverà il modo per fargliela pagare e soprattutto di fargli capire quanto stupida può essere l'indifferenza e quanto invece possa servire la solidarietà.
Un cortometraggio che con leggerezza ed ironia affronta un tema impegnativo e purtroppo ricorrente.



12 marzo 2015

"Non è in grado di capirne il significato" Niente Comunione al bambino autistico

Sta scoppiando un putiferio in Veneto per la decisione di un parroco di una località della provincia di Venezia, di escludere dalla Comunione un ragazzino affetto da Autismo. La notizia è stata riportata dal quotidiano locale Il Gazzettino che, per tutelare il minore, non ha voluto diffondere l'identità dei protagonisti (anche del Parroco).
Il bimbo ha frequentato regolarmente il catechismo ma alla vigilia del Sacramento il sacerdote della parrocchia lo ha escluso, ritenendolo "non idoneo", motivando la sua decisione a causa dei suoi gravi "problemi", dunque per lui il bambino non sarebbe in grado di capire il significato della Comunione. 
Sempre dal Gazzettino si è appreso che la madre del bambino si è rivolta ad un'altra parrocchia confinante, la quale ha accolto il bambino e gli farà fare il Sacramento della Comunione.
Al sacerdote veneto, ministro (minuscolo solo per lui) di Cristo, consigliamo di leggere il Vangelo di Matteo al Capitolo 19, versetto 14:  Gesù però disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli». E tanti saluti ... 
NB. Don, non se la prenda. Siamo tutti peccatori, e forse quel passo del Vangelo se lo è dimenticato. Una ripassatina ogni tanto le farà bene.

fonte articolo http://www.ilgazzettino.it/

11 marzo 2015

"Nata Scalza - Io, mamma figlia dell'Autismo" il prossimo libro di Giovanni Tommasini

Cari amici buongiorno. Nella giornata nel quale il nostro amico Giovanni Tommasini sarà a TV2000 (intorno alle ore 16:30/17:00) per presentare il suo libro "Sono Cesare ... Tutto Bene" per parlare del mondo dell'Autismo, egli ha pensato di farci un regalo, dandoci la possibilità di pubblicare la prefazione del suo prossimo libro che si intitolerà "Nata Scalza - Io, mamma figlia dell'Autismo". Vi ricordo ancora una volta che Giovanni è l'autore ma anche editore dei suoi libri, per cui per acquistarli dovete rivolgervi direttamente a lui, scrivendogli una email a giovannitommasini8@gmail.com oppure vi invito a telefonargli al numero 3481124999. Egli vi indicherà le modalità di pagamento e le spese di spedizione. Dunque ricordatevi, Giovanni Tommasini oggi su TV2000 - Canale digitale terrestre 28 - Canale Sky 801!!!

Ho letto il suo libro. Complimenti per la sensibilità, l’intelligenza, l’umanità, la capacità di individuare strategie.. io cerco disperatamente una persona sensibile come lei. Ormai da 13 anni con nessun esito. Spero prima o poi di trovarla. Sono come la mamma del suo libro, però sola con un angelo disperato al mio fianco.”
Flavia Lanteri


Questo sms mi arrivò pochi giorni dopo la presentazione del mio libro su Cesare a Sanremo.
Flavia non c’era, acquistò il libro tramite la presidentessa dell’Angsa di Imperia. Associazione nazionale genitori soggetti autistici. Nel 1990 quando iniziai il mio viaggio all’interno del mondo autistico non esisteva niente di tutto questo.

10 marzo 2015

Modelle per un giorno le pazienti del “Santa Maria Bambina”

Credit Photo linkoristano.it
Sono state modelle per un giorno ieri le pazienti del “Santa Maria Bambina”: dopo una seduta di trucco hanno posato per un book fotografico. In occasione della giornata della donna, hanno voluto celebrarle in questo modo i ragazzi che svolgono il servizio civile nell’Istituto di cura e riabilitazione del Rimedio. Ad aiutare Chiara Piras, Elonora Trogu, Matteo Pinna, Roberto Pirastu, Ramona Ricci, Nicola Loche, Nicola Cau e Maria Luisa Marra a coccolare, con trucco e foto, le pazienti delle quali si prendono cura tutti i giorni, le estetiste e truccatrici dell’associazione Makeup smile: Patrizia Muru, Leda Bellini, Claudia Boi, Roberta Piras e Michela Atzeni. Il book fotografico è stato donato dall’agenzia pubblicitaria di Oristano “Pikk” di Fabrizio Piras, Giorgio Pia e Francesca Pala.

08 marzo 2015

"Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti" il concorso della Cooperativa AXIA pensato ai disabili

"Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti” è il titolo del Concorso lanciato dalla Cooperativa AXIA di Bologna che ha l'obiettivo di rendere più facile, dunque più accessibile, anche con piccole invenzioni artigianali "fai da te", la vita quotidiana dei disabili.
Tutto questo modificando, migliorando, un ausilio ad esempio, che abbiamo nella nostra casa. Le foto e i video degli ausili "inventati" o "migliorati" verranno pubblicati sul sito www.ausiliartigianali.org e le soluzioni migliori verranno premiati rispettivamente con la somma di 500 e 200 euro. 
Il concorso è valido fino al 22 marzo 2015.

Maggiori info su:
Centro di Riabilitazione AXIA ­ 
via Grieco 8 ­ 40133 Bologna ­ 
tel. 051 6190214 fax 051 6194131 ­ 
e­mail: segreteria@axiacoop.it 
sito Web: www.coopaxia.it

07 marzo 2015

Francia, obbliga Google a rimuovere i contenuti pedopornografici

La Francia fa sul serio e contro la pedopornografia online obbliga alcuni dei più famosi motori di ricerca mondiali, a rimuovere dalle loro ricerche, i contenuti pedopornografici. Da oggi Google, Bing o Yahoo! saranno obbligati dalla Polizia Francese a rimuovere quei siti internet che contengono materiale pedopornografico,  foto e video ma anche annunci, che vedono per protagonisti dei bambini o dei minori. Secondo le disposizioni pubblicate sulla gazzetta ufficiale francese, i motori di ricerca online avranno 48 ore di tempo per rispettare la nuova direttiva. La polizia francese farà dei controlli ogni tre mesi, per verificare l'effettiva scomparsa dei contenuti precedentemente segnalati. A quando il turno dell'Italia?

A Napoli un patto per il turismo “accessibile”


Un patto per il turismo “accessibile” che possa rilanciare l’ospitalità in Campania. E’ quanto emerso dal forum “progetto Garanzia Napoli”, promosso dall’Ordine dei commercialisti di Napoli, al quale hanno partecipato tutti i protagonisti del “cluster” turistico della regione. L’accoglienza delle persone a ridotta mobilità e di quelle con particolari esigenze logistiche, è una priorità assoluta per raggiungere quei livelli di ospitalità e di qualità dei servizi che consentano alla Campania di essere competitiva in Europa in un settore che potrebbe costituire il volano della ripresa economica ed occupazionale.

05 marzo 2015

Regala un panino ad un disabile, la Finanza lo multa per non aver rilasciato lo scontrino

credit photo socialchannel.it
La vicenda di Salvatore Picardi, ex-militare, proprietario di una salumeria, multato dalla Guardia di Finanza di Torre del Greco perchè i Finanzieri hanno constatato che dalla attività hanno visto uscire un anziano disabile con un panino in mano, regalato da Salvatore, dunque sprovvisto di scontrino, sta indignando tutta l'Italia solidale. Il fatto, raccontato più volte nelle televisioni e nei giornali nazionali, è accaduto qualche settimana fa, ma gli echi di una sanzione spropositata, per non dire senza cuore, sta indignando ancora tanta gente.

03 marzo 2015

3DPrint Hub, Nasce il turismo accessibile per persone non vedenti grazie alla stampa 3D

Da non perdere l'appuntamento che dal 5 al 7 marzo 2015 si terrà in Fieramilanocity e che farà incontrare l’universo della stampa 3D con il mondo produttivo italiano analizzando le infinite applicazioni pratiche della stampa 3D nella vita reale: dal settore Medicale al Dentale, dall’ Arredo & Design all’Arte alle Tecnologie Industriali, passando per il Turismoaccessibile, l’Edilizia & Architettura, il Gioiello & Bijoux, per chiudere con la Moda, la Nautica e i Giocattoli. Oltre 50 appuntamenti tra workshop, convegni e presentazioni tecniche, 100 aziende tra cui i principali produttori di stampanti 3D, materiali, tecnologie e servizi e 11 aree dimostrative.
E proprio il Turismo Accessibile sarà uno dei temi affrontati nel corso della manifestazione, con un’area dimostrativa dedicata (http://3dprinthub.it/area-dimostrativa-turismo-accessibile/).

02 marzo 2015

Move! Il turismo accessibile in Fiera a Vicenza

Matteo Marzotto, Presidente
di Fiera di Vicenza
“Più facile e più bello!”: questo è il motto che il direttore generale della Fiera di Vicenza, Corrado Facco, usa per sintetizzare Move!, l’evento fieristico di metà marzo dedicato al turismo accessibile e al design. Si tratta di un fine settimana, dal 13 al 15 marzo, in cui la Fiera proporrà a tutto il comparto turistico le soluzioni più innovative per riuscire a soddisfare le esigenze di ogni tipo di viaggiatori, dai portatori di handicap alle donne in gravidanza, da chi viaggia con genitori anziani a chi è affetto da allergie alimentari. L’obiettivo è cercare di garantire a tutti il diritto di una vacanza agevole, senza barattare la bellezza e il design con la funzionalità.
Si calcola che nel mondo siano un miliardo le persone con disabilità, in Europa 150 milioni, a cui vanno aggiunti i familiari, spesso indispensabili per ogni tipo di movimento. Ecco allora da dove deriva l’interesse turistico nei confronti di questa fascia di popolazione, che secondo gli addetti ai lavori avrebbe un potenziale economico ancora poco sfruttato da tutte le nostre strutture ricettive.

01 marzo 2015

Sensibilità Chimica Multipla (MCS), l'importanza e il "bisogno" di una Legge Regionale



28 Febbraio 2015 - Oristano, Sala Verde Ospedale San Martino.
"2.10 Facciamo il Punto RARINSIEME 2015" 
Convegno "Vivere una malattia rara. Giorno dopo giorno, mano nella mano."
Sensibilità Chimica Multipla (MCS), L'importanza e il "bisogno" di una Legge Regionale
A cura di Ing. M. Valeria Faa


credit video GlobalInfoAction


SLIDE 1 - Sensibilità Chimica Multipla
L'importanza e la necessità di una legge regionale per i pazienti
Relatore: Ing. M. Valeria Faa
Convegno Vivere una malattia rara. Giorno dopo giorno, mano nella mano.
Oristano, Ospedale San Martino
28 febbraio 2015

28 febbraio 2015

La vita agli "arresti domiciliari" di chi assiste un familiare malato



Credit video Recpress video

credit photo invisibili.corriere.it
Una campagna per sensibilizzare la rete sui caregiver, ovvero chi dona la propria vita all'assistenza di un parente malato o disabile. L'Italia è l'unico paese in cui questa figura non è riconosciuta.
Una campagna con spot video e hashtag che racconta la vita di chi assiste un familiare gravemente disabile: è #maipiusoli l'appello lanciato attraverso le parole di Chiara, ma che vuole dare voce a tutti i caregiver d'Italia.