Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

09 luglio 2008

8 luglio: Piazza al Vetriolo

Mi piacerebbe sapere il vostro parere sulla manifestazione di ieri.
Questo intanto è il mio parere.

Questa volta nel titolo del post mi sono adeguato ai titoli e ai commenti e tutto il resto che ho letto e visto nei i media italiani.
Ho seguito quasi tutto il No Cav. Day e devo dire che in buona parte mi posso ritenere soddisfatto. Ho visto tanta gente e poche bandiere, le uniche che svolazzavano erano quella dell'IdV e qualcuna dei reduci della sinistra radicale sparita, giustamente, dal panorama politico Italiano. Ho apprezzato gli interventi di Travaglio, che la cura teatro gli sta giovando in un maniera incredibile, di Beppe Grillo e belle anche le poesie di Camilleri, specie le ultime due.
Nota stonata e determinante per il risultato finale è stata la Guzzanti; peccato davvero, ha davvero nociuto alla manifestazione, quel suo intervento. L'ho sempre ritenuta una validissima persona, forse l'attesa di salire sul palco le ha fatto male. Non solo è andata fuori tema, ma è caduta in una caduta di stile gravissima, risultando a mio parere veramente volgare contro il Papa. La prossima volta che chiedesse la parola in una manifestazione politica, stia attenta a quello che dirà: ho subito avuto la sensazione che non fosse al 100% in se, forse una bevutina o una fumatina di troppo...stentava a parlare...
Vincitore della manifestazione Di Pietro, che ha lanciato, senza nominarla mai, la sfida per raccogliere i voti futuri che adesso sono stati a favore del PD ed è stato molto abile a spargere acqua sul fuoco sulle polemiche che hanno scatenato gli interventi incriminati. Secondo me ha ottenuto davvero quel che voleva al 100% alla faccia del perdente Walter.
Proprio il PD risulta il vero sconfitto da questa manifestazione, (i media oramai sono fuori concorso) lo dimostrano ampiamente i commenti dei protagonisti PieDini dopo la manifestazione: un continuo al fuoco al fuoco, senza per altro riuscire a capire dove fossero le fiamme, ma di questo non ne avevo il minimo dubbio.
Prevedo che se continua così, il Pd continuerà si ad avere il favore di Banche e della Finanza Italiana, ma perderà definitivamente la fiducia della gente, che non lo voterà piu.
Si è svolto il No Cav Day ed è stato proprio il Cav che a mio parere, a causa di quanto ho detto sopra, un altro vincitore di questa manifestazione.
Diavolo di un Silvio!

Ecco alcuni passi della manifestazione:

Beppe Grillo su Veltroni: «Topo Gigio in tre mesi ha fatto cadere il governo Prodi, ha perso Roma e ha disintegrato i partiti della sinistra. È il più grande alleato dello psiconano». Duro attacco al leader del Pd, Walter Veltroni, da parte di Beppe Grillo in videocollegamento con la manifestazione "No Cav Day" di piazza Navona. «Lo psiconano - dice Grillo - è il garante di un comitato d’affari. Ci sono ancora diciotto condannati in Parlamento e se per loro Mangano era un eroe, questi diciotto condannati sono supereroi che hanno il superpotere del silenzio perchè non parlano mai contro il padrone». Poi l'attacco velato al presidente della Repubblica: «Io Napolitano non lo offendo, ma Pertini o Ciampi o Scalfaro non avrebbero mai firmato una legge che lo autoassolve».

Marco Travaglio su Silvio Berlusconi: «vince sempre le elezioni per abbandono degli avversari, non lo lasciamo in pace, anche stavolta aveva un piede nella fossa ma la sinistra italiana si è data questa missione: resuscitarlo. Fa sempre così Berlusconi, come la mantide religiosa - ha continuato Travaglio -: con chi dell’opposizione lo cerca per il dialogo ci fa una ’scopatinà e poi lo uccide... ha fatto di tutto per perdere le elezioni ma ogni volta che arretra gli altri arretrano più di lui, è un sorpasso in retromarcia quello che lo ha portato a vincere». E, ancora, dopo aver letto l’elenco dei ministri del governo Berlusconi: «Ha fatto di tutto per s*******i e quelli sempre lì a dialogare...». «Lui ha altro da fare, se ne vuole andare, aiutiamolo a sparire sennò per inerzia scivola al Quirinale» ha concluso Travaglio.

http://www.ilfoglio.it/media/img/vincino/20080709_1.gif
Vignetta Il Foglio

Per chi volesse riguardare i passi più importanti della manifestazione di ieri, cliccando qua sarete rimandati al Canale di Youtube di RaiNews24

5 commenti:

Stefano Flore ha detto...

Che dire, sottoscrivo in tutto quello che hai scritto nell'articolo. Mi spiace molto per la Guzzanti, che ha visibilmente esagerato, e per il PD, che come al solito prende le distanze quando invece bisognerebbe rafforzare l'azione di contrasto... Meglio emigrare...

alfa ha detto...

Di bandiere ce n'erano molte... meno male che poi è stato gentilmente richiesto dal palco di abbassarle o chi era dietro non avrebbe visto nulla e chi stava riprendendo per trasmettere via web e satellite avrebbe avuto problemi.
A me la manifestazione è piaciuta molto. Condivido i contenuti dell'intervento della Guzzanti, ma non ne ho condiviso il tono, un po' troppo eccessivo e volgare. Era scontato che la stampa oggi non avrebbe parlato d'altro...
Sono rimasto molto deluso, poi, da tutti gli attacchi a Grillo. A mio parere non ha offeso Napolitano. L'ha criticato e, a mio parere, ha fatto bene. Ha firmato una legge vergognosa. Il resto puoi leggerlo sul mio blog, ho scritto un post anche io sulla manifestazione. Saluti :)

Crocieristi ha detto...

ciao, un saluto.

tommi ha detto...

vedo che hai ripreso intensamente a pubblicare post e che hai rinnovato la grafica!
tornerò al più presto a leggerti e commentare!
a presto,
tommi

Sergio ha detto...

Effettivamente fatti più seri, e certi, avrebbero potuto essere argomento di satira che, in ogni caso, non deve essere puro insulto!
Questi personaggi, che vogliono definirsi “comici” arrivano a dimostrarsi solo dei pagliacci che, invece, recano danno alle tante persone serie che hanno partecipato alla manifestazione.
Inoltre si è dimostrata l’incapacità degli organizzatori che, con questi “exploits”, si sono dati la classica “zappa sul piede” rafforzando la popolarità di colui contro il quale andavano a manifestare.
Peccato, un’altra occasione persa!