03 maggio 2008

E-Mail della Dott.ssa Antonietta Gatti: Inquinamento, Nanoparticelle e Spina Bifida

NB. Questo post è stato modificato dopo la sua prima stesura.


Ringrazio l'Amico Gianluca Pistore per la collaborazione nella stesura di questo post.
Quando si parla di inquinamento credo che tutti noi capiamo generalmente di cosa si parla.
Il termine inquinamento si adotta quando un intero ecosistema viene alterato da qualcosa di anomalo, mettendo in forte pericolo una o più specie.
Non sempre l'inquinamento può essere creato dalla mano dell'uomo, infatti, possiamo trovare sulla Terra anche delle forme di inquinamento dovute a eccezionali cause naturali, come ad esempio le polveri rilasciate da un eruzione vulcanica, o dalla proliferazione di gas naturali che fuoriescono dalla terra.
Notevolmente maggiore è l'impatto ambientale causato dall'inquinamento creato dall'uomo.
Sono sempre di più le vittime e i problemi di salute degli esseri umani nel mondo, colpevoli di abitare in zone con un alto tasso d'inquinamento, o lavorando a contatto con materiali tossici.
Cancri di ogni genere, disturbi del sistema immunitario, allergie, gravi forme di asma, sono questi i sintomi e le malattie che questi poveretti riscontrano sulla loro pelle.
Qualche mese fà pubblicai in piana emergenza massmediatica (quella reale è ancora lontana da essere risolta), un post dopo aver letto un intervista scioccante al Primario di Oncologia dell'Istituto Tumori della Fondazione Pascale di Napoli, il Dott. Giuseppe Camella.
Il dott. Camella raccontò della situazione emergenziale in cui stavano gli abitanti della Provincia di Napoli e Caserta per colpa della spazzatura, che si era aggiunta ai rifiuti tossici precedentemente scaricati in Campania dalle Regioni del Nord Italia. In ben 8 Comuni della Campania la situazione era gravissima. Aumentavano a dismisura i casi di morte causati da malattie terribili (cancro al polmone, al fegato e alle vie biliari). Erano in fortissimo aumento le nascite di bambini affetti da terribili malformazioni e cosa che mi sconvolse, fu la costatazione dell'aumento delle nascite aventi la mia patologia: "la Spina Bifida".
Dalla lettura di quell'intervista passò qualche mese. Un giorno incontrai la persona che mi ha portato alla decisione di trasferirmi su questo server di Blogger: Gianluca. Per fare amicizia parlammo della nostra vita e gli dissi che io ero disabile, precisamente affetto da Spina Bifida.
Gli chiesi se conoscevano la mia malattia e ne approfittai per parlargliene. Gli parlai anche dell'aumento incredibile delle nascite con Spina Bifida in Campania, e Gianluca, ragazzo sensibilissimo, si dimostrò interessato.
Entrambi siamo particolarmente sensibili alla problematica dell'ambiente, in particolare dello smaltimento dei rifiuti. Entrambi conosciamo da tempo le malattie che provocano l'incenerimento dei rifiuti, in particolare quelli fatti con materiali più tossici. Entrambi siamo contrari agli inceneritori o termovalorizzatori, siamo favorevoli alla raccolta differenziata e alla strategia "Rifiuti Zero" di Paul Connett, e soprattutto apprezziamo tantissimo il lavoro svolto, attraverso la ricerca, di due grandi Ricercatori Italiani: il Dott. Stefano Montanari e la Dott.ssa Antonietta Gatti.
Ed è lì che Gianluca ha un idea strepitosa: conosce personalmente i 2 illustri Dottori e mi chiede se voglio mandare una lettera e-mail alla Dott.ssa Gatti (nel '99 scoprirono i danni recati alle persone con l'assimilazione per via respiratoria e dall'assunzione di cibo "contaminato" da queste sostanze killer (nanoparticelle), dando il nome a queste patologie: le nanopatologie), con l'intento di sapere se si è mai interessata e ha mai indagato sulla mia malattia.
Passa qualche giorno (io non conoscendo personalmente la Dott.ssa sono un pò titubante e timido), mi faccio coraggio e scrivo:
Spett.le Dott.ssa Gatti Buongiorno.
Chi le scrive è un ragazzo di 35 anni, abitante in Sardegna in provincia di Oristano.
Il suo indirizzo mi è stato dato gentilmente da un mio carissimo amico. Ci conosciamo virtualmente da una decina di giorni, attraverso il suo blog, ma sono sicuro che il suo nome non le sarà sconosciuto. perchè dalle foto e dai racconti che mi ha fatto, vi conoscete da parecchio tempo: Gianluca Pistore.
... Non le nascondo il mio imbarazzo a scriverle, infatti malgrado la mia riconosciuta vivacità, da sempre comunque mi reputo un ragazzo timido.
Sono nato nel 1972 e sono affetto da allora da Spina Biffida Mielomelingocele, sono stato operato dopo appena 6 mesi di vita nel Policlinico di Roma dal Prof. Riccio.

Malgrado la mia malattia, devo dire che nel corso di questa vita, ho avuto modo di prendermi parecchie soddisfazioni che, non volendo annoiarla e prendere troppo del suo tempo preziosissimo, le espongo immediatamente il motivo della mia mail.
Oltre i saluti e i complimenti che sinceramente le porgo, mi creda, per la sua attività di ricerca, preziosissima, parlando della mia malattia con Gianluca, egli mi ha invitato a mandarle questa email. 
Il motivo della presente e sapere se Lei, nel corso della Sua brillantissima carriera, le è mai capitato di fare delle ricerche riguardanti la mia malattia e le nanoparticelle. 
Qualche tempo fa lessi delle notizie che davano i casi di Spina Bifida in Campania, negli ultimi 10 anni, a causa delle perenne e gravissima emergenza causata da decenni da comuli di immondizia e di vari materiali pericolosissimi, in netta salita. In quell'articolo in cui intervistavano un famoso medico operante a Napoli, non ricordo il nome e non ho conservato l'articolo, egli dava l'allarme e dava l'incremento di nascita con bambini Spina Bifida, superiore a oltre il 100%.
Una notizia che mi ha sconvolto e che ricordo ancora con dolore, come quando la lessi.
Secondo Lei è possibile che la situazione creatasi in questi 10 anni e più in Campania a causa dei rifiuti, possa realmente aver incrementato i casi di Spina Bifida in quella Regione?
Non vorrei toglierle altro tempo perciò termino questa mail. 
Le rinnovo i miei complimenti a Lei e a Suo Marito, di cui ho avuto modo di leggere e vedere molti interventi in internet in questi ultimi anni.
Siete davvero una coppia eccezionale
Grazie e Dististi Saluti
Raimondo Orrù
In meno di 24 ore, come Gianluca mi aveva assicurato ecco che, gentilissima, la Dott.ssa mi risponde, e Lei stessa mi da il permesso a divulgare quanto segue:
La ringrazio della sua lettera. 
Effettivamente stiamo studiando dei feti malformati anche con spina bifida. E trovo in questi corpi mai esposti all’inquinamento delle polveri, dei corpi estranei. Questo significa che li hanno acquisiti tramite il sangue della madre. E’ ovvio che qualche particella nella madre non abbia effetto tossico, purtroppo lo stesso numero di particelle trasferito su un essere molto piccolo ed in sviluppo può avere un effetto devastante, specialmente se la particella rimane in loco ed è chimicamente tossica. Da dove provengono queste particelle, ovviamente dall’ambiente ma non solo quello che si respira, anche quello che si mangia. L’insalata “sporca” dall’inquinamento ambientale trasferisce all’interno del corpo polveri tossiche. Queste particelle sono molto piccole e passano dappertutto. Ma chi genera particelle così piccole? Combustioni ad alta temperatura: Inceneritori, cementifici, fonderia, raffinerie sono produttrici. Ovviamente anche discariche che vengono incendiate ne possono produrre.
Vorrei chiarire che le madri sono portatori inconsapevoli di tutto ciò. Anche loro sono vittime di questa scellerata gestione dell’ambiente. Spero che ciò che le ho scritto possa esserle d’aiuto. Saluti Antonietta
Dott.ssa Antonietta Gatti
Laboratorio dei Biomateriali
Dipartimento di Neuroscienze
Università di Modena e Reggio Emilia
www.nanopathology.it - www.nanodiagnostics.it
Dunque i miei timori iniziali erano fondati e questa mia testimonianza, e naturalmente quella della Dottoressa Gatti, vuole essere un monito per tutte le persone che leggeranno questo post.
Molte malattie hanno terreno fertile nello svilupparsi grazie ai tanti veleni, che giorno per giorno assimiliamo respirando o mangiando certe schifezze, e spesso non sappiamo cosa mangiamo o respiriamo.
Sia chiaro non si può prendere un tumore dal giorno all'altro, ma queste sostanze lavorano indisturbate per parecchio tempo nel nostro organismo, e a lungo andare provocano dei danni irreparabili.
Noto infine che attraverso la mia modesta esperienza in internet molte notizie vengono purtroppo colpevolmente non diffuse, o peggio manomesse, a vantaggio di ricchissime e potenti lobby. 
Per Approfondire l'argomento:
Vedi anche: Paul Connett "Strategia Rifiuti Zero" (da EcoBlog)


Video Intervista della Dott.ssa Antonietta Gatti



18 commenti:

Lian Dyer ha detto...

Statistiche qua, statistiche là, statistiche su, statistiche giù... Ma quanto è complicato farsi un'idea sugli inceneritori???

Di buono c'è che la mia radio è 100% software libero. Di cattivo c'è tutto il resto. Sì, si dovrebbe sentire con Winamp ma domani provo. Maledetti software non liberi, se non era per la loro ottusità nel rifiutare i formati audio liberi, non dovevo perdere tempo a improvvisarmi hacker!

Lian Dyer ha detto...

E comunque la mappa degli inceneritori di Grillo per me non è il massimo del rigore... Ma io di Grillo non mi fido già da un po' di tempo. Ciao

"Anna" ha detto...

Ciao, ho letto il tuo post e posso dirti che sarà diffuso nel mio blog...

tanti cari saluti
Anna

Gianluca Pistore ha detto...

l'ho postato. complimenti, ciao.

silvio ha detto...

ciao, sono Silvio il papà di Gianluca, e mi fa piacere il bel rapporto di amicizia che si è instaurato tra di voi.
Ti invito a visitare anche il mio blog; ovviamente ti ho già linkato nella pagina scambio link. ciao!

www.silviopistore.blogspot.com

Sergio ha detto...

Il post è molto interessante e meriterebbe una pubblicità maggiore. (inserirò il link nella mia "lavagnetta").

Le malattie conseguenze di inquinamenti, ma anche di ambienti lavorativi difficili, sono argomenti trattati da molti, sia a livello scientifico che d'informazione, però, evidentemente, non basta.
Forti interessi e profitti sono preponderanti, purtroppo, sull'UOMO!
Sarebbe necessario, come è successo per i morti e gli ammalati di cancro a causa del PVC, a porto Marghera, l'intervento di qualche magistrato come l'ex PM Casson.

Anonimo ha detto...

Complimenti davvero, non mi viene altro da dire, al momento.... complimenti per aver vinto la tua timidezza nello scrivere alla Dottoressa, e quindi per il coraggio, senonchè per la tua forza..... ci scriviamo prest, ciao e buon inizio di settimana, Lory.

Lorena ha detto...

L'anonimo sarei io, non sò perchè non mi ha registrato col mio nome...mah!!!

Saretta ha detto...

beh.... ormai anche senza gli studi queste cose si sanno, ma non abbastanza a quanto pare!!!

mi sembra sempre tutto talmente immobile nel mondo caro Raimondo!!!

un bacio
p.s.
non era poi tanto lungo, scrivi molto bene.... lettura molto scorrevole!

Lian Dyer ha detto...

PS il nastro (della mia web radio, mi avevi chiesto) si taglia mercoledì in orario da stabilire. Ciao!

Sergio ha detto...

Caro Raimondo,
per quanto riguarda l'ex PM Casson, clicca qui

Come vedrai, ha scritto anche un libro su quasi 10 anni d'indagini e, alla fine, l'ha vinta!!!

Sergio ha detto...

vedi anche qui

Nevio ha detto...

Grande Rai, entro con immenso piacere nel tuon uovo spazio.
Proprio ieri sono tornato da Napoli e speravo di trovare una situazione migliore rispetto a qualche mese fa.....macchè..
Le cose vanno sempre peggio, e a volte mi sembra davvero che questo scempio sia sottovalutato da chi di dovere.
La dottoressa a cui hai scritto lavora all'università della ia città adottiva, e a lei vanno davvero i complimenti sinceri per la ricerca che porta avanti.
al prossimo giro, Nevio

Bahrabba ha detto...

ciao, grazie per i complimenti e ricambio
ho aggiunto il tuo link tra i blog amici, ciao :)

Antonio ha detto...

Carissimo fratello, ho letto il tuo post molto sentito. Ti capisco tanto quello che senti interiormente. Io sono molto fiducioso per questo ti scrivo e, lo penso veramente che tutto finirà. La Scienza insieme all'Intelletto arriveranno al traguardo della guarigione di queste malattia rare. Io ne sono affetta da una, ma in questi anni di cammino spirituale lo sto accettando.

Per quanto riguarda l'inquinamento, iniziamo noi nel rispettarci, e non bruciare la terra in cui viviamo e questo bellissimo Dono che è la Vita.
Io ti sarò vicino sempre con la preghiera e il Dono bellissimo dell'Amicizia.

Dio Ti Benedica e la Mamma Ti Protegga

Fraternamente

Antonio :)

Antonio ha detto...

Dimenticavo fratello. Faccio un copia ed incolla, inserendolo nel blog :)

Pace e Bene

Antonio :)

Raimondo ha detto...

Scusami Antonio ma la maggior parte della scienza è complice di tutto questo, mettendo a tacere proprio alcuni dati che sono proprio i protagonisti di questo scempio.
Anche io come saprai ho Fede e sono sicuro che per i responsabili di questo scempio ci sarà il giudizio che meritano, ma diamo a Dio ciò che è di Dio e a Cesare quello che è di Cesare, qui oramai non ci stanno dando neanche quello che dovrebbe essere ovvio. La Giustizia terrena. E' proprio un optional ...

tommi ha detto...

Non sono ancora riuscito a farmi un'idea personale riguardo questo problema, lo trovo difficile e non univoco. vedremo.
vada per lo scambio link: www.bloginternazionale.com