Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

19 ottobre 2008

Ancora sull'acqua...acqua...ACQUA!!!

  • siamo i primi consumatori al mondo di acqua minerale;
  • consumiamo a testa 190 litri di acqua minerale, dunque l'acquistiamo;
  • le nostre condotte idriche sono vecchie e fatiscenti e piene di falle;
  • in molte case è davvero imbevibile.
Ebbene, mentre nel paese imperversano assurde discussioni sul grembiulino a scuola, sul guinzaglio per il cane e sul flagello dei graffiti, il Governo nel silenzio assoluto di tutti gli altri, sono malizioso... e ti pareva..., ha dato il via alla privatizzazione dell'acqua pubblica. Il Parlamento ha votato l'articolo 23bis del decreto legge 112 del ministro Tremonti, che afferma che la gestione dei servizi idrici deve essere sottomessa alle regole dell'economia capitalistica, che vi ricordo in questo periodo sta andando alla malora.

In Italia, dunque è ufficiale, l'acqua non sarà più un bene pubblico, ma una merce: quindi sarà gestita da multinazionali internazionali (le stesse che già possiedono le acque minerali). Sappiate che la privatizzazione dell'acqua, cosa che sta accadendo da tempo a livello mondiale provocherà nei prossimi anni, milioni di morti per sete nei paesi più poveri e scatenerà nuove guerre, in quanto l'acqua dolce, bevibile, è definita da tempo "l'oro bianco, scarseggia, anche nel nostro paese.

Le guerre saranno dirette direttamente dalle multinazionali, statene certi, alle quali oggi il nostro governo e l'opinione pubblica, più preoccupata per i grembiulini e tutto il resto, sta vendendo il 65% del nostro corpo.

Ma acqua in bocca, non parlatene...


Aggiornamento delle ore 11.07

L'amico Peppe mi ha segnalato un articolo che parla della situazione idrica in Puglia, che sembra peggiorare di giorno in giorno.

il link http://www.coratolive.it/news/news.aspx?idnews=6611


Aggiornamento Lunedì 20.10.2008 ore 00.30


Pubblico un'articolo che ho appena trovato che rafforza quanto esposto fino ad ora dal sottoscritto in questo Blog.
fonte: http://altrenotizie.org/

“Utile, humile, pretiosa et casta”. Sono gli aggettivi che Francesco d’Assisi dedica all’acqua nel suo “cantico delle creature”. Tutto è cambiato da allora e l’acqua non ha fatto eccezione. Oggi è un grande affare, un business attraverso cui controllare la collettività. Una preziosa fonte di ricavo che in Italia alimenta un giro d’affari superiore ai 10 miliardi di euro. Sorella acqua è a tutti gli effetti un prodotto da s.p.a. Dall’igiene personale agli usi in cucina e dalla pulizia della casa all’irrigazione delle piante, passando per lavastoviglie e lavatrici, sembra che in media ogni italiano consumi dai 170 ai 200 litri d’acqua giornalieri [fonte: istituto ambiente Italia-Dexia – Ecosistema urbano Europa]. Il dato sarebbe già di per sé abbastanza critico, se non fosse che queste cifre, in realtà, non riflettono la totalità dei consumi. Tenuto conto, infatti, che circa l’87% dei nostri connazionali è solito bere acqua in bottiglia e che il consumo medio giornaliero di acque minerali si attesta sopra il mezzo litro pro capite, al computo del consumo medio annuo bisogna aggiungere i quasi 194 litri (fonte: ISTAT) che non sgorgano dal rubinetto di casa.

Nel corso degli ultimi mesi, anche per effetto della crisi economica in atto, ci si attendeva una flessione delle vendite delle minerali, magari a vantaggio di un “meno” oneroso consumo domestico. Ma per il consumatore italiano, l’acqua minerale, liscia o gassata che sia, non si tocca, ed il risparmio, se indispensabile, va ricercato – spesso a malincuore – in tutta una serie di sprechi, derivanti da riconosciute cattive abitudini. Nel frattempo, se da una parte le s.p.a. delle “bollicine”, possono rallegrarsi dell’ottimo stato di salute e continuare quella cavalcata trionfale che, dal 1985 ad oggi ha condotto ad una progressiva quanto inesorabile estensione dei consumi (più che triplicati), dall’altra, il ricorso spropositato alle minerali conferma la diffidenza dei cittadini; non solo verso le reti idriche locali, ma anche nei confronti delle istituzioni, evidentemente carenti nel controllare e garantire il sistema.

Ad allontanare l’italiano “assetato” dal rubinetto di casa, dunque, non è una questione di gusto. Il sapore dell’acqua ha un ruolo marginale e, come sostenuto anche da Legambiente, “a mettere in discussione il consumo domestico di potabile è la paura della potabile”. Nell’incertezza quindi, meglio una bottiglia sigillata. Magari povera di sodio, con poche o tante bolle, che aiuti la diuresi: un’acqua che sia salutare, come quella della pubblicità. Già, la pubblicità. Martellante, ossessiva, opprimente, seconda solo al ricchissimo settore della telefonia mobile, la pressione promozionale del settore, stando alle stime di Altreconomia, ha sviluppato nell’arco del solo 2006, una mole d’affari superiore ai 200 milioni di euro. Cifre da capogiro in un campo in cui i quattrini zampillano quasi quanto l’acqua.

Un giro immenso di denaro reso agevole da una politica scellerata in materia di concessioni per lo sfruttamento idrico. Grazie ai profitti che potrebbero derivare da una gestione più vigile dell’affare acqua, le regioni dormirebbero sonni più tranquilli. Eppure i canoni incassati per lo sfruttamento di questa grande risorsa sono a dir poco irrilevanti, almeno quanto i numeri degli occupati in un settore che predilige tecnologie avanzate al lavoro umano. Generalmente le concessioni prevedono canoni forfettari che consentono alle grandi multinazionali di poter attingere acqua alla fonte, quasi gratuitamente.

Ad oggi, infatti, sono solo 8 le Regioni in cui è previsto un pagamento proporzionale agli ettari in concessione e ai consumi. E’ il caso della Basilicata, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Umbria e Veneto. Anche se, nei fatti, si tratta di cifre oltraggiose, come i 5 centesimi ogni mille litri in Campania o i 30 centesimi della Basilicata. Nel Lazio si pagano invece 2 euro e la cifra varia se si utilizza il vetro per le bottiglie o se si attua il servizio di “vuoto a rendere”. Ad oggi il canone più “salato” per volume imbottigliato si paga in Veneto, con 3 euro ogni mille litri. Ma il vero scandalo è che nella maggior parte dei casi le imprese hanno la possibilità di fare auto-lettura sul consumato. Il contributo versato alle regioni, infatti, non è riferito all’emunto (la quantità concretamente prelevata), ma alla quantità effettivamente imbottigliata.

Se in un primo momento il volume d’affari, relativamente basso, poteva legittimare, in qualche modo, il generoso “regalo” della politica alle aziende del settore, il successivo ampliamento del mercato ed il deciso innalzamento dei consumi, spianavano la strada a numerosi dubbi sull’effettiva razionalità del regime delle concessioni. In fondo, la normativa nazionale – ed un pizzico di buonsenso – prevede che “l’acqua sia un bene di pubblico interesse”, che deve essere garantita a tutti. Per quale motivo allora, favorire la formazione di sacche di privilegiati, liberi di trarre profitti spropositati da risorse appartenenti all’intera collettività?

La spiegazione è goffamente ermetica. Sembra infatti che, proprio in virtù dell’interesse pubblico delle risorse idriche e della necessità che queste siano accessibili a tutti, i canoni di concessione non possano essere aumentati in modo indiscriminato. L’acqua è di tutti, è per questo quindi, che non si possono aumentare i canoni di concessione. Sarebbe un furto. E’ per essere sicuri di non sbagliare allora, per non fare un torto a nessuno, che gli enti regionali hanno opposto ai ricavi forsennati delle imprese il giogo pesante del laissez faire.

Tra i sostenitori della necessità di un accesso aperto e generalizzato all’acqua, non poteva mancare un convinto no-global come Giulio Tremonti. Il ministro dell’economia, infatti, evidentemente pago dell’andamento degli affari nel campo delle minerali, ha pensato bene di consegnare ai privati tutta la gestione dei servizi idrici (precedentemente affidati alle cure di società ad hoc comunque controllate da enti locali), sancendo di fatto, con l’art. 23 bis del decreto legge numero 112 del 5 agosto 2008, la privatizzazione dell’acqua e la sottomissione del prezioso “bene” alle regole dell’economia capitalistica. D’altra parte perché lasciare ai privati solo i ricavi dell’acqua in bottiglia quando possiamo dare loro anche quelli dell’acqua del rubinetto?

Come se non bastasse, in settimana, un’indagine dell’Osservatorio Prezzi e Tariffe di Cittadinanzattiva, che ha preso in esame, per tutti i capoluoghi di provincia italiani, il servizio idrico integrato (acquedotto, canone di fognatura, canone di depurazione e quota fissa o ex nolo contatori), denunciava gli aumenti indiscriminati delle bollette, che nel corso degli ultimi sei anni avrebbero registrato un tornito +32%, con un +4,6% raggiunto nel solo biennio 2006/2007. In soldoni, nel corso dell’anno una famiglia sostiene in media 229 euro di spesa per il servizio idrico integrato. In media.

Se analizziamo nel dettaglio l’andamento delle tariffe sul territorio nazionale, c’è da confrontarsi con un quadro più che allarmante. Le tariffe variano nettamente da regione a regione: Agrigento, per citarne una, è la città in cui l’acqua è più cara (445 euro annui), con tariffe 4 volte più costose di Milano che, con una spesa annua di 106 euro, risulta invece la città meno cara. Differenze elevate anche all’interno della stessa regione: sempre in Sicilia, tra Agrigento e Catania la differenza di spesa annua per il servizio idrico raggiunge i 269 euro. Per quel che riguarda gli sprechi, sembra che questi crescano assieme alla bolletta.

Ma in generale, dal rapporto, risulta che il 35% dell’acqua immessa nelle tubature sia persa. Il problema è particolarmente accentuato nelle regioni meridionali (49%) con evidenti e notevoli “criticità” come il caso dell’acquedotto pugliese, dove alla seconda spesa più elevata corrisponde una percentuale di perdita d’acqua ben superiore alla media. “Al Governo e al Parlamento chiediamo il blocco delle tariffe dell’acqua fino a tutto il 2009”, ha detto il responsabile nazionale delle politiche dei consumatori, Giustino Trincia, che ha consegnato l’indagine al ministro dello sviluppo economico Claudio Scajola. “E’ indispensabile, inoltre - ha aggiunto - l’istituzione di un’Autorità di regolazione del settore idrico con reali poteri d’intervento per mettere fine alla scandalosa jungla di tariffe, contratti e bollette”.

“Privato è bello!” è questa la filosofia di un governo che ha iniziato una sapiente opera di demolizione dello Stato. Si cerca di convincere gli elettori che la pubblica amministrazione sia una macchina costosa ed inefficace. Un peso nella corsa italiana al progresso. S’invocano privatizzazioni in un mercato che la politica, a qualsiasi livello, non ha saputo gestire, si consente ai privati di instaurare nuovi trust sulle ceneri di monopoli pubblici, il tutto nel tentativo di persuadere l’opinione pubblica che questo porterà a grossi risparmi, a nuovi posti di lavoro, ad una maggiore funzionalità del sistema.

La litania la conosciamo. Il problema è che i tempi sono cambiati e non c’è margine d’errore. Fino a pochi anni fa l’idea di restare “a pane e acqua” appariva un’ipotesi di estrema povertà; oggi, visti i tempi, anche questa possibilità sembra destinata a rivelarsi un lusso, riservato ad una sempre più sparuta cerchia di fortunati. Il pane ormai è un lusso: anche l’acqua diventerà roba da ricchi?

di Saverio Monno

Aggiornamento Lunedì 20.10.2008 ore 15.50

Stamattina accendendo il pc ho trovato un'amara sorpresa: l'adsl se n'era andata... ora pochi minuti fa è tornata... meno male.

Pubblico, grazie al consenso dell'amico Daniele il Rockpoeta dal sito L'Agorà, uno splendido poema composto proprio dal medesimo: che aggiungere altro? Splendido, complimenti Daniele, hai un modo di esprimere il tuo stato d'essere e pensare straordinario.

ARSURA PLANETARIA

Arsura planetaria
Liquidità oscena
Compra Fiumi e speranze.

Sottrae vita e luce.

Occhi scavati dentro
Tristezze scheletriche
Cercano tra polvere e terra
Gocce di vita.

Ma oramai
E per poco ancora
Potranno bere soltanto le loro lacrime.



DANIELE VERZETTI, IL ROCKPOETA


L'amico Peppe mi ha suggerito un'altro post che parla dell'acqua dal Blog Pensieri di un Peuceta, ecco il link: http://pensieridiunpeuceta.blogspot.com/2008/10/spreco-di-acqua-che-non-ce.html


Aggiornamento 7 Novembre 2008 Ore 11:53


Acqua: un italiano su tre paga bollette irregolari che non dovrebbe pagare. Lo dice la Corte Costituzionale (sentenza numero 335 del 10 ottobre scorso) precisando che il canone di depurazione delle acque si deve versare solo in presenza di questo servizio. Ovvio? Mica tanto. Un italiano su tre - nonostante una direttiva europea approvata nel 2000 che entrerà in vigore nel 2015, cioè ieri in termini di realizzazione di impianti di questa portata - ha scarichi non collegati a un depuratore e li paga. Li paga perché le aziende hanno deciso di usare la politica dei due tempi: prima la tariffa, poi il depuratore. Una scelta ritenuta incostituzionale.

Fonte: La Repubblica

Insomma ci pisciano addosso e ci dicono che piove..(Marco Travaglio)

19 commenti:

Peppe ha detto...

Caro Raiomondo anche noi in Puglia da domani avremo un problema serio leggi qui:http://www.coratolive.it/news/news.aspx?idnews=6611

Niente Barriere ha detto...

Aggiornerò il post è inserirò il link che mi hai suggerito, grazie peppe per la tua segnalazione.

Ale ha detto...

bel post..bisogna iniziare a discuterne sin da subito, per evitare gravi conseguenze più tardi..

Blogger ha detto...

Avevo letto la notizia ma certo non è avvincente come argomento.
Quando inizieremo a pagarla 1 euro invece che 10 c. allora inizieremo a dire: "non è possibile..." fino a che qualcuno, da paladino, vorrà renderla nuovamente pubblica.
La storia la sappiamo, magari la gente non vuole sentirla con il solo cambio del protagonista (SPIAGGE, SCUOLA, ACQUA ...).
Lo dico in modo pessimista e direi disilluso, hai fatto bene ovviamente a ricordarlo.
Grazie.

Dario
ITALY ITALIA

Altri libri ha detto...

hai ragione, non c'è molta voce su questo argomento e prima o poi si dovrà alimentarlo.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

IL rischio che vogliano privatizzare anche l'acqua mi terrorizza. L'acqua è di tutti!

Io ricordo che ci fu una manifestazione per questo tema tempo fa e feci un post con anche una mia poesia sul tema. Spesso la leggo anche dal vivo e cerco di sensibilizzare sulla questione.

Il problema, Raimondo, è che fino a quando molti non toccano con mano l'emergenza (ed a quel punto spesso è troppo tardi per far qualcosa) non se ne curano.

E' su questa mentalità pigra che giocano quelli che hanno in mano le leve del potere....

Niente Barriere ha detto...

Da noi c'è una società che gestisce tutto ABBANOA e poco tempo fa i sardi hanno votato l'abolizione tramite referendum del gestore unico dell'acqua ABBANOA, sentendo puzza di bruciato. Devo dire è stata una grande cosa.
Lo stato sta avviando da tempo la privatizzazione di tutto: hai fatto bene Dario a ricordare anche la scuola: è questo l'obbiettivo dei nostri politici, con questo lo stato risparmierà certo, ma poche persone si arricchiranno ulteriormente in maniera scandalosa.
Santo cielo come ci fregano le risorse di tutti e noi allocchi non c'è ne accorgiamo, solo quando ci tocca pagare conti salati solo allora protestiamo.
E' proprio un strano paese il nostro...

Crocieristi ha detto...

da noi (prov. disalerno) si chiama Gori

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

PER RAIMONDO: il post era questo e la poesia la trovi subito in apertura.

http://agoradelrockpoeta.blogspot.com/2007/12/langolo-del-rockpoeta-lacqua-e-di-tutti.html

Peppe ha detto...

Questo è il blog di un mio carao amico:
http://pensieridiunpeuceta.blogspot.com/2008/10/spreco-di-acqua-che-non-ce.html

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Ti ringrazio,l'onore è mio di essere qui su questo tuo blog con una mia poesia.

Grazie Raimondo
Daniele

Niente Barriere ha detto...

Grazie Peppe, lo segnalerò nel post.
Sono contento stiamo facendo una rete dell'acqua in Italia e nel mondo davvero interessante e chi girerà in internet, cercando notizie sull'acqua, troverà qui tante notizie.
Ringrazio tutti e vi invito tutti a fare altre segnalazioni e naturalmente continuare a commentare il post.

Niente Barriere ha detto...

Daniele sei troppo buono

Gennaro ha detto...

Ho letto il tuo post molto interessante, comunque e' un caso che ne abbiamo parlato entrambi ,forse e' un problema attuale!!
Aggiungerao' il tuo blog nei miei preferiti , se vuoi puoi farlo anche tu con il mio.
Ciao da gennaro!

Andrew ha detto...

bellissimo post raimondo

stella ha detto...

E' pauroso quanto ho letto.

Senz'acqua si muore...

Ma dove andiamo a finire?Bisogna parlarne incessantemente!

Buona serata,raimondo!

Peppe ha detto...

Ciao Raimondo, qui la situazione relativa alle riserve di acqua si sta aggravando, leggi:
http://www.coratolive.it/news/news.aspx?idnews=6648

Niente Barriere ha detto...

Grazie Peppe, ho letto quello che mi hai proposto e devo dire che la situazione pugliese sta peggiorando di giorno in giorno.
Bisognerebbe che qualche volenteroso indaghi a fondo su come viene gestita seriamente la questione acqua in puglia.
Ad esempio se ci sono cose strane, come un ente privato, che per conto con la regione, fa affari con la vostra acqua... controllare attentamente le condotte idriche per verificare danni,sprechi o privilegi "strani".
una volta fatto questo usare tutti gli strumenti (internet è un mezzo straordinario che i lor signori sottovalutano) necessari per far più casino possibile affinchè si adottino forme giuste e di buon senso.
La sardegna per anni e anni era a secco.. col tempo si sono costruite tante dighe e devo dire che la situazione è migliorata e di molto.
ora comunque l'acqua dei bacini fa parecchia gola ai privati (multinazionali) che spingono come matti sulla politica per poter prendere il bene più prezioso che abbiamo in natura: l'acqua

UNISTAT ha detto...

IL NOSTRO MOVIMENTO

Finalmente ci siamo!

E’ nata l’Unione Nazionale Italiana degli Impiegati Statali: "U.N.I.STAT."

Un movimento libero, autonomo ed indipendente: lavoratori e pensionati dello Stato uniti per dare vita alle aspettative del "popolo delle buste paga".

Un popolo fatto di gente che “campa” di stipendio e che non ha la possibilità di adeguare autonomamente le proprie entrate al costo della vita.

Un popolo che non si sente adeguatamente rappresentato in parlamento da “questa” classe politica, nè sufficientemente tutelato sul posto di lavoro da “questi” sindacati che dovrebbero difendere il potere d’acquisto di salari e pensioni.

Un popolo che ha più volte palesato su queste pagine la necessità di un soggetto politico “nuovo”.

Ebbene, adesso, il movimento c'è, è nato!

L’UNISTAT si batte per il miglioramento della qualità della vita dei lavoratori dipendenti e dei pensionati.

Obiettivi primari ed inalienabili dell’UNISTAT sono la democrazia, l'uguaglianza, la libertà e la giustizia sociale.

L’UNISTAT avversa il tentativo di abbattere gli istituti di democrazia istituzionale vigenti che, anzi, vanno quotidianamente e senza soluzione di continuità, arricchiti di democrazia sostanziale e quindi di contenuto socialmente valido.

Accetta e difende i principi e le finalità della Costituzione Italiana e, pertanto, si proclama pluralista dal punto di vista ideologico, politico e religioso, nel convincimento che la persona umana non ha frontiere, nè barriere fisiche, nè psichiche e che l'individuo deve continuamente anelare alla pace, alla democrazia, alla giustizia ed alla libertà nel completo rispetto delle leggi, ma combattendo con fermezza tutto ciò che ad esse costituisca attentato.

Ai nostri amici, ai nostri lettori, a tutti i nostri sostenitori - iscritti e simpatizzanti - non verrà mai chiesto alcun contributo economico d’iscrizione, ma soltanto di “PARTECIPARE”!

La Segreteria Nazionale