Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

10 ottobre 2008

Giornalettismo.com smonta RaiNews24

Ieri vi avevo parlato dell'inchiesta svolta dal giornalista Maurizio Torrealta per RaiNews24 passata quasi inosservata in Italia e che al contrario ha invece fatto molto scalpore nella maggior parte del panorama giornalistico mondiale.
Ebbene è passato neanche un giorno dalla sua pubblicazione, che la rete si subito mobilitata per mettere i puntini su questa inchiesta.

In Italia il famoso sito d'informazione libera www.giornalettismo.com a sferrare un duro attacco al lavoro svolto dal giornalista di RaiNews24 Torrealta, smontando punto per punto lo scoup della televisione All News della Rai.

Vi riporto fedelmente il post.


di John B (John)

Una recentissima inchiesta di Rai News 24 svela che nel 1991 gli americani usarono un’arma nucleare in Iraq.

In questi giorni RAI News 24 ha presentato un’inchiesta giornalistica che riporta dichiarazioni di un reduce americano della Guerra del Golfo del 1991, secondo le quali nell’ultimo giorno di quel conflitto gli americani utilizzarono un piccolo ordigno nucleare da penetrazione, della potenza di cinque chilotoni, nella zona compresa tra la città di Basra (Bassora) ed il confine iraniano.

QUANTO C’È DI VERO? - I giornalisti di RAI News affermano di aver verificato la notizia consultando gli archivi dell’International Seismological Centre e hanno scoperto che quel giorno, proprio in quella zona, fu registrato un evento sismicodi potenza corrispondente a cinque chilotoni”. In più, l’inchiesta riporta dichiarazioni del responsabile del reparto oncologico dell’ospedale di Basra secondo cui i decessi annuali per tumore sono passati dai trentadue del 1989 agli oltre seicento del 2002. Questo genere di inchieste giornalistiche (che purtroppo non sono una novità per RAI News 24) è deprimente, perché partono da una notizia del tutto inverosimile (nascondere un’esplosione nucleare in Medio Oriente è un po’ come nascondere un ippopotamo nella Fontana di Trevi) ma riescono in qualche modo a costruirci sopra uno “scoop”. Forse è l’eccesso di ottimismo el dopo - scoop fosforo bianco, utilizzato in guerra dagli usa. A tal proposito, qualcuno azzarda che questa sia una bufala nata proprio per “vendicarsi” di quell’inchiesta.

PARLIAMO DI ARMI NUCLEARI - Un’arma nucleare da 5 KT (chilotoni) equivale a 5.000 tonnellate di alto esplosivo che detonano contemporaneamente. Nel 1991, gli americani disponevano soltanto di due tipi di testate di potenza così piccola: la bomba B61 (sganciabile da aerei) e la W80/W84 montata sui missili “Cruise” strategici. Nessuna delle due era a “penetrazione”: soltanto nel 1995 fu autorizzato lo sviluppo di una variante a penetrazione della bomba B61 (la B61-11). I primi test avvennero nel 1996 e l’arma entrò in servizio nel 1997. Questi dati già smentiscono inesorabilmente la storiella di RAI News. Qualcuno potrebbe dire che gli americani hanno sviluppato segretamente un ordigno nucleare di quel tipo, senza dirlo a nessuno, prima del 1991. Non si vede perché, visto che per decine e decine di altri tipi di ordigni, versioni e sottoversioni, non è stato tenuto segreto nulla, e lo stesso sviluppo della B61-11 è stato ampiamente pubblicizzato.

L’IMPORTANTE È AVERLA, NON USARLA - Del resto, lo scopo principale di un’arma nucleare è quello di non dover mai essere utilizzata: è il principio della deterrenza, in base al quale è bene che il nemico sappia che ce l’hai e quante ne hai. Dovremmo quindi immaginare un complotto (quello di un’esplosione nascosta) cui se ne aggiunge un altro (quello di un’arma segreta il cui sviluppo è stato tenuto nascosto e poi posticipato negli anni, in barba ai controlli e alle ispezioni che USA e Russia si scambiano per vigilare sul rispetto dei trattati di controllo delle armi nucleari). Poi c’è la storia della potenza dell’esplosione. Per quanto “piccola” possa essere una bomba da 5 KT, la sua azione distruttiva è immensa. Uno studio recente (“Nuclear Terrorism and Nuclear Accidents in South Asia” di Kuchibhotla e McKinzie) illustra proprio gli effetti dell’esplosione di un ordigno nucleare da 5 KT. La sovrapressione distruggerebbe qualsiasi cosa nel raggio di un chilometro e mezzo circa, la nuvola del fall-out ricadrebbe su un’area di seicento chilometri quadrati. Senza contare gli effetti termici e quelli dell’impulso elettromagnetico.

UN PO’ DIFFICILE NASCONDERE TUTTO QUESTO - In un altro studio (“The Effects of Nuclear Weapons” di Glasstone e Dolan), viene mostrata la montagna di rocce creata dall’esplosione sotterranea di un ordigno di appena 0,087 KT. Figurarsi l’esplosione di un ordigno da 5 KT (cinquanta volte più potente). Del resto la bomba di Hiroshima aveva una potenza nominale di circa una quindicina di chilotoni, ed esistono studi secondo cui la potenza effettiva sviluppata dall’ordigno fu di molto inferiore: appena 3 KT (“Yeld of the Hiroshima Bomb Derived from Pessure Record”, di H.L. Brode).

QUALE TERREMOTO? - Chiarito che la storia dell’ordigno nucleare non sta in piedi in alcun modo, la curiosità ci spinge a verificare il presunto riscontro di un evento sismico registrato proprio in quella data e proprio in quell’area. Innanzitutto bisogna capire di che data si parla. La Prima guerra del Golfo è terminata il 28 febbraio del 1991, e il 10 marzo le truppe della coalizione erano già in fase di ritiro dal teatro. Per buona misura, abbiamo controllato i rilievi di eventi sismici registrati in un’area di ben 200 km di raggio da Basra (Bassora), dove esiste una stazione di rilevamento, per tutto l’anno 1991: qui l’evento. L’inchiesta dice che si è verificato tra “0 e 33 km di profondità” ma non si sono accorti (o non hanno voluto vedere) che il dato è contrassegnato con una F, che significa Fixed. Ossia la profondità è stata determinata e fissata con precisione, non è un range.

GUGOL CONFERMA - Se poi scarichiamo il file che contiene le coordinate di tutti gli eventi sismici registrati nel mondo nel 1991 e lo lanciamo su Google Earth, possiamo notare che non c’è stato un solo evento in tutta l’area compresa tra Bassora e l’Iran, nemmeno il più piccolo. I numerosi eventi registrati sono tutti avvenuti in Iran, in una zona fortemente sismica (figura 2). Non si capisce davvero come abbiano fatto quelli di RAI News a trovare un riscontro che non c’è, considerato che il database da noi utilizzato è il medesimo. Non si capisce nemmeno come si faccia a dire che la “potenza” di un evento sismico è comparabile a quella di un’esplosione nucleare da 5 KT, dato che gli effetti sismici di un’esplosione nucleare possono essere estremamente variabili secondo la profondità (se sotterranea) o la quota (se aerea) cui avviene l’esplosione, e secondo la conformazione geologica del sottosuolo. Anche la storia dell’evento sismico si rivela quindi una bufala.

L’INCREMENTO DEI TUMORI - Prendiamo atto dell’aumento dei casi di tumore a Bassora, e ci risparmiamo la verifica del dato. Ci sconcerta però l’affermazione secondo cui nel 1989 sono decedute solo trentadue persone di tumore in quell’area, con una popolazione di 2.600.000 persone, di cui oltre 1.800.000 nella città, pari a un decesso annuale ogni 56.250 abitanti. In Italia la media annuale è di un decesso ogni 450 abitanti , e non ci risulta che siano esplose bombe atomiche da queste parti. Sarà mica che le diagnosi tumorali, a Bassora, lasciavano un po’ a desiderare? In un articolo pubblicato nel 2003 sul Boston Globe, si riportano altre dichiarazioni rese dai medici iracheni, compreso lo stesso Jawad al-Ali citato da RAI News.

FORTI DUBBI - Da esse apprendiamo che nel 1988 a Basra erano registrati undici casi di cancro ogni 100.000 abitanti. È una cifra molto diversa rispetto agli 1,7 ogni 100.000 menzionati adesso, il che lascia piuttosto dubbiosi sulla validità delle cifre fornite. È verosimile che dopo la guerra siano stati applicati controlli diagnostici più incisivi, anche per studiare gli effetti delle sostanze tossiche rilasciate nelle aree di combattimento (metalli pesanti, uranio impoverito, composti chimici utilizzati nelle cariche esplosive, ecc.): queste sono certamente sostanze idonee a determinare un aumento dei casi di tumore, leucemie e malformazioni. Ma tutto ciò non ha nulla a che vedere con una fantomatica esplosione nucleare ed è sconcertante verificare che qualcuno senta la necessità di inventarsi ridicoli “scoop” per denunciare il quotidiano dramma della guerra. Questi sensazionalismi possono favorire la carriera di un giornalista, forse, ma sicuramente non saranno di alcun aiuto alla gente che soffre e muore nel corso di tante guerre, specialmente se lo “scoop” si rivela una bufala, come in questo caso.

2 commenti:

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Sono molto colpito da questa notizia. Spesso i giornalisti di RAINEWS 24 sono soliti fare reportage molto forti e duri ma veri. Ricordo quello che documentò l'utilizzo di MK77 e fosforo bianco da parte degli americani al momento della presa di Falluja.

Sono davvero sconcertato.

Niente Barriere ha detto...

Sono d'accordo con te a lodare il lavoro svolto in passato dai giornalisti di RaiNews24.
Anche io ricordo i reportage che tu hai ricordato, ma se analizziamo l'analisi di giornalettismo.com, vediamo che stavolta si è voluto giocare con i contenuti ...esagerati.
Restano comunque sul campo i morti passati presenti e futuri dei scellerati bombardamenti americani.
Ricordo con dolore anche i morti dei militari italiani causati dall'esposizione di uranio impoverito. Faccenda imboscata ancora in tutti i modi dai media.

Sono anche io sconcertato come te.