Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

04 ottobre 2008

I giornalisti gran bugiardi

Due giorni fa navigando in internet mi sono imbattuto in una notizia che curiosamente(?!?) non è stata ripresa da nessun testata dei media tradizionali (giornali e tg) e che, secondo me, meritava maggiore attenzione.
Secondo quanto si legge nel sito affaritaliani.it, i nostri giornalisti sono stati letteralmente sbertucciati (risultano poco informati, non indipendenti e sempre pronti ad accontentare chi gli paga) dalla maggior parte degli italiani!
L'indagine è stata condotta dalla società specializzata in ricerche demoscopiche AstraRicerche per conto dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, e presentata recentemente in un convegno sul futuro della professione a Milano.

Dall'indagine effettuata in sintesi si evince che:
  • il 68% degli intervistati definisce i giornalisti dei bugiardi;
  • il 60% del campione ritiene i nostri giornalisti «non o poco informati» (figuriamoci oggi che abbiamo internet!!!);
  • per il 52% i giornalisti mancano di indipendenza;
  • per il 48% i giornalisti sono solo «di parte»;
  • per il 40% addirittura «corrotti».
  • il 45% degli italiani giudica positiva la preparazione degli operatori dell'informazione (ottima per il 15%, buona per il 20%, sufficiente secondo il 10%);
  • contro un 55% non soddisfatto, con un giudizio pessimo (32% delle risposte) o cattivo (23%).
  • il 73% degli intervistati sente ancora l'utilità della professione se ben fatta: il 38% definisce «altissimo» il ruolo sociale del giornalismo, il 16% lo ritiene «alto», il 19% «medio»;
  • il 15% definisce «scarsa» l'utilità sociale dell'informazione, il 12% ritiene del tutto «nulla».

AstraRicerche inoltre ha individuato grazie alla sua ricerca ben 12 comandamenti che ogni buon giornalista dovrebbe sempre seguire per soddisfare le direttive del pubblico:

  1. competenza tematica
  2. la professionalità
  3. la chiarezza
  4. la capacità di coinvolgere emozionalmente
  5. l'efficacia comunicativa
  6. l'etica
  7. la pacatezza non aggressiva o ansiogena
  8. il rispetto degli altri
  9. l'aiuto a capire
  10. l'utilità informativa
  11. aiutare chi legge e chi ascolta a capir meglio sul tema trattato
  12. se preparato può anche risultare poco simpatico
Il testo integrale in PDF dello studio effettuato (fonte Affaritaliani.it)

Come potete vedere dai numeri riportati in alto, questa è la dimostrazione che sempre meno persone si fidano di quello che vedono, leggono e sentono.
Un segnale molto importante in quanto dando retta ai lor signori (che controllano i media) in Italia e nel Mondo va tutto bene o quasi ...comunque la situazione non è cosi tragica come si può intravvedere... insomma per dirla alla Travaglio: "Ci dicono che piove mentre ci stanno solamente pisciando addosso...".

W Internet e l'Informazione Libera!!!

8 commenti:

Peppe ha detto...

Pur di scrivere qualcosa osano andare fuori dal seminato e screditare,talvolta,anche gente innocente.

petrelli ha detto...

Viva interner veramente...

Andrew ha detto...

ottimo post raimondo!
io ho pubblicato una cosa che si avvicina molto, vieni a leggere
buona domenica

silvio di giorgio ha detto...

l'informazione nei canali tradizionali ormai è solo propaganda di regime,sia esso di destra che di sinistra; fortunatamente c'è internet...
un saluto :-)

Sergio ha detto...

Non condivido in parte i risultati di questo sondaggio, anche perché i sondaggi sono, molto spesso, ... guidati.
Tuttavia alcune cose le condivido come quella che i giornalisti non sono indipendenti. E' vero, però il regime impone che tu sia "servo", altrimenti non mangi.
Ma. forse, la causa prima non è dei giornalisti, ma della mancanzo di libertà che sta avanzando.
infine, anche in internet non è tutto oro quel che luccica.

Romina ha detto...

Sono contenta del fatto che tanti italiani siano consapevoli della verità a proposito dei giornalisti. E' buon segno, secondo me.

Off topic: ti avverto che ho cambiato nome e indirizzo del mio vecchio blog "Intersezioni", http://intersezioni.awardspace.com

Il nuovo blog si chiama "La Stanza" e l'indirizzo è http://lastanza.wordpress.com
Ti ho già linkato.

Saluti e buona domenica! :)

Altri libri ha detto...

è diventato un opzional oggi giorno sentire una notizia vera, e non taroccata, modificata

Niente Barriere ha detto...

Volevo dire che questo non è un sondaggio ma è il risultato di uno studio "serio" che è servito per una conferenza di giornalisti.
Secondo me ha rappresentato la realtà e il fatto che nessuno ha tirato fuori la notizia dimostra quanto sia controllata l'informazione oggi che è molto attenta a non far passare più discorsi sulla antipolitica. Dire che i giornalisti siano bugiardi e che siano totalmente servili al potere è antipolitica o no? Secondo me si.
Rispondendo a Sergio dico che ha pienamente ragione internet è un enorme calderone dove c'è tutto e il contrario di tutto. Per fortuna anche qua abbiamo la possibilità di verificare se il sito in questione sia serio o no cosa che per la televisione non è possibile (ad esempio la dichiarazione di un politico non la possiamo verificare in tempo reale, cosa che in internet invece è possibile).
Infine sottolineo che la gente utilizza quasi solamente la televisione per informarsi mentre i giornali sono alla stragrande sopravalutati in quanto se andiamo a vedere le vendite non li legge davvero quasi nessuno. Tanto è vero che molti giornali importanti come il New York Times a breve uscirà solamente con la versione online. Questo dimostra che internet con la sua informazione ha secondo me quasi raggiunto (in Italia) l'informazione cartacea.
Poi naturalmente consiglio a tutti che leggono Niente Barriere di spegnere o cambiare canale quando vedono un TG... :D