23 febbraio 2012

Se un cane vale più di un bimbo

Provate a entrare in un bar con un passeggino oppure una carrozzella. Provate poi con un cane. E osservate

di Maria Volpe -
E’ un po’ che lo penso, ma avevo paura a dirlo. Sì perchè nel mondo di oggi suona quasi come una profanazione. Poi, qualche giorno fa, sul Corriere della Sera, in prima pagina, ho visto un titolo “Pensiamo più ai cani che ai bambini”, un’intervista di Gian Antonio Stella a Laura Girotto, una suora che da 18 anni lavora in Etiopia. E  ho avuto un sussulto. Ma allora non sono matta io!  Vi prego, leggetelo. La verità è che una persona come Laura, che da anni ha a che fare con l’essenzialità della vita, quando torna in Italia e si guarda attorno, vede cose che la scandalizzano. E viva Dio che c’è chi ancora si scandalizza, grida la sua indignazione e ci costringe a riflettere.  Io vivo a Milano e da qualche tempo ormai ho la netta sensazione che in questa città, (forse anche altrove, me lo direte voi) ci sia più attenzione, rispetto e amore per gli animali che per bambini e anziani. Provate a entrare in un bar con un passeggino gemellare – come è capitato a me – e notate la reazione delle persone: fastidio, sopportazione, maleducazione. Provate poi a entrare con una carrozzella ingombrante con una persona anziana, e disabile. Osservate bene le reazioni: fastidio, sopportazione, maleducazione. Infine un’ultima prova: entrate con un cane, piccolo o grande che sia: sentirete gridolini di felicità incontrollata. Provate ad andare al mercato (con lo stesso passeggino e la stessa carrozzella di cui sopra) e osservate che succede. Qualche mese fa, in via san marco, mentre facevo la spesa, sfinita, tra sacchetti pesanti e biberon, un uomo mi ha urlato: “Eh certo che se veniamo al mercato anche con il passeggino…”. (per la cronaca, la mia risposta è stata molto volgare, qui non riportabile). L’elenco potrebbe continuare ad libitum…. Viceversa i negozi, ristoranti, mercati sono pieni di cani e gatti. Evidentemente non esiste più quella vecchia norma di educazione - per anni condivisa dalla società civile – per cui gli animali non si impongono ad altre persone, specie in ambienti pubblici perchè c’è chi potrebbe non gradire, chi potrebbe aver paura, essere allergico e quant’altro. Ma provate voi a ribellarvi se entrate in un ristorante e al tavolo di fianco al vostro, c’è un cane: rischiate il linciaggio. Bene, se a tutto questo si aggiungono le considerazioni di suor Laura riguardo l’aspetto consumistico legato agli animali, il cerchio si chiude. Perchè davvero non è solo un fatto di educazione, e quindi formale, (questo forse riuscirei a superarlo) è soprattutto una questione di sostanza, di approccio alle cose, di valori (se va bene capovolti, se va male spariti). Come dice Laura: “E’ questa sproporzione che mi indigna”. Penso che gli animali si debbano amare , non rendere pupazzi simil-umani. So di essere impopolare e antica, ma questo è il mio pensiero. E chiariamo: il mio non è affato disamore per gli animali. E’ desiderio di priorità. Lo stesso amore, rispetto, attenzione, solidarietà, cura, generosità, tolleranza, disponibilità che la società oggi ha per gli animali, li vorrei per bimbi e anziani. Anzi no, ne vorrei di più per bimbi e anziani.  (P.S. per favore l’unico commento che vi chiedo di non fare è:  “gli animali sono spesso meglio di certi uomini”…. vi prego, questo no)

La versione integrale e originale di questo articolo è presente sul sito
http://27esimaora.corriere.it/

3 commenti:

Stefano ha detto...

Che articolo del piffero! Come si fa a fare questo genere di considerazioni prendendo esempio Milano, o comunque un'altra città popolosa? A parte l'errore di fare di tutta l'erba un fascio, credo che possiamo affermare con pochi dubbi che la forza delle relazioni è inversamente proporzionale al numero degli abitanti di una città/paese. La gente intollerante o maleducata è tale sia con animali che con bambini e anziani.

Marco ha detto...

Era ora che qualcuno lo dicesse! Bambini non se ne fanno piu', ma guai a dire che non si vogliono animali in casa...

barbaranotav ha detto...

questo strisciante antispecismo è disgustoso, magari è colpa degli animali se i bambini in africa muoiono, ho senttito anche questa, colpevolizzare gente perché compra le scatolette ai mici accusandoli di aumentare la fame nel mondo perché non regala i soldi delle scatolette ai fari Action aid e così via.
Se intanto ci si tiene ai bambini perché la potente FAO ed Onu con burocrati da 40 MILA euro al mese non fanno qualcosa? Costoro BOFONCHIANO della speculazione in borsa delle derrate alimentari che fanno rincarare i prezzi MA SE NON CE L'HANNO LORO IL POTERE DI CAMBIARE CHI CE LO DEVE AVERE????

Inoltre, se non si fanno più figli qualcuno si chiede come mai??
No, più facile prendersela con gli animalisti che tentano di difendere creature che non meno dell'uomo hanno diritto a vivere su questo pianeta.

Ora anche il posto fisso viene negato, se sei incita e senza reddito cosa avviene nel civile Occidente?

E' scomodo rispondere vero?

Proponi questo Post su OKNOTIZIE (CLICCA L'IMMAGINE QUA' SOTTO)

OkNotizie

Giornale Radio Sociale

Le speaker volontarie della solidarietà: Dora Millaci e Giusy Luvarà


Questo Blog sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee, quindi è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento i contenuti presenti in questo sito con l'unica condizione di citarne la fonte. Se qualche articolo violasse i diritti di qualcuno (copyright) segnalalo (manda una email a nientebarriere@gmail.com) e si provvederà quanto prima alla rimozione. Niente Barriere non è una testata giornalistica visto che lo stesso viene aggiornato soltanto quando l'autore ne ha la possibilità. Non può dunque considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/01. Ti ricordiamo infine che questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia.

Licenza Creative Commons