Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

14 giugno 2013

Pubblicità sessista: guardatela con occhi diversi

Si sente parlare sempre più spesso della cosidetta pubblicità sessista. Nella maggior parte dei casi si riportano immagini in cui viene volgarmente e spudoratamente mandato un messaggio: quello delsesso, spesso lì dove non c'entra per niente, come ad esempio nella pubblicità di un gelato, di una bevanta alcolica, di una sauna o di un telefonino.
Vorrei dimostrare che la maggior parte dei blogger e delle organizzazioni che parlano di pubblicità sessista in rete e nella realtà non hanno manco l'idea di cosa sia il sessismo.


Passiamo dunque alle formalità e domandiamoci prima di giudicare, "che cos'è il sessismo?". Eccovi la definizione di sessismo tratta da wikipedia:
Il sessismo è comunemente considerato una forma di discriminazione tra gli esseri umani basata sul genere sessuale. Un atteggiamento sessista si può manifestare in alcune convinzioni, ad esempio:
-la presunta superiorità o il presunto maggior valore di un genere rispetto all'altro.
-la presunta superiorità o il presunto maggior valore di un sesso rispetto all'altro.
-l'odio per le donne (misoginia).
-l'odio per gli uomini (misandria).
-l'attitudine ad inquadrare uomini e donne in base agli stereotipi di genere e ai relativi pregiudizi.
-assegnare arbitrariamente qualità (positive o negative) in base al sesso.
Mi soffermerei di più sull'odio perchè il sessismo di per sè è caratterizzato soprattutto dall'odio verso un genere. Può altrettanto essere condiserato una forma di razzismo. Risulta però che nella pubblicità che molti chiamano sessista troviamo semplicemente una pubblicità erotica che è diversa dall'espressione del rancore verso un sesso di appartenenza. Possiamo vedere corpi maschili e femminili seminudi ad esempio. Si mira quindi a suggerire le tematiche del sesso.
Chi afferma che fare sesso sia sessista? Perchè dunque il sesso deve risultare tale? Un nonsenso.
E' proprio qui che molti iniziano ad inventersi delle cose come il fatto che una pubblicità mostrata nell'immagine che vedrete sotto possa ledere la dignità femminile in un qualche modo.
Oppure questa secondo voi, potrebbe mai dare l'idea di schiavizzare una donna rendendola sottomessa e capace di una sola cosa, il sesso?

Cosa alquanto stupida direi e fuorviante in una pubblicità in cui si reclama la cucina o una bevanda. A parte che nella pubblicità vengono mostrate non solo donne ma anche uomini, non capisco perchè azzardarsi a parlare solo del corpo femminile e della sua figura nella società. A me risulta che anche gli uomini abbiano problemi nell'affermarsi, nel mostrare la propria virilità ed essenza. Ma nonostante questo non tenderei mai a sfruttare termini come "sessismo" inquadrandoli là dove non c'entrano.
Il sessismo è ben altro e lontano dalla semplice pubblicità erotica. Non ci cascate, riflettete su quel che dicono gli altri, non prendete le cose dette per buone e quelle che non si conoscono per cattive.
Eccovi di seguito delle vere immagini sessiste per farvi capire cos'è davvero il sessismo:











Ed ecco quelle della semplice pubblicità erotica:








Spero che abbiate compreso le differenze sostanziali tra il mandare deimessaggi fuorvianti riguartanti il sesso ed il sessismo. Scrivetemi nei commenti i vostri dubbi, ma anche di critiche mi aspetterei volentieri. Saluti e grazie per aver letto questo post. Spero che possa servire a qualcosa.

6 commenti:

Jan Quarius ha detto...

Raimondo, sul mio blog avevi chiesto se puoi condividerla, certo che sì... e ti ringrazio.

Per quel che riguarda il resto, beh, credo che sicuramente siano i media ad influenzare le persone che poi vanno e si fanno fotografare, ma anche i soldi direi. Che persona stupida andrebbe a farsi scattare una foto a basso costo... sicuramente poche... o forse mi sbaglio.

Direi che il mio post si centra di più sulle differenze tra i due tipi di pubblicità, ossia quella sessista e quella erotica(o sessuale), non tanto forse sull'influenza che essi provocano.

La mercificazione del corpo femminile, che sicuramente non è l'unico corpo ad essere merficiato c'è... ma credo abbia poco a che fare col sessismo. Infatti nell'articolo cerco di spiegarlo, non so se si capiva.

Concordo quando dici che è meglio spegnere la TV. In prima persona ho smesso già da anni di guardarla, ma nonostante ciò trovo comunque tutti questi spot pubblicitari anche su internet, anche per strada, anche nei cinema... quindi la TV purtroppo non è l'unica fonte di tutta questa spazzatura fuorviante peraltro.

Saluti,
Jan

Raimondo - Niente Barriere ha detto...

Ciao Jan, Benvenuto su Niente Barriere e grazie per aver scritto un post ricco di temi su cui riflettere.
In questo commento hai toccato quattro punti che hanno attirato la mia attenzione:
1. hai usato il termine spazzatura fuorviante. Perfettamente d'accordo.
2. media e soldi vanno a braccetto, dove c'è l'uno c'è anche l'altro.
3. E' vero che non esiste solo la televisione ad educare attualmente la società. Ora secondo me è internet a catturare l'attenzione dei media per via del sempre più utilizzo della gente e il sesso, lo sappiamo tutti, attira una fetta enorme della società, facendo fare alla fine ricavi enormi ai media e alle società
di marketing che usano questo stratagemma subdolo.
A maggior ragione aumenta il rischio di contagio nelle nuove generazioni di un pensiero distorto della vita che potrebbe essere ancor più pericoloso in futuro.
Non sono un bachettone, tutt'altro, ma se fossimo un paese normale questo scempio in tv, questa spazzatura per strada, al cinema dovrebbe essere fermato, o quanto meno maggiormente regolamentato. In tanti stati del mondo è cosi!
Ma purtroppo lo sappiamo chi comanda attualmente in Italia, non di certo la politica ...
4. penso che sia le pubblicità erotiche o sessiste, alla fine ci portano nella stessa direzione e questa differenza, che esiste innegabilmente, alla fine ha lo stesso risultato incivile.

Grazie del commento, a presto

Jan Quarius ha detto...

Grazie a te Raimondo della condivisione.

Ormai al sesso nelle pubblicità non presto attenzione, preferisco quello nella realtà di tutti i giorni e soprattutto quello che scelgo io, non un paio di tette che mi vengono buttate in faccia in uno spot televisivo o una coscia scoperta.

La politica, beh... per prima bisognerebbe cosa intendi per politica se ti riferisci al dominio. Per me la politica è una qualsiasi forma di pensiero espressa mirata ad ottenere scopi di un certo tipo, soprattutto quelli che convengono a noi. Il dominio per me è quasi uno sinonimi, quindi... alla fine non mi fido ne dell'uno ne dell'altro... questo soprattutto perchè ormai la corruzione non ha confini.

Sul fatto che il sesso ed i media stiano insieme per guadagnare, non ci sono dubbi...

Jan

p.s. Non so se hai visto i commenti che ho postato sul mio blog. C'è un problemino, ma visto che questo mio commento è presente, credo non ci sarà. Ti avviso che è probabile che vada a finire nello spam, tutto qui.

Raimondo - Niente Barriere ha detto...

La piattaforma Blogger sta sclerando. stamane da te non riuscivo a lasciare un commento, poi ho cambiato brower (ho usato Mozilla)e per fortuna ho risolto (anche ora sto usando Mozilla).
Io da tempo guardo con distacco e disprezzo alla politica (parlo di quella italiana), sono disabile e a quelli come me ci stanno annientando ...
Come avrai capito in questo blog si possono trovare tematiche che i media non raccontano o quando lo fanno, lo fanno in modo discutibile ....

Jan Quarius ha detto...

A dire il vero 'sta cosa dei commenti mi incuriosisce. Ho consultato alcuni esperti e mi hanno detto che se inserisci un link cliccabile, è molto probabile che ti segnalino come spammer. Io l'ho fatto un paio di volte ed era successo proprio così, ma non lo sapevo.

Comunque... per quale motivo non riuscivi a commentare da me...? Lo chiedo perchè se è un problema del mio blog, vorrei correggerlo, altrimenti la gente non riuscirebbe a commentare. Grazie.

Sì, infatti avevo notato che le tematiche qui in fondo tra le più popolari sono quelle sui disabili.. credo che oggi subiscano molte discriminazioni purtroppo, pensando solo ai bagni ad esempio, spesso non si capisce se alcuni sono per i maschi o per le femmine... ma questo in confronto con la difficoltà di trovare un lavoro in tale situazione è forse poco.

Jan

Raimondo - Niente Barriere ha detto...

Con Chrome non mi appariva proprio lo spazio dei commenti del tuo blog. Credo che sia un problema recente non ricordo infatti di aver avuto lo stesso problema negli ultimi tempi da altre parti. Più tardi provo a lasciare qualche commento in qualche altro blog cosi vedo se è un problema generale che interessa Blogger e Chrome.

Buona Serata, ti aggiornerò sulla faccenda