Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

15 ottobre 2011

Rubano sedia a rotelle a disabile la comunità ispicese è indignata



"E' stata un'azione vergognosa"
 
Ispica - Forte indignazione e sgomento in città per il furto perpetrato nei giorni scorsi a danno di una giovane disabile alla quale hanno rubato la sedia a rotelle. L’episodio si è verificato in pieno centro storico nel quartiere SS Annunziata dove la ragazza abita con la famiglia.

La ragazza aveva l’abitudine di far sistemare la sedia a rotelle nel balconcino con cancelletto di una casa a piano terra vicina a quella in cui abita per evitare di ripiegarla al rientro in casa ma martedì mattina non l’ha trovata.

Nessuno dei vicini si è accorto di nulla ma lo sdegno di tutti è stato notevole soprattutto nel vedere che adesso la ragazza è condannata a casa da due giorni perché non può uscire.

“Possiamo, ha commentato la ragazza, pure capire ma non giustificare il furto di un mobile, di una scala, di un motore ma rubare la sedia a una disabile è quanto di più vergognoso si possa fare”. La famiglia della ragazza ha già denunciato il fatto ai carabinieri della stazione di Ispica e ha già avviato la pratica all’Asp di Ragusa per ottenere una nuova sedia attrezzata e realizzata secondo le esigenze e i problemi della ragazza.

I tempi non saranno quindi brevi e il disagio continuerà per la ragazza e per la sua famiglia. L’associazione Assod, Associazione Sostegno Disabili, guidata dal presidente Paolo Santoro ha messo a disposizione una sedia a rotelle per ovviare momentaneamente al disagio e ha espresso sdegno per il gesto e solidarietà alla ragazza e alla sua famiglia. “Definire ladri gli autori di un tale gesto, ha detto Santoro, è certamente poca cosa. La famiglia della ragazza è tra i nostri soci più anziani e troverà tutto il nostro sostegno. Ai malfattori un invito a pentirsi e restituire la sedia. La Città di Ispica e il nostro pluriennale impegno, ha concluso Santoro, lo meritano”


Giuseppina Franzò, Giovedì 13 Ottobre 2011 

La versione integrale di questo articolo è disponibile sul sito http://www.ilgiornalediragusa.it/

Nessun commento: