Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

08 aprile 2012

Imu, nessuno sconto per le famiglie di disabili adulti

Il decreto “Salva Italia” prevede una detrazione di 50 euro per ogni figlio a carico, ma solo fino a 26 anni. La protesta: «I nostri figli disabili li avremo a carico per tutta la vita»
ROMA – Nel passaggio dall’Ici all’Imu, anche le famiglie di persone disabili si troveranno a pagare conti salati. Il decreto Salva Italia, che pure prevede uno sconto di 50 euro per ogni figlio a carico fino a 26 anni, non concede nulla alle famiglie di disabili adulti, spesso gravi e gravissimi, a carico per tutta la vita. La casa, per queste famiglie, non rappresenta una scelta facoltativa, ma spesso un «obbligo sociale», visto che spesso non vengono concessi immobili in affitto alle persone con disabilità scrive Redattore Sociale.


L'ALLARME - A lanciare l’allarme e chiedere provvedimenti al sindaco di Torino, Piero Fassino, è l’associazione Claudia Bottigelli, che si fa portavoce, in questa come in molte altra cause, delle preoccupazione e dei bisogni delle famiglie di persone disabili. «Come associazione, visti gli ultimi avvenimenti che hanno previsto aumenti di tasse e l’introduzione di nuove, vogliamo sottoporre alla sua attenzione una problematica non indifferente che noi e le famiglie della nostra associazione ci troveremo ad affrontare oltre alle spese ingenti che già la gestione delle nostre famiglie comporta – scrive Marina Cometto, presidente dell’associazione - L’Imu , la nuova imposta municipale sulla casa che da giugno causerà un nuovo salasso nelle famiglie italiane per noi sarà un’ulteriore dimostrazione che quando si legifera non si tiene conto di noi , famiglie disabili. Il decreto Salva Italia ha previsto uno sconto di 50 euro per ogni figlio a carico fiscale fino a 26 anni di età. Noi famiglie con figli disabili gravi e gravissimi che avremo a nostro carico i nostri figli per tutta la loro e nostra vita anche ben oltre i 26 anni ci troviamo a non poter usufruire di questo sconto pur avendo a carico figli di 30, 40, 50 anni».

BASTA DISCRIMINAZIONI - L’acquisto della prima casa rappresenta, per queste famiglie, spesso «un obbligo sociale – continua la Cometto – e non una scelta dettata da dover investire del denaro superfluo. Infatti Lei forse non è a conoscenza che non vengono date case in affitto alle famiglie che hanno una persona con disabilità al suo interno, per cui siamo obbligati, per tutelare i nostri figli e assicurare loro un "tetto sopra la testa" anche dopo che noi non ci saremo più, ad acquistare l’alloggio in cui viviamo con loro e facendo sacrifici enormi». L’associazione chiede quindi, anche in vista dei prossimi tagli al sociale e ai servizi, «che per la quota di Imu a favore del Comune sia previsto lo sconto di 50 euro anche per i figli con disabilità di età superiore ai 26 anni. L’handicap è un "lusso" – conclude la Cometto - e noi famiglie ormai lo abbiamo capito molto bene: faccia in modo, signor Sindaco, che non sia ulteriormente discriminatorio l’essere genitore di un figlio non autosufficiente».

Redattore Sociale

Fonte http://www.corriere.it/

Non so cosa ne pensate voi ma questa cosa qui è davvero vergognosa. Già a nostro parere, la prima casa non si dovrebbe mai tassare, figuriamoci poi prendersela con le famiglie dei disabili e gli anziani per fare cassa. Questo non è da paese civile! Vergogna!! Monti Vergogna!! La politica e i partiti non i vergognano??? Con che coraggio poi chiederanno ancora il voto?

Leggi anche
Imu detrazioni disabili: una legge da correggere

Redatto da Raimondo Orrù per Niente Barriere

SEGUICI SU FACEBOOK!! 

2 commenti:

Ambra ha detto...

Buona Pasqua! Passa una giornata in serenità!

I am ha detto...

Le cose dovranno cambiare, a loro non interessa nulla delle difficoltà altrui. Il parlamento non esiste, in realtà siamo sotto una dittatura finanziaria che tutela gli interessi dei ricchi. Muoviamoci e facciamo sentire la nostra voce1

Buona Pasqua