Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

15 giugno 2011

I segreti del Nucleare e le spese militari

Visto che ogni tanto esce ancora fuori qualcuno che ancora non gli è andato giù il fatto che ha perso il Referendum del 12 e 13 Giugno sul nucleare (VITTORIA ^:^), pubblico una serie di testimonianze scientifiche che spiegano in modo semplice quale siano i motivi reali che spingono certi governi (gli USA soprattutto ma anche la FRANCIA) a dotarsi del nucleare civile: LA GUERRA.


“…  E il segreto sta anche alla base delle centrali nucleari e agli enormi interessi che vi gravitano intorno. Il potere politico, quello che manda gli eserciti ad uccidersi a vicenda, costruisce le centrali nucleari  in nome dell’economia e del progresso e ciò è un grande, vergognoso inganno.  Il loro maggior segreto è che, in tutte le parti del mondo, non sono ancora riusciti ad eliminare con sicurezza le scorie radioattive di queste centrali. I bidoni gettati nella Fossa dell’Atlantico avveleneranno il mare quando, fra qualche decennio, esploderanno.  Ma chi se ne cura? ...”   (antropologo-teosofo Bernardino del  Boca   dal libro  “IL SEGRETO”  PAG. 210 – ediz. 1986)
“(…) Ma allora perché c’è la corsa al nucleare? Il nucleare è anche militare e allora, siccome le società non democratiche si basano sulla violenza, e le società democratiche si basano sulla truffa e sull’inganno, bisogna convincere le persone che lo Stato opera solo a fin di bene, non prepara la guerra e se c’è una guerra è solo in risposta ad un’aggressione esterna. Paola Botta Beltramo, 28 aprile 2011
Il nucleare civile è un modo per occultare il nucleare militare e anche per far vedere che il nostro bilancio della difesa è piccolo perché tanto una parte della spesa della difesa militare viene addossata ai bilanci di altri ministeri, questo viene fatto anche in Italia, Per fare le bombe atomiche bisogna avere le tecnologie adatte, avere il materiale esplosivo pronto, cosicchè in caso di necessità sia possibile costruire un ordigno in una settimana. (….) la Francia avendo risorse minori rispetto a quelle degli Stati Uniti e della Russia ha creato delle centrali d’uso duale in cui recuperano parte dei costi vendendo l’energia. Quindi non è vero che l’energia nucleare costa meno, l’energia nucleare francese viene venduta sottoscosto perché è il sottoprodotto di una produzione militare. Adesso che i pericoli di guerra aumentano, gli interessi di vari paesi si orientano nuovamente verso il nucleare, anche perché sono stati inventati nuovi tipi di armi nucleari diverse da quelle precedenti che richiedono nuovi tipi di impianti ed ecco la necessità di costruire queste nuove centrali. Se si guardasse solamente al problema dell’energia l’idea di costruire impianti nucleari è così assurda che non verrebbe in mente a nessuno.(…)” (prof. Emilio del Giudice, fisico, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dell’International Institute of Biophisics di Neuss (Germania) -  3-2-2008 – Convegno “Pianeta Terra" – Ass. Saras Milano).
”(…)  Il nucleare civile serve a quello militare.  Gli strumenti progettuali e le conoscenze tecnologiche per le applicazioni pacifiche sono derivati dal know-how militare. Costruire centrali nucleari è sempre stata una comoda strada per ammortizzare i costi del nucleare militare.  Non solo: il nucleare civile a sua volta favorisce la proliferazione orizzontale del nucleare militare. Si tranquillizza il mondo con l’obiettivo dichiarato di costruire un impianto civile e così si può lavorare in pace alla costruzione di testate nucleari (…) Grazie  al programma nucleare civile si evitano tanti problemi. Tutto diventa più facile ... Le centrali nucleari producono plutonio come scarto. Si ritrova, in percentuale variabile, nelle scorie radioattive. 1 Kg di plutonio –una pallina da ping pong- ha la potenza di 20.000 tonnellate di tritolo, quanto basta per distruggere una città. Per una bomba  H si impiegano, in media, 5 kg. di plutonio:  una centrale elettronucleare di 1.000 megawatt produce circa 250 Kg annui di plutonio da cui si possono ricavare 40-50 bombe atomiche. Il nucleare civile è un ottimo paravento che permette di lavorare indisturbati sul nucleare militare.  La tecnologia nucleare ha costi enormi. Le centrali nucleari  servono ad ammortizzarli, riducendo i costi del plutonio per uso militare. La ricaduta civile del nucleare militare riduce l’enorme saldo negativo che gli armamenti inducono nel bilancio dello stato. Ecco quindi che le potenze nucleari impongono il nucleare civile che anche se fosse l’energia  meno costosa –il che non è-  e, anche se fosse completamente sicura –il che non è-  resta una soluzione eticamente inacettabile (prof. Angelo Baracca,   professore di fisica Università di Firenze – Comitato “Scienziati contro la guerra” relazione 15-10-2008).
“… Tra il 1943 e il 1945 a Los Alamos - USA, il maggiore centro di ricerca nucleare, 600.000 dipendenti lavoravano in modo compartimentale (succede anche in medicina) così nessuno sapeva che cosa si stesse costruendo.  Il fisico Robert  Oppenheimer  fu processato e condannato a  morte perché voleva che le ricerche fossero note a tutti in quanto riteneva che  la scienza fosse  patrimonio dell’umanità. Fu salvato dalla comunità scientifica internazionale che insorse contro il governo  statunitense  (…) Le centrali nucleari sono state costruite oltre che per fabbricare bombe anche per fabbricare motori nucleari da utilizzare nei sommergibili e nelle portaerei  consentendo a questi mezzi riserve di energia di 2 0 3 anni (…) quindi  il nucleare civile è una stampella di quello  militare (...).  Più si creano  reattori raffinati più aumentano i rischi. (…)   La sicurezza nucleare è una menzogna“ (prof. Luigi Sertorio, docente di Ecofisica Università di Torino; ha lavorato 15 anni a Los Alamos USA e 3 anni nella divisione ambientale della NATO Europa – conferenza 26-4-2011 – Torino – Le bugie nucleari).
SIPRI – Istituto di ricerca della pace di Stoccolma –www.sipri.org -  Il giorno 11 aprile 2011 ha pubblicato i dati relativi alla spesa militare mondiale  ANNO  2010: 1630 MILIARDI  DI  DOLLARI (pari a circa  4,46 miliardi di dollari al giorno  ovvero  circa  3 milioni  di dollari al minuto).
Dal libro “La Dimensione Umana” ediz. 1971 dell’antropologo-teosofo  Bernardino del Boca: pag. 272: “… Ci sono libri scientifici che sono un esempio di come agisce il pensiero analogo: sembrano libri scritti con serietà e serenità ma se si usa la propria coscienza, cioè se invece di accettare passivamente quei pensieri si pensa con la propria mente, si rimane spaventati per le orribili implicazioni che contengono. Non ci devono perciò stupire i risultati delle indagini degli esperti dell’intelligenza, secondo i quali, nonostante che in questi ultimi 50 anni la scienza e la tecnica abbiano prodotto nella vita umana i più sbalorditivi e rivoluzionari cambiamenti che hanno imposto la cultura a tutti, l’intelligenza media nel mondo sta calando invece di aumentare. Il nostro concetto  di intelligenza è anch’esso molto limitato dalla nostra attuale dimensione umana e ne abbiamo un esempio nel modo di agire delle grandi potenze. Da secoli si dice che si fanno le guerre sotto la spietata spinta del bisogno, ma oggi le grandi potenze spendono negli armamenti cifre astronomiche che se usate per soddisfare i bisogni dei popoli sottosviluppati e dei poveri toglierebbero dalla terra ogni motivo di aggressività …”.

Pag. 66: “… Finchè non sarà fatta una sintesi  tra i vari rami della scienza e non si sarà sottoposta questa sintesi alla luce della spiritualità, il fenomeno umano non potrà essere compreso nella sua finalità e nemmeno nelle sua espressione individuale”.
Pag. 239: “... U Thant, ex Segretario Generale del’Onu: “ La verità, la grande capitale verità, per quel  che riguarda le nazioni sviluppate del giorno d’oggi, è che esse possono avere quasi nel più breve tempo immaginabile tutte le risorse che vogliono. Non sono più le risorse quelle che limitano le decisioni. Sono le decisioni quelle che determinano le risorse. E questo è un cambiamento rivoluzionario –forse il più rivoluzionario- che il genere umano abbia conosciuto”. Per  prendere le nuove decisioni è necessario avere una nuova mentalità. Chi è schiavo del bisogno o delle ricchezze, del  potere o della sua posizione sociale, chi si identifica con i valori creati dall’egoismo e dall’ingiustizia, non può prendere le nuove decisioni, poiché  è schiavo di troppe paure. Ma i pensieri che rendono possibile l’emancipazione dell’uomo dall’ignoranza, dall’egoismo e dalla paura hanno una forza irresistibile poiché essi sorgono dallo stesso lento fluire della Vita  verso il formarsi del nuovo piano di coscienza” .
Paola Botta Beltramo
OTS - Biella
28 aprile 2011
Fonte Stop the War Italia

Nessun commento: