Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

03 dicembre 2011

Prestiti in aumento, il “magro” Natale degli italiani

(foto bebeblog.it)


Le festività natalizie si avvicinano, ma per molti italiani riuscire ad affrontarle in maniera giusta vuol dire compiere grandi sacrifici, impensabili in un periodo di crisi economica com’è quello attuale. Ecco perchè è in aumento, secondo alcune recenti analisi portate avanti da Prestiti.it, la percentuale di richieste sui prestiti avanzate dalle famiglie del Belpaese, in cerca di liquidità proprio per far fronte alle spese di fine anno.

L’analisi del portale prende in considerazione un campione di mille persone, tutte accomunate da questa tendenza a ricercare un buon finanziamento. Stando ai risultati, il 61% degli intervistati si muoverà in questa maniera per acquistare i regali, il 30% punterà alla classica settimana bianca, mentre il restante 9% punterà sul cenone della fine dell’anno.

Evidenti, dunque, le difficoltà degli italiani in un periodo che per tradizione, invece, è fatto di spese maggiori rispetto al resto dell’anno. E invece aumenta la richiesta di prestiti, così come aumentano anche i pagamenti dilazionati per non rinunciare all’oggetto da regalare, portando però avanti il debito nei mesi seguenti.

Nelle statistiche, spazio anche ai valori dei finanziamenti richiesti: il 54% del campione ha dichiarato che il finanziamento migliore non potrà che essere superiore ai duemila euro, con una prevalenza piuttosto marcata di uomini. Decisamente minori, attorno ai sei punti percentuali, le richieste per prestiti di piccola entità.

I più intenzionati a richiedere questo genere di prestiti sono i giovani di età massima pari a 25 anni e gli ultra sessantenni. Per tutti, comunque, si preannunciano tempi di restituzione non brevissimi: si parla anche di due anni di tempo per riuscire a rimborsare i finanziamenti in questione.

di Matteo Aldamonte

La versione integrale di questo articolo è presente sul sito http://www.ciakprestitiemutui.com/

Nessun commento: