Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

20 dicembre 2011

La ragazza allergica all’acqua: non può piangere e farsi la doccia è una tortura

(Una ragazza allergica all'acqua - immagine di mo24.it)


di Simona Vitale -

Triste storia quella di Katie Dell, 26enne gallese che soffre di orticaria acquagenica, una malattia molto rara (ne soffrono attualmente 35 persone in tutto il mondo) che la rende allergica all'acqua. Katie non può piangere: le lacrime le bruciano il viso. Anche farsi la doccia è un'esperienza terribile: la donna sta male per almeno due ore, vittima di pruriti irresistibili e bruciori estremamente dolorosi.

La vita della 26enne Katie Dell, di Flint, nel Galles del Nord, è per molti aspetti un vero e proprio incubo. La donna, infatti, è allergica all’acqua. Questa giovane donna non può nemmeno piangere, perchè le lacrime le bruciano il viso. Oltre a questo Katie ha anche dovuto rinunciare al suo lavoro di insegnante di danza perchè il sudore le provocava delle dolorosissime eruzioni cutanee.

Il Sole 24 Ore riportò un caso analogo, in cui la protagonista è Michaela Dutton.

A Katie fu diagnosticata due anni fa un‘orticaria acquagenica, una forma di orticaria della pelle così rara che solo 35 persone al mondo ne sono affette. “Non posso guardare un film romantico o commovente. Se sento che sto per piangere, devo spegnere il televisore. Ho perso la fine di tanti film” ha dichiarato Katie. Suo marito Andy deve anche aiutarla nel fare la doccia: ”Devo essere molto veloce, lui mi lava i capelli, mentre io lavo il mio corpo. Non posso andare da nessuna parte per almeno due ore dopo, perché è troppo doloroso” ha aggiunto Katie.

I primi sintomi comparvero quando Katie aveva sedici anni, subito dopo l’operazione alle tonsille. “Presi la penicillina, a cui solo dopo scoprii di essere allergica. I medici pensano che questo potesse aver alterato il livello di istamina nel mio corpo” ha aggiunto Katie. Inzialmente si pensava che le sue eruzioni cutanee fossero dovute all’allergia ad alcuni prodotti per la pulizia, come shampoo o bagnoschiuma, ma pur cambiando prodotti la situazione non migliorava affatto. Katie provò anche a cambiare regime alimentare, pensando a qualche intolleranza, ma nulla. Solo due anni fa le è stata diagnosticata, correttamente, l’orticaria acquagenica, che le provoca pruriti irresistibili e terribili bruciori. “Gli inverni umidi sono terribili per me. Se voglio uscire di casa sono costretta a guardare le previsioni del tempo. È difficile per me avere una vita sociale e non credo che le cose miglioreranno  nel corso del tempo”. Purtroppo per questa rara malattia non può essere curata completamente e Katie, per forza di cose, sta imparando a conviverci.

La versione originale di questo articolo è presente sul sito http://attualissimo.it/

SEGUICI SU FACEBOOK!

1 commento:

renato ha detto...

l'acqua non crea allergie e/o intolleranze,NON è l'acqua ma quello che contiene l'acqua, con l'alimentazione contaminata, e la stessa acqua contaminata, l'organismo sicuramente non reagisce a questi componenti creando di conseguenza una pseudo allergia / intolleranza, infatti dice " non può piangere e sudare, le lacrime hanno un loro pH esattamente come il sudore,quindi , prima di dare certe notizie si informassero adeguatamente .