Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

08 settembre 2011

Diversamente abili, ugualmente bravi.


di M.Vittoria De Matteis (mv.dematteis@rai.it)
Fattorie e osterie gestite da gruppi di ragazzi disabili, progetti imprenditoriali votati ad offrire opportunità di lavoro a chi - per diverse ragioni - si ritrova escluso dal circuito produttivo
Fare un lavoro vero in un ambiente umano. E’ il desiderio di un gruppo di ragazzi disabili che a Modena hanno dato vita ad un progetto ambizioso. Ma esempi simili esistono anche a Lucca, Prato, Roma, Sassari, Modena. Ad Arezzo, si è tenuto il corso di formazione professionale 'Mani in pasta' a cui ha partecipato un gruppo di ragazzi diversamente abili. L’obiettivo e stato di stimolare le capacità relazionali e di autonomia dei partecipanti, ma anche quello di fornire conoscenze e competenze specifiche sulla ristorazione al fine di consentire il loro inserimento in pizzerie, ristoranti o pasticcerie.
Luoghi accoglienti, con bei quadri alle pareti che esprimono ciò che si può fare malgrado qualche difficoltà fisica o psichica, come nel locale romano di Trastevere, gestito da una cooperativa promossa dalla Comunità di Sant’Egidio. Il progetto prevede il lavoro educativo di operatori, che affiancano gli utenti durante l'attività che si svolge in sala ristorante, finalizzato a facilitare l'acquisizione di strumenti relazionali e professionali. Tale acquisizione avviene in presenza dei clienti, caratterizzando il progetto come un laboratorio “in fieri” in cui, ciò che avviene durante l'attività di ristorazione, diventa stimolo formativo. Il lavoro quindi si propone di essere anche strumento educativo per costruire un percorso di apprendimenti sia a livello di relazioni interpersonali, che di autonomie, cura di sé, di indipendenza.
E il menù proposto è il risultato di un lavoro che non si può negare a qualcuno solo perché disabile. Queste iniziative hanno offerto a diversi pazienti con grave disagio l’opportunità di sperimentare un’esperienza di lavoro retribuita, e sentirsi produttivi, quindi inseriti, accettati, ‘normali’. I più responsabili hanno poi addirittura voluto proseguire sulla strada della promozione dell’autonomia, percorso che ha evidenziato in ragazzi - crollati di fronte alle difficoltà della vita - enormi potenzialità, come raccontano i docenti di sostegno di un Istituto Alberghiero di alcuni loro alunni - di cui tre con sindrome di Down - bravissimi nella preparazione cibi, in sala e al bar. Come nel film italiano ‘Si può fare’, dove un gruppo di disabili psichici sperimentano con successo un’ impegno professionale, quest’esperienza si configura come un’opportunità in cui l’integrazione è possibile. E lo è in maniera più consistente perché i ragazzi hanno modo di conoscersi, di collaborare, imparare qualcosa di diverso - le mansioni pratiche - e affinare le conoscenze acquisite durante le lezioni teoriche in classe.
La versione integrale di questo articolo è disponibile sul sito: http://www.televideo.rai.it/

Nessun commento: