Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

05 marzo 2012

Diabete aumenta rischio di ictus

Più a lungo si ha il diabete, più alto sarà il rischio di ictus, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Stroke, un American Heart Association Journal.

Nello studio, il diabete aumentava il rischio di ictus del 3 per cento ogni anno e triplicava il rischio nelle persone che avevano il diabete per 10 anni o più, rispetto alle persone senza diabete.

“I risultati sottolineano la natura cronica del diabete e il fatto che danneggia i vasi sanguigni nel tempo”, ha detto Mitchell SV Elkind, autore senior dello studio e presidente associato di neurologia per la ricerca clinica e per la formazione presso la Columbia University Medical Center a New York City.

I risultati hanno implicazioni sulla salute pubblica.

“Sebbene i tassi di ictus siano diminuiti in generale, l’aumento dell’incidenza del diabete potrebbe comportare un aumento di ictus in futuro”, ha detto Elkind.

Mentre la ricerca precedente aveva esaminato la relazione tra diabete e ictus nelle donne, questo è il primo a esaminare se il diabete di tipo 2 in entrambi i sessi influisce sul rischio di ictus ischemico. L’ictus ischemico è il tipo più comune di ictus causato dal blocco del normale flusso di sangue al cervello. Mentre il diabete è un fattore di rischio noto per ictus, l’influenza della durata del diabete non è ancora chiara.

Dopo aver considerato altri fattori come l’età, abitudine al fumo, attività fisica, la storia di malattie cardiache, la pressione sanguigna e il colesterolo, i ricercatori hanno detto che rispetto alle persone senza diabete, il rischio di ictus è aumentato del 70 per cento nelle persone con diabete da meno di cinque anni, dell’80 per cento nelle persone con diabete per cinque a 10 anni e di ben tre volte (300%) nelle persone con diabete per 10 anni o più.

Per le persone con diabete, il rischio di ictus dipende da quando il diabete è stato diagnosticato, ha detto Elkind. Tuttavia, l’insorgenza di diabete può avvenire da quattro a sette anni prima della diagnosi. Una possibile soluzione è quella di ritardare l’insorgenza del diabete mettendo in atto comportamenti sani, in particolare tra i giovani, suggerisce Elkind.

“Eravamo soliti pensare al diabete di tipo 2 come una malattia che affligge una popolazione matura, magari dopo una vita di cattive abitudini alimentari”, ha detto Elkind, che è anche professore associato di neurologia ed epidemiologia alla Columbia. “Ma l’età della diagnosi è sempre più precoce a causa del problema dell’obesità tra i giovani.”

Pertanto, i giovani dovrebbero essere educati sul diabete e su come prevenirlo, conclude Elkind.

La versione integrale e originale di questo post è presente sul sito
http://gaianews.it/

SEGUICI SU FACEBOOK

Nessun commento: