Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

18 marzo 2012

Cancro al fegato: scoperto un nuovo composto che lo elimina rapidamente

Scoperto da un team di ricercatori guidato da Devanand Sarkar, MBBS, Ph.D., Harrison Scholar presso la Virginia Commonwealth University (VCU) Massey Cancer Center, Blick Scholar e professore assistente presso il Dipartimento di Genetica Umana e Molecolare e membro del VCU dell’Istituto di Medicina Molecolare presso la Facoltà di Medicina VCU e recentemente pubblicato sulla rivista della National Academy of Sciences, lo studio dimostra che le cellule di HCC hanno un “dipendenza da oncogeni” per il fattore di trascrizione tardiva SV40 Factor (LSF). La dipendenza da oncogeni è un termine utilizzato quando una cellula tumorale si trova a dipendere da un singolo gene per sopravvivere. Utilizzando il composto Factor chinolinone Inhibitor 1 (FQI1), gli scienziati hanno impedito a LSF di legarsi al DNA HCC durante il processo di trascrizione, che è il primo passo di una serie di azioni che portano alla divisione cellulare e alla duplicazione. Questa azione ha causato una rapida morte delle cellule HCC negli esperimenti di laboratorio e una drastica riduzione della crescita tumorale in modelli murini senza tossicità osservabile nelle normali cellule epatiche. “Potremmo essere sul punto di sviluppare un nuovo farmaco efficace per il cancro al fegato”, ha detto Sarkar. “Negli ultimi 2-3 anni, abbiamo analizzato che il ruolo di LSF nel cancro al fegato con screening di oltre 110.000 composti per identificare quelli che inibiscono la funzione LSF. Abbiamo identificato FQI1 come uno di una classe di composti efficaci, ma mai avremmo previsto che avrebbe funzionato bene.” Sarkar ha scoperto che il ruolo di LSF nel cancro del fegato nel 2010, quando ha dimostrato livelli di LSF significativamente più elevati nei pazienti con carcinoma epatocellulare rispetto ai soggetti sani, e ha dimostrato che l’inibizione della LSF ha ridotto la progressione del carcinoma epatocellulare in esperimenti di laboratorio. Questa scoperta ha portato alla collaborazione tra VCU e la Boston University che ha portato alla scoperta di FQI1. Ora che FQI1 è stato identificato, studi farmacocinetici sono stati condotti per determinare come il farmaco si comporterà nel corpo umano. Una volta che gli scienziati determineranno come il farmaco viene assorbito, distribuito, metabolizzato ed eliminato dal corpo, che le loro scoperte verranno tradotte in studi clinici per i pazienti con cancro al fegato. “Abbiamo dimostrato che questo composto è efficace e non tossico negli animali viventi”, ha detto Sarkar. “Anche se non so come reagisce FQI1 negli esseri umani fino alla prima sperimentazione clinica, siamo molto contenti dei nostri risultati e spero che possano portare ad un nuovo farmaco per una malattia che attualmente è molto difficile da trattare.”

fonte http://www.globochannel.com/

SEGUICI SU FACEBOOK 

Nessun commento: