Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

04 marzo 2012

Rapimento Rossella Urru - Il Terrorismo in Africa Sub-Sahariana

... Nell'Africa Sub-Sahariana, sono presenti, storicamente dei movimenti di protesta, indipendentisti, spesso armati, sia in Algeria, in Tunisia, in Marocco, Mauritania, ma la situazione si è ulteriormente complicata dal 2003, anno in cui una sorta di insurrezione armata islamista ha scosso la regione, dichiarando la propria esistenza proprio con un grande rapimento: 33 turisti occidentali.
Se consideriamo che il turismo era una delle più grandi risorse della zona, queste organizzazioni non hanno fatto altro che creare problemi alle locali popolazioni.

Il salto di qualità, secondo quanto dicono i più autorevoli siti di difesa italiani ed internaziolnali, è stato fatto nel 2007, quando questi 'indipendentisti', si sono legati ad Al Queda, facendo del rapimento di occidentali la loro maggiore fonte di sostentamento economico per comprare armi, nonché per 'pubblicità, potere, terrore e rispetto per avere altri adepti', prendendo la denominazione AQIM.
I sequestri di persona, coinvolgono dei gruppi criminali locali, che vendono poi gli ostaggi agli operativi di AQIM nel Sahel, loro poi cosa ci guadagnano?

Nel caso di Rossella Urru, speriamo solo che il loro scopo sia un semplice riscatto in denaro, perché com'è successo nel 2009, per un giornalista francese, Dyer, rapito all'interno dell'albergo in cui risiedeva, dopo aver alzato la posta - e quindi l'attenzione dei media occidentali - questo è stato assassinato.

Ps: L'Italia, é uno dei pochi paesi occidentali, che scende a compromessi per far liberare i propri cittadini sequestrati all'estero, questa cosa è buona, secondo la mia opinione, nonostante poi, a livello di politica internazionale, sia biasimata ufficialmente da quasi tutti gli stati.


La versione integrale e originale di questo articolo è presente sul sito
http://arcanaintellego.blogspot.com/

Fonte

Leggi anche La realtà non corre alla velocità di un "Tweet" da La Stampa


Quello che è successo ieri ci ha colpito e rattristato parecchio. Eravamo felicissimi e siamo stati tra i primi che hanno divulgato la notizia (riprendendo il flash d'agenzia del Corriere della Sera). Il nostro post è finito a lungo nell'aggregatore di notizie TzeTze e di conseguenza poi in home page da Grillo. Ma... Se potessi tornare indietro non scriverei una virgola. D'ora in avanti sulla vicenda di Rossella Urru questo Blog diffonderà soltanto notizie ufficiali provenienti dalla Farnesina. Questo per evitare altri spiacevoli inconvenienti o "torture", come sconsolatamente ha giustamente commentato il padre di Rossella Urru.
Grazie e un saluto da
Raimondo  Orrù - Niente Barriere


SEGUICI SU FACEBOOK

1 commento:

Niente Barriere ha detto...

"Il vero errore lo hanno fatto i giornalisti, che sono pagati per controllare la veridicità dei fatti e fare le verifiche incrociate e non per accodarsi agli entusiasmi. Se i professionisti appaiono certi, allora tutti gli altri hanno diritto di pensare che la notizia sia vera. Quando rivendichiamo l’importanza del giornalismo per avere un’informazione seria e affidabile, dobbiamo innanzitutto sentire la responsabilità che pesa sulle nostre spalle e ricordarci che la credibilità è il nostro unico, vero, patrimonio."
[Mario Calabresi - La Stampa]
http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/editoriali/hrubrica.asp?ID_blog=273