31 marzo 2012

Nasce “Love Ability”, un sito dedicato all’amore e alla disabilità


Nasce “Love Ability”, un sito interamente dedicato al tema della sessualità e della disabilità. Un luogo di confronto e di scambio, dove le persone possano trovare spazi per parlare di temi che difficilmente trovano ascolto in altri luoghi. Non solo: su Love Ability (www.loveability.it) si potranno incontrare persone, ma non sarà una rubrica di “appuntamenti”: “L’amore – dicono i promotori – non ha categorie”. Tutto parte da un’idea di Maximiliano Ulivieri, web designer, quarantaduenne di origini toscane che da anni vive a Bologna con la moglie. Ulivieri, che convive con la distrofia muscolare sin da bambino, e già noto per il suo sito sull’accessibilità “Diversamente agibile”, e sono molte le persone che hanno letto i racconti delle sue esperienze, dei suoi sogni e – a volte – dei suoi sfoghi.

“Love ability è dunque uno spazio libero per potersi raccontare, cosa molto importante per chi soffre del silenzio, dentro e fuori di sé”. La sessualità per le persone disabili è un tema molto delicato, di cui spesso non si parla, per timore o vergogna. Con “Love Ability” Ulivieri vuole invece cercare di fare chiarezza proprio là dove c’è tanta ombra, per aiutare disabili e non ad affrontare serenamente una vita affettiva.

“Il sito – continua – non è assolutamente indirizzato solo a persone con problemi, anche perché nascono spesso molte storie d’amore tra disabili e non, e vengo contattato da ragazze che mi scrivono perché hanno dubbi su come relazionarsi. Insomma, l’amore non ha categoria”. Per promuovere il progetto è partita anche un’iniziativa fotografica, per partecipare si può mandare una foto con la scritta I love ability che verrà selezionata per la pubblicazione sul sito: “Sono loro i miei revolutionary lovers”.

Il sito, che verrà messo on line a giorni e che ora ospita soltanto il conto alla rovescia per la pubblicazione, contiene varie sezioni, dalla “Story ability”, in cui le coppie possono raccontare la loro storia, al “Dating ability”, uno spazio per conoscere e farsi conoscere. “Non è come i classici siti di ricerca partner – spiega Ulivieri – voglio partecipazione. Chi vuole iscriversi deve mandarmi un articolo su di sé, non tre righe, e una foto. Inizialmente non si potrà contattare direttamente la persona che si vuole conoscere, questo per evitare messaggi non graditi. Intanto si possono lasciare commenti in una scheda personale, e poi ad ogni iscritto lascerò una mail personalizzata…”.

C’è poi uno spazio, “News ability”, dove sono raccolte le testimonianze di alcuni disabili che hanno raggiunto l’obiettivo della loro vita (nel lavoro, nello sport). Il sito contiene infine una sezione “Book ability”, dedicata ai contributi fotografici degli utenti. “Cercherò di pagare per gli articoli che verranno mandati – si augura Ulivieri – e questo sarà tanto più possibile grazie al contributo degli sponsor”. Obiettivo del sito è anche quello di fornire consigli pratici e consulenze: per fare questo Ulivieri si avvarrà dell’aiuto esterno di un medico, oltre che della sua esperienza personale. “Love ability” nasce grazie ad una sottoscrizione “dal basso”: i contributi dei cittadini hanno già superato i 2.000 euro.

La versione integrale di questo articolo è presente sul sito
http://affaritaliani.libero.it/

Redatto da Raimondo Orrù per Niente Barriere

SEGUICI SU FACEBOOK! 

Nessun commento:

Proponi questo Post su OKNOTIZIE (CLICCA L'IMMAGINE QUA' SOTTO)

OkNotizie

Giornale Radio Sociale

Le speaker volontarie della solidarietà: Dora Millaci e Giusy Luvarà


Questo Blog sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee, quindi è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento i contenuti presenti in questo sito con l'unica condizione di citarne la fonte. Se qualche articolo violasse i diritti di qualcuno (copyright) segnalalo (manda una email a nientebarriere@gmail.com) e si provvederà quanto prima alla rimozione. Niente Barriere non è una testata giornalistica visto che lo stesso viene aggiornato soltanto quando l'autore ne ha la possibilità. Non può dunque considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/01. Ti ricordiamo infine che questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia.

Licenza Creative Commons