Niente Barriere sara'in manutenzione per qualche giorno, ci scusiamo per eventuali disagi.

16 marzo 2012

Sanità, Federconsumatori “Effetto tagli, la salute diventa un mercato”

La spesa  privata  per la salute cresce fino a 30,6 miliardi di euro, con un incremento del +8% nel periodo 2007-2010.
Lo rende noto Federconsumatori.
“La ricerca diffusa oggi dal Censis conferma che per la salute i cittadini spendono  troppo di tasca propria e che la fallimentare politica dei tagli  sta producendo danni irreversibili al Servizio Sanitario Nazionale e discriminazioni inaccettabili nei confronti dei cittadini in difficoltà – spiega il comunicato dell’associazione – La riduzione dei servizi e delle prestazioni pubbliche spinge i cittadini a ricorrere al privato, dove si sta diffondendo una vera e propria “sanità low cost” con relativa caccia alle offerte, speso a scapito della qualità e dell’attendibilità delle cure”.
La Federconsumatori ribadisce che il diritto alla salute non può sottostare alle logiche di mercato.
“Per questo chiediamo al Governo – annunciano – di contrastare la diffusione del “mercato della salute” perché la salute non è e non può diventare una merce. E’ necessario tornare ad investire nella sanità pubblica, per garantire a tutti  il diritto alla salute e la qualità dei servizi e delle prestazioni”.

La versione integrale di questo articolo è presente sul sito
http://www.agopress.info/

SEGUICI SU FACEBOOK 

1 commento:

@enio ha detto...

lo è sempre stato un mercato e abbastanza redditizio... la salute costa cara.